SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Alluvione, il diario di una volontaria nello sgombero di Villa Anna

alluvione modena vigili del fuoco nonnina evacuata“Secchia. Argine. Evacuare. Vieni a Marzaglia”. La telefonata mi sveglia all’improvviso domenica mattina, poco dopo le dieci. Ricordo solo queste parole. Con gli occhi ancora impastati di sonno cerco di riordinare le idee; caffè, divisa, zaino.
Stivali? Sì dai, metti che servano. Spiego al volo la situazione ai miei genitori ed esco. “Stai attenta” mi dice mia madre. E in un attimo torno con la mente a maggio 2012.

Lungo la strada, con una telefonata mi esortano a fare in fretta: in quel momento capisco che la situazione è più grave del previsto.
Il CUP di Marzaglia, sede del Gruppo Comunale Volontari Protezione Civile di Modena, è gremito di persone e nonostante la confusione in pochissimo tempo veniamo registrati e destinati: San Matteo, bisogna evacuare il pensionato Villa Anna.
Io e altri colleghi partiamo con due pullmini, ai quali successivamente si aggiungerà una nostra ambulanza incontrata lungo il percorso.

Molte strade sono chiuse, passiamo per una Bastiglia non ancora raggiunta dall’alluvione, poi a un certo punto la vediamo: acqua. Ovunque. Ci ritroviamo circondati da fango, campi completamente allagati e case isolate. La visione ci spiazza, rimaniamo senza parole: qualche ‘mamma mia’ riempie il silenzio, ma nient’altro.
Arrivati sul posto ci mettiamo a disposizione dei Vigili Del Fuoco: c’è chi aiuta durante la staffetta umana, chi predispone i mezzi, chi si prende cura dei pazienti e scambia due chiacchiere con loro mentre aspettano di essere evacuati.
Fa freddo, l’acqua entra negli stivali diventati ormai inutili.
Un signore più volte mi chiede di portarlo via in fretta, di andare “in un posto in cui non c’è acqua perché ho paura“.
Il livello continua a salire, la sirena di allarme di Villa Anna suona a ripetizione. Ci viene detto di fare in fretta perché potrebbe sorprenderci un’altra piena. Nonostante il caos e la concitazione, l’evacuazione va per il meglio e in un’ora siam fuori.
Scaricati i pazienti all’ospedale di Baggiovara facciamo ritorno a Marzaglia: siamo stanchi, infreddoliti e bagnati, ma dopo una tazza di the caldo ci rimettiamo a disposizione.
“Andate a casa, riposatevi”, ci viene detto. E così, lasciato il fango alle spalle, facciamo ritorno.
I giorni seguenti prestiamo servizio nel centro di smistamento di Modena Est, in quello di accoglienza di Gesù Redentore e al CUP di Marzaglia: mentre i nostri colleghi lavorano sul posto noi registriamo sfollati, gestiamo l’assistenza e aiutiamo il coordinamento regionale di Protezione Civile ad organizzare le squadre che operano sul territorio.
L’acqua pian piano si sta ritirando, molte persone sono tornate a casa. Ma c’è ancora tanto da fare.

Mariagiulia Nozzi, volontaria Croce Blu Modena

Rubriche

Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Primo giorno di primavera, e in città tornano le rondini
    Questo uccello è molto utile per l’uomo, in quanto essa si ciba di insetti, soprattutto zanzare, mosche e cimici[...]
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    Rubarono una statuetta dal museo 55 anni fa, ora torna a Modena
    E' stata restituita alla città dai Carabinieri[...]
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Cane cieco cade nel fiume, salvato dai pompieri
    Ne è uscito infreddolito è spaventato, ma incolume[...]
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    Il nuovo ponte sul Panaro a Bomporto sara intitolato ai militari americani
    L'annucnio del sindaco in occasione della visita dell’Ambasciatore americano Lewis M. Eisenberg e del Console Benjamin V. Wohlauer [...]
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Liberi di guidare sempre, incontri di educazione stradale per gli anziani
    Per aggiornare soprattutto sulle nuove norme stradali e per un uso corretto della guida e della strada[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: