SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Alluvioni, quel filo di morte e devastazione che ci lega la resto d’Italia nell’indifferenza della politica

Teramo marzo 2011

Teramo marzo 2011

Una lettera, accompagnata dalle tragiche fotografie delle alluvioni che regolarmente sconquassano il Paese lasciando dietro di sè devastazione e morte.
L’ha scritta un alluvionato toscano, Paolo Franceschetti, che prova così a chiedere attenzione e reclamare diritti, come la no tax area.

Lipari 2012

Lipari 2012

Il recente dramma vissuto dai cittadini di Bastiglia e di Bomporto è solo la 20^ puntata del medesimo Dramma nazionale. Tante sono state le alluvioni italiane susseguitesi dal febbraio 2011 a oggi, in più ci sono stati terremoti e persino una tromba d’aria nel modenese.

Marina di Campo 2011

Marina di Campo 2011

Se per il dissesto idrogeologico si deve parlare anche di prevenzione, nel caso di terremoti e trombe d’aria più che incrociare le dita non si può fare. Il vero problema delle calamità naturali è che non vi sia un quadro di aiuti certo per le aziende e le popolazioni colpite.
Da oltre mezzo secolo tutti noi abbiamo pagato le accise del Vajont, dal 66 paghiamo per Firenze, per i terremoti del Belice dal 68, del Friuli dal 76 e per l’Irpinia dal 1980. Oggi, dopo aver versato miliardi di euro in accise, alle vittime viene detto che non ci sono fondi e che sarà bene farsi un’assicurazione privata!

Aulla 2011

Aulla 2011

Gli alluvionati vengono quindi trattati come gli esodati, diventano “esondati”, han pagato accise tutta la vita ma soldi non ce ne sono per i loro danni. In più quando pagheranno le riparazioni, i nuovi arredi e le nuove auto verseranno all’Erario il 22% di Iva su quanto perduto nell’alluvione.
In pratica per lo Stato non rifondere ai privati conviene, riesce a “fare cassa” sulle vittime.
Ma non solo lo Stato, si pensi alla tassa di passaggio di proprietà delle auto usate che alcuni alluvionati acquisteranno, tassa di competenza della Provincia. In pratica, ipotizzando una danno ai privati di 100 milioni, l’Erario può aspirare a incassare 22 milioni di Iva, una manna. Ma se non ci sono i soldi per rifondere i danni, che almeno tolgano le tasse sulla ricostruzione.

Sala Baganza (Parma) 2011

Sala Baganza (Parma) 2011

La ricostruzione genera Irpef, Irap e Iva, non solo a favore delle casse centrali, ma anche per la Regione stessa. L’augurio è che non si ripeta quanto accaduto a Marina di Campo dopo l’alluvione del 7 novembre del 2011, un mio concittadino salvato miracolosamente dai pompieri, dopo aver perduto 2 auto, tutti gli arredi di casa e parte delle scorte della propria parafarmacia, si trovò a pagare pure l’addizionale Irpef comunale.
Purtroppo non esistendo una legge nazionale che preveda un protocollo di azioni e sgravi, tutto sarà delegato a sterili ed estenuanti trattative tra le parti: cittadini, enti locali e Governo centrale.

Olbia 2013

Olbia 2013

Le comunità di migliaia di cittadini alluvionati sparsi in tutta la penisola, che sommati ormai raggiungono una cifra considerevole, dovranno fare un’azione collettiva sui parlamentari di ogni regione per raggiungere l’obbiettivo comune di una Legge di Solidarietà Nazionale che rigetti al più presto i limiti posti da Berlusconi con la Legge 10/2011, poi reiterati e peggiorati da Monti con il DL 59/2012 che il prefetto Gabrielli non fa che confermare agli alluvionati, non ci sono soldi per voi ma, dopo un semestre di tregua fiscale, pagateci tutte le tasse!

Maremma 2012

Maremma 2012

Per la politica che non vuole occuparsi delle vittime delle calamità naturali, che non vuole riformare la fiscalità dello Stato in senso etico, almeno per i casi di gravi calamità, c’è il rischio del voto di protesta di centinaia di migliaia di cittadini giustamente “incazzati” come Lisa Secchia.
E su questo non ci sarà Porcellum o Italicum che possano contenerci, gli “argini” questa volta li romperemo noi.
Auguri,

Paolo Franceschetti

 

Guarda la fotogallery

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rubriche

Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: