SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Il Punto. Frumento, orzo, segale tutto perso del disastro dell’alluvione

agricoltura alluvione modena 2014Frumento, orzo, segale sono andati persi;  compromessa la produzione del Lambrusco di Sorbara, in difficoltà anche la frutticoltura e gli allevamenti. E’ il bilancio dell’alluvione d’Emilia 2014.
“Servono risorse per ristorare tutti i danni mobili e immobili, con procedure più snelle rispetto a quelle del terremoto. Si tratta di una tragedia  che si è abbattuta su un territorio già duramente provato dal sisma e che ha colpito  in modo particolare il settore agricolo”. Lo ha detto oggi a Bologna l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni. Una richiesta avanzata dal presidente della Regione Vasco Errani  e che  Rabboni ha voluto ricordare in apertura del convegno sul nuovo Psr 2014-2020.  Frumento, orzo, segale sono andati persi;  compromessa la produzione del Lambrusco di Sorbara, in difficoltà anche la frutticoltura e gli allevamenti. Questa  la sintetica stima dei danni fatta da Rabboni, che ha sottolineato: “se il terremoto aveva  parzialmente risparmiato  colture e campi, l’alluvione ha invece pesantemente compromesso un’agricoltura di eccellenza.”
E mentre il Governo ha riconosciuto all’Emilia-Romagna 19 milioni di euro per la messa in sicurezza del nodo idraulico Secchia-Panaro, Rabboni – nel fare il  punto sulle iniziative in corso –  ha ricordato  in particolare il decreto con cui Errani ha  dato il via alla ricognizione dei danni e del relativo fabbisogno economico e  alla costituzione di una Commissione scientifica composta da esperti universitari di comprovata esperienza e competenza per analizzare le cause della rottura dell’argine del fiume Secchia.

Intanto, per quanto riguarda il Psr, Tiberio Rabboni aprendo i lavori del convegno sul nuovo Programma regionale di sviluppo rurale  2014-2020 a Bologna – che non ha precedenti e che è la dimostrazione tangibile del sostegno che questa Giunta  ha deciso di dare all’agricoltura, un settore che, tanto più in questo momento di difficoltà, può  essere volano di sviluppo  per tutto il territorio regionale”.

Proprio grazie alle maggiori risorse in arrivo dal bilancio regionale (oltre alla crescita, ma più contenuta, degli stanziamenti europei), l’agricoltura emiliano-romagnola potrà contare nei prossimi sette anni  su un plafond di 1 miliardo 190 milioni di euro, 131 milioni in più rispetto al precedente Psr.  E’ la dotazione più elevata tra tutte le regioni del centro nord.
Risorse  – ha spiegato Rabboni – con le quali l’Assessorato regionale all’agricoltura  vuole consolidare e migliorare i risultati già raggiunti  con al precedente programmazione “per aumentare e stabilizzare la redditività  del comparto e accrescere la capacità di stare sui mercati”.
Da qui le priorità del nuovo Psr: sostegno alle reti di impresa,  per ridurre i costi e fare sistema;  giovani, con una corsia d’accesso privilegiato in tutte le misure; innovazione  e  trasferimento tecnologico; ambiente.  Tra gli obiettivi dei prossimi sette anni anche la montagna, il contrasto al consumo di suolo e  il sostegno all’agricoltura  periurbana, oltre alla riduzione degli adempimenti burocratici.
Il convengo odierna ha concluso l’ampia  fase di consultazione  per la definizione del nuovo Psr ed è terminato con l’approvazione da parte di tutti gli intervenuti del documento presentato. Oltre 350 i partecipanti in rappresentanza delle associazioni agricole, ma anche del mondo cooperativo e industriale, dei sindacati,  delle associazioni ambientaliste e delle Istituzioni. A primavera il Psr passerà all’esame dell’Assemblea legislativa ed entro la fine dell’estate è prevista l’approvazione a Bruxelles. 

Il nuovo Psr  e le Province
“Se il testo del progetto di legge per la trasformazione in enti di secondo grado verrà approvato in tempi brevi, appare ragionevole confermare sulle nuove Province e sulla Città metropolitana le funzioni e il personale tecnico amministrativo in forza nelle attuali amministrazioni provinciali.”  Lo ha detto l’assessore Rabboni a proposito dei due progetti di legge di riordino istituzionale approvati dal Governo: quello costituzionale per l’abrogazione delle Province e quello ordinario per la trasformazione da enti elettivi in enti di secondo grado.  Nell’attesa  – ha aggiunto – “abbiamo deciso di  mettere a punto il nuovo Psr assumendo le peculiarità  delle singole realtà provinciali anche per quanto riguarda la destinazione delle risorse”. Il confronto con le Province è stato realizzato attraverso un tour da Piacenza a Rimini che si è concluso proprio in questi giorni, allargato anche alle associazioni agricole ed economiche dei singoli territori.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: