La rabbia della Bassa “Le tasse devono esser eliminate, come accade in altre aree meno disgraziate di noi”

vigili_del_fuoco_alluvione_5Punto primo: il Trattato che istituisce la Comunità Europea, prevede la possibilità di concedere “aiuti destinati a ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali” ;
Punto secondo: In Italia sono già presenti zone franche: Livigno, Campione d’Italia, Valle d’Aosta e Gorizia.
E allora, diventa naturale chiedere che venga istituita la ‘no tax area’ per i comuni della provincia di Modena colpiti dagli eventi sismici. E’ quanto si propongono di fare i consiglieri di minoranza del Comune di San Prospero sul Secchia.

Ecco il testo del loro ordine del giorno

Premesso che

– le regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, in data 20 e 29 maggio 2012, sono state colpite da eventi sismici che hanno causato numerosi danni al patrimonio edilizio pubblico e privato con ingenti danni all’economia locale;

– la regione Emilia-Romagna, Provincia di Modena in data 19 gennaio 2014 è stata colpita nella prima mattinata dall’alluvione causata dalla rottura dell’argine del fiume Secchia all’altezza della frazione San Matteo (Modena) provocando allagamenti nei Comuni di Modena, Bastiglia, Bomporto, San Prospero, Camposanto, San Felice sul Panaro, Finale Emilia e Medolla;

– i territori colpiti dalle due calamità naturali verificatesi in meno di due anni sono in gran parte coincidenti;

Considerato che

– tali fenomeni hanno provocato inagibilità di diversi immobili pubblici e privati, con gravi danneggiamenti a strutture ed infrastrutture; ed è intervenuta la presa d’atto che tale situazione di emergenza, per intensità ed estensione, non è fronteggiabile con mezzi e poteri ordinari;

– secondo le stime economiche più autorevoli ed ufficiali, i danni al sistema economico nel suo complesso, potrebbero superare le decine di miliardi di euro e da più parti dai comparti economico e sociale si richiedono interventi in tempi brevissimi, considerato che l’area colpita prima dal sisma e ora dall’alluvione, sulla base delle stime sul Pil del territorio, garantisce complessivamente un gettito fiscale stimabile in almeno 6-7 miliardi di euro all’anno;

–  è necessario garantire concrete possibilità di rilancio dell’economia dei territori colpiti, attraverso provvedimenti, maggiormente incisivi, ulteriori stanziamenti finanziari, proroghe, sgravi fiscali, sostegno al reddito per lavoratori dipendenti, oltre che l’istituzione di una ‘no tax area’;

– che oltre a case e aziende, milioni e milioni di metri cubi d’acqua e fango hanno invaso e mandato sott’acqua campi, frutteti, coltivazioni di verdura, fabbricati, allevamenti, trattori agricoli e attrezzature;

– che l’esondazione del Secchia ha colpito la culla del Lambrusco di Sorbara DOC, delle Pere dell’Emilia Romagna IGP, del formaggio Parmigiano-Reggiano DOP, dell’Aceto Tradizionale di Modena, ed è quindi una delle zone dove si ottengono le produzioni di maggior pregio dell’agricoltura locale e regionale;

– che da un primo monitoraggio si stima che sono oltre 2.000 ettari le coltivazioni sommerse con grano e altri cereali danneggiati irreparabilmente.

 

Ritenuto che

– il comune di San Prospero fa parte dell’area del cratere del sisma del 20 e 29 maggio 2012 e ora dell’area alluvionata dalla rottura dell’argine del fiume secchia in data 19 Gennaio 2014;

– il commercio, l’industria e l’agricoltura, fortemente colpiti dall’evento sismico, del quale patiscono ancora le dure conseguenze, sono stati affondati da questa nuova calamità;

– senza un forte sostegno da parte dello Stato, alla luce di quanto accaduto, la ripresa della vitalità economica del paese pare impossibile;

Ritenuto inoltre che

– la possibilità di istituire una ‘no tax area’, richiesta da più parti,  è contemplata dalla normative europea[1] e la “no tax area” nei territori colpiti dal sisma e dall’alluvione sarebbe certamente un ottimo strumento per le aziende già presenti sul territorio, che così avranno una maggiore liquidità da reinvestire sul territorio e far fronte alle gravi difficoltà cui sono andate incontro a seguito del sisma e dell’alluvione[2];

– l’istituzione della ‘no tax area’, per un periodo di almeno 10 anni, stimolerebbe inoltre le numerose imprese multinazionali che hanno investito in Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto a mantenere in loco la produzione;

– la proposta di una ‘no tax area’ era già stata avanzata alla Commissione di Bruxelles da alcuni eurodeputati[3] in base all’art. 107 del Trattato Europeo che giudica compatibili con il mercato interno gli aiuti per ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali oppure a porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, e non c’è dubbio che si tratti di casi perfettamente compatibili con quelli delle zone sia terremotate sia alluvionate;

– la Direzione Generale della Commissione Europea[4] aveva già rilasciato un parere preliminare secondo il quale la fattibilità dell’operazione “zona franca” per le aree terremotate ed alluvionate dipende dalle modalità di presentazione della domanda, a carico dell’autorità regionale;

 

Per tutti le motivazioni di cui sopra:

Si impegna il Sindaco / Presidente e la Giunta

ad attivarsi presso il Presidente della Regione, quale Commissario delegato per gli interventi per la ricostruzione, l’assistenza alle popolazioni e la ripresa economica nei territori dei Comuni colpiti dagli eventi sismici il 20 e 29 maggio 2012 e successivamente colpiti dall’alluvione del 19 gennaio 2014 (per il quale ancora non è stato dichiarato lo stato di calamità naturale), e presso il Governo Letta, affinché siano adottati con urgenza provvedimenti per:

– richiedere l’istituzione di una ‘no tax area’ per i comuni della provincia di Modena colpiti dagli eventi sismici il 20 e 29 maggio 2012 (rif. Art. 1 del D.L. 06/06/2012 n.74 convertito in Legge con modificazioni nella Legge 07/08/2012 n.134) e dall’alluvione del 19 gennaio 2014 .

San Prospero, lì 27/01/2014

 

 

 

 

 

I consiglieri

 

ASCARI ALESSANDRO

 

MORSELLI ANTONIO

 

TORELLI GIUSEPPE

 

FLAVIO MORANI

 

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Una "Casa della sicurezza" al Modena Park
    Una "Casa della sicurezza" al Modena Park
    Sorge nel luogo dove si è tenuto lo storico concerto di Vasco Rossi [...]
    Tribologia industriale, un corso al Tecnopolo
    Tribologia industriale, un corso al Tecnopolo
    La tribologia è la disciplina che studia le interazioni fra superfici a contatto, occupandosi nello specifico dei fenomeni di usura, attrito e lubrificazione[...]
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio dello stesso turno di sabato[...]
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]