SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Alluvioni storiche: i mulini natanti di Concordia “ruina dei modenesi”

mulino natante

di Gabriele Testi

La storia non è affatto nuova, anzi. L’attribuzione a responsabilità umane delle periodiche alluvioni che colpiscono un territorio è un esercizio mentale che si perde nella notte dei tempi e che le genti dell’attuale Bassa Modenese conoscono bene. Un libro dello studioso mirandolese Bruno Andreolli, professore ordinario di storia medievale all’Università di Bologna, prende a prestito un’espressione di molti secoli fa per raccontare le vicissitudini di un’area padana economicamente fragilissima e stretta nella morsa di tre grandi fiumi, il Po, il Panaro e, naturalmente, la Secchia.“La ruina dei modenesi: i mulini natanti di Concordia sulla Secchia” è un volume che data al 2001 e che racconta fedelmente i pregiudizi, ma anche i fatti, cui le popolazioni dell’attuale zona settentrionale della provincia di Modena andarono incontro per secoli. Nel 1396 Concordia, da borgo divenne una vera e propria comunità la cui economia si sostentò per secoli grazie all’attività dei “mulini natanti”, zattere a fondo piatto ancorate controcorrente alle rive o ai piloni dei ponti, che seguivano il variare della corrente e che servivano per attività molitoria. Sino al terribile terremoto del maggio 2012, era possibile vedere un modello in scala 1:20 di questi natanti nell’atrio della sede municipale: unico nel genere in Italia, riproducente il Mulino del Porto, la ruota “mignon” fu realizzata nel 1907 da Medardo Trevisani e Carlo Braghiroli, figlio di uno degli ultimi mugnai della zona.

Concordia sulla Secchia, nel cui stemma figura ancora il leone rampante della casa di Lussemburgo, appartenne alla signoria dei Pico per i quattrocento anni compresi fra il 1311 e il 1711: uno Stato pressoché indipendente insinuato a cuscinetto tra la Ferrara e la Modena degli Estensi e la Mantova dei Gonzaga. E i mulini natanti, collocati nel breve corso del Secchia di pertinenza mirandolese fra l’ampio tratto modenese, che scende lungo l’Appennino dall’Alpe di Succiso, e Mirasole, il punto del mantovano in cui si getta nel Po più o meno all’altezza della foce del Mincio, vennero concessi come “corpi feudali” ai Pico dall‘imperatore del Sacro Romano Impero. E furono la fortuna di Concordia che, appena nel giro di trent’anni dal passaggio da borgo a comunità, venne promossa contea nel 1432 e poi marchesato nel 1597. I mulini natanti della Secchia, detti anche “ruote del Pane” per la loro crucialità nell’opera di sfamare migliaia di contadini medievali, fecero la fortuna di quello Stato che prendeva il nome di Ducato della Mirandola e Marchesato della Concordia.

Come mai i mulini natanti, tipici dei grandi fiumi, si svilupparono nella Secchia, corso d’acqua di proporzioni modeste e ad andamento torrentizio, soprattutto una volta che Modena le è rimasta alle spalle e il dislivello appenninico si è trasformato in un sinuoso scorrere fra campagne di pianura? Perché i mugnai concordiesi adottarono il sistema delle chiuse, cioè sbarramenti trasversali al fiume costituiti da palizzate in rovere, piantate nell’alveo e con due aperture, una delle quali, collocata di fronte alla ruota idraulica del mulino, aveva il compito di incanalare, incentivare e velocizzare la corrente. I mulini concordiesi, ancorché “natanti”, erano dunque di tipo stanziale poiché ognuno era vincolato alla propria chiusa: venivano giudicati pericolosissimi sia nelle terre degli Estensi che in quelle dei Gonzaga per la loro capacità di rallentare il flusso d’acqua a monte e a valle, sforzando gli argini e provocando rotture o tracimazioni. Ma Concordia sulla Secchia godeva dell’autonomia che il titolo di Marchesato le assicurava e i Pico si disinteressarono agli altri.

Il numero delle ruote aumentò nel tempo fino a raggiungere le dieci unità, documentate già dal 1566, tanto da far parlare per Concordia di una sorta di “protoindustrializzazione”, data la notevole concentrazione in circa due chilometri e la loro grande importanza economica che perdurò fino a primi del Settecento. Nel 1713 i mulini vennero rimossi dagli Estensi di Modena, subentrati ai Pico della Mirandola, perché ritenuti responsabili di ostacolare il flusso del fiume e di provocare alluvioni nell’alto corso, tanto da essere definiti con voluta enfasi “la ruina dei modenesi”. Un’espressione cui non fu immune la volontà di potenza dei duchi d’Este, che per acquistare il Ducato della Mirandola e il Marchesato della Concordia da Carlo VI d’Asburgo spesero una fortuna, indebitandosi e rovinando le finanze modenesi e reggiane sino al 1770-1780, con la conseguenza psicologica che fecero di tutto per cancellare la memoria del governo dei Pico e la recente indipendenza delle aree più a nord.

Dopo circa un trentennio in cui si utilizzò per la macinazione il mulino della conca di Bastiglia sul canale Naviglio, nomi resi tristemente celebri dalla rotta del Ponte dell’Uccellina del 20 gennaio 2014, e il mulino natante nella Secchia a Bondanello di Moglia, località del vicino mantovano, nel 1743 vennero allocati nel fiume gli ultimi quattro mulini natanti: il Mulino Tavoli o di Sopra, il Mulino di Mezzo, il Mulino del Porto o del Ponte, gestiti dall’amministrazione municipale di Concordia, e il Mulino delle Decime o di Sotto, gestito dal Comune di Mirandola e di cui sono visibili nei periodi di magra nell’alveo del fiume una ventina di pali di rovere “guci”, resti della sua chiusa. I mulini natanti rimasero in attività fin verso la fine del 1800, quando sorse, di fronte al Parco delle Rimembranze, un mulino della Società Mulini a Vapore, ma il loro ricordo è giunto fino a noi, aiutandoci a ricordare lo strettissimo rapporto tra i fiumi e l’uomo…

Rubriche

Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: