SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

In viaggio nella Bassa con il Fai tra ricordi e musica

Mirandola, Concordia e San Felice sono le protagoniste della Giornata d’Autunno Fai – Fondo Ambiente Italiano in programma domenica 15 ottobre.

La manifestazione nazionale Fai Marathon da quest’anno cede il passo alla Giornata Fai d’Autunno, ma la Delegazione di Modena del Fondo Ambiente Italiano non si è fatta trovare impreparata.

Il Gruppo Fai Giovani Modena e il Gruppo Fai Bassa Modenese propongono due differenti itinerari tematici alla scoperta di luoghi insoliti del nostro territorio.

In occasione della ricorrenza del centenario della battaglia di Caporetto a Modena si organizzerà un percorso legato a luoghi, strutture e monumenti del periodo della Grande Guerra, tra i più significativi esempi delle tendenze artistiche, architettoniche e urbanistiche dell’epoca. 

Tra Mirandola, Concordia e San Felice si svilupperà, invece, in forma itinerante, un percorso a tre tappe con modi differenti di interpretare la musica e i suoi luoghi (ancora inagibili a causa del terremoto del 2012). Accompagnati dai ‘Ciceroni’ della Fondazione Scuola di Musica C.G. Andreoli, i visitatori percorreranno il territorio della Bassa modenese attraverso alcuni luoghi dedicati alla musica, in un viaggio tra melodie e architetture, dal classico al moderno, dal romanico al liberty, dalla musica sacra al Jazz contemporaneo.

Questo il programma:

PRIMA TAPPA

Pieve di Santa Maria Della Neve di Quarantoli (Mirandola) – ore 10.00 Messa cantata celebrata nel sagrato con le Corali unite Agàpe di San Felice sul Panaro, formazione che nei suoi oltre vent’anni di attività concertistica ha avuto anche occasione di esibirsi più volte in Vaticano e Sant’Eurosia di Camposanto, che ha collaborato con direttori, organisti e solisti di fama internazionale fra i quali Davide Zanasi, Stefano Pellini, Dragan Babic, Benedetta Orsi e Brigitte Canins.

La chiesa eretta già nel secolo IX, documentata a partire dal 1044, costituiva un importante centro del territorio al pari della vicina e più famosa Abbazia di Nonantola. Nel secolo XII venne completamente riedificata su iniziativa di Matilde di Canossa in forme romaniche. La data di consacrazione avvenuta il 15 novembre 1114 è scolpita sull’altare maggiore. Dopo i restauri quattrocenteschi, nel 1670 fu trasformata in quelle linee barocche che si sono conservate chiaramente nella facciata. Successivamente, gli interventi di restauro della prima metà del ‘900 se da un lato cercarono di mettere in luce le caratteristiche romaniche, dall’altro apportarono delle modifiche molto radicali. L’interno è una miniera di sculture e reperti, databili ad un periodo compreso tra il XII e XIII secolo, che vengono attribuite alla scuola del Wiligelmo che in quegli anni operava nel Duomo di Modena. Tuttora inagibile a causa del sisma 2012.

SECONDA TAPPA

Teatro del Popolo di Concordia sulla Secchia – ore 14.30 la Banda giovanile John Lennon della Fondazione C. e G. Andreoli in concerto tra il Teatro e il fiume, tra natura e urbe, tra paesaggio e architettura. L’Orchestra con più di 50 giovani elementi, vanta concerti all’estero, collaborazioni con i Maestri Goran Bregović e Nicola Piovani, e si colloca tra le giovani orchestre europee.

Il Teatro viene inaugurato nel 1934 come Teatro del Littorio. Edificio autonomo con linee semplici ed essenziali di gusto neoclassico presenta al centro un vano porticato con sovrastante finestrone e timpano. L’interno presenta pianta rettangolare ed è costituita da platea e due ordini di gallerie con balconate a fascia continua, caratterizzate da una morbida curva a ferro di cavallo. È presente il bel velario dipinto in stile Novecento riconducibile ad Arcangelo Salvarani, una delle personalità più interessanti dell’arte modenese del periodo. Tuttora inagibile a causa del sisma 2012.

TERZA TAPPA

Teatro Comunale San Felice sul Panaro – Ore 17.00 davanti al teatro, concerto di”Gianni Vancini Unplugged”, rivisitazione acustica di alcuni brani originali del sassofonista mirandolese di fama internazionale e un tributo ad alcuni celebri brani della musica italiana.

Nel 1905 venne affidato ad Arturo Prati, esponente emiliano del rinnovamento modernista, il progetto del teatro. Era presente un solo ordine di palchi, più altri tre centrali nell’ordine superiore affiancati da semplici gradinate, e più in alto ancora, un loggione centrale con colonne e ringhiere in ferro. L’esterno del fabbricato di aspetto sobrio e maestoso, caratterizzato da un rivestimento a bugne, contrastava con l’eleganza e la modernità del suo interno. La carenza di palchi e la mancanza dell’impianto di riscaldamento, portarono alla completa trasformazione del teatro negli anni 1923-24 su progetto di Emilio Giorgi che propose un impianto più tradizionale con tre ordini di palchi e la balconata di loggione. Fu ampliato anche il boccascena e della struttura originaria rimasero la volta decorata a motivi floreali di ascendenza secessionistica e l’atrio caratterizzato da un balconcino liberty in ferro battuto.Tuttora inagibile a causa del sisma 2012.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: