SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

La Cispadana romperà l’isolamento della Bassa Modenese? No perchè…

no cispadanaDopo il boom di firme alla petizione che chiede di fermare la realizzazione dell’autostrada Cispadana,  nella Bassa spunta il dubbio che forse la nuova autostrada aiuterà la nostra zona ad uscire dal presunto isolamento in cui si trova. Insomma, la Cispadana avrebbe oggi l’effetto positivo e propositivo che ha avuto a suo tempo, proprio per quest’area la costruzione della linea ferroviaria Bologna-Nogara, come raccontiamo qui.

Non è così, è la replica dei promotori della petizione. Vediamo perchè.Scrive Stefano Lugli sul gruppo Facebook relativo alla petizione:

“Un’amica mi scrive in privato per dirmi che non condivide la petizione perché la bassa modenese è isolata e l’autostrada cispadana, a nuova autostrada di 68 km nel tratto della bassa reggiana, modenese e ferrarese tra il casello Reggiolo-Rolo della A22 e la barriera di Ferrara Sud sulla A13,  può rompere questo isolamento”
Siccome questo ragionamento è comprensibilmente diffuso credo meriti una risposta pubblica.

  1. Innanzitutto dobbiamo chiederci: l’autostrada cispadana rompe l’isolamento della bassa modenese? Secondo me no, innanzitutto perché un’autostrada è un’infrastruttura che collega punti distanti e attrattivi per motivi lavorativi o turistici, e dato che la bassa modenese non è un punto attrattivo con l’autostrada rischia di diventare un territorio di attraversamento senza significative ricadute locali.
  2. L’isolamento di cui soffre la bassa modenese a mio avviso non dipende dalla mobilità, ma è oggi innanzitutto di carattere produttivo: dopo la “invenzione” del biomedicale questo territorio non ha fatto più nessun passo in avanti dal punto di vista produttivo, non ha investito nell’innovazione e nella ricerca ed è fermo a produzioni “vecchio stile” che ovunque nel mondo trovano una concorrenza sui materiali e sul costo del lavoro difficilmente colmabili. Penso alla meccanica di Finale Emilia che a parte alcune eccezioni è legata a produzioni di antica origine, per non parlare dell’errore di fondo che nel 1999 portò Finale ad investire su ceramiche che mai arrivarono lasciando quei terreni produttivi ancora in mano ai ceramicai. Penso allo stesso biomedicale totalmente in mano a multinazionali che possono andarsene da un giorno all’altro con un fax dalla Svezia, con o senza autostrada. Penso al tessile che non esiste più, penso ad un agroalimentare di pregio con potenzialità enormi del tutto sottovalutato.  Alcuni segnali di inversione di rotta sembrano esserci, con il tecnopolo del biomedicale che a breve dovrebbe nascere a Mirandola o il polo della meccatronica avanzata che nel 2014 vedrà i primi cantieri a Concordia, ma siamo ancora molto indietro e manca un piano organico di rilancio economico per tutta la bassa modenese, e più che un’autostrada è questo quello che i nostri amministratori, soprattutto dopo il sisma, devono chiedere a Regione e Governo.
  3. Immagino Finale Emilia (dove abito) tra qualche anno con l’inceneritore, la mega discarica, il supercompostaggio e l’ecomostro Ecoblok che brucia il legno, e certo non sarà il passaggio di un’autostrada nè a rendere attrattiva Finale, nè a romperne l’isolamento, caso mai l’autostrada sarà la via più veloce per andarsene da un paese povero e malsano.
  4. A mio avviso un’autostrada che taglia in due questo territorio ben che vada non porterà alcun beneficio, nel caso peggiore – e più realistico – sarà il colpo di grazia per un territorio che non ha nulla da offrire se non essere attraversato e dimenticato.
  5. Avremmo, forse, più bisogno di collegamenti nord-sud piuttosto che est-ovest, pensiamo quanto tempo occorre per andare da Novi (per esempio, ma ci sono pure casi peggiori) all’ ospedale di Baggiovara, oppure peggio al policlinico. Per non parlare dell’ impossibilità pratica di non poter usare la bici anche solo per raggiungere le frazioni se non a rischio della propria incolumità ( osservazione di Ermes Allegretti).
  6. Altre motivazioni, così a caso: l’ effetto barriera che si verrà a creare con l’ opera su terrapieno nei riguardi di eventuali ed ormai purtroppo frequenti eventi atmosferici “anomali” (vedi Sardegna); la probabile, se non certa, delocalizzazione dell’ unica risorsa produttiva di qualità del nostro territorio, ovvero il caseificio (aggiunge ancora Allegretti).
  7. quest’opera per la Bassa modenese, ricordiamolo, da alcuni è stato indicato come il corridoio su gomma tra Lisbona e Kiev (?). Basterà quindi aggiungere che alla Bassa serve un collegamento efficace con Modena e magari con Bologna, piuttosto che un’autostrada a sei corsie che la gente del posto non userà mai (visti peraltro i salatissimi pedaggi di AutoBrennero) per spostarsi tra Concordia e Mirandola o San Possidonio e Finale (è il parere di Roberto Butelli)

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: