SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

La rabbia della Bassa “Le tasse devono esser eliminate, come accade in altre aree meno disgraziate di noi”

vigili_del_fuoco_alluvione_5Punto primo: il Trattato che istituisce la Comunità Europea, prevede la possibilità di concedere “aiuti destinati a ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali” ;
Punto secondo: In Italia sono già presenti zone franche: Livigno, Campione d’Italia, Valle d’Aosta e Gorizia.
E allora, diventa naturale chiedere che venga istituita la ‘no tax area’ per i comuni della provincia di Modena colpiti dagli eventi sismici. E’ quanto si propongono di fare i consiglieri di minoranza del Comune di San Prospero sul Secchia.

Ecco il testo del loro ordine del giorno

Premesso che

– le regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, in data 20 e 29 maggio 2012, sono state colpite da eventi sismici che hanno causato numerosi danni al patrimonio edilizio pubblico e privato con ingenti danni all’economia locale;

– la regione Emilia-Romagna, Provincia di Modena in data 19 gennaio 2014 è stata colpita nella prima mattinata dall’alluvione causata dalla rottura dell’argine del fiume Secchia all’altezza della frazione San Matteo (Modena) provocando allagamenti nei Comuni di Modena, Bastiglia, Bomporto, San Prospero, Camposanto, San Felice sul Panaro, Finale Emilia e Medolla;

– i territori colpiti dalle due calamità naturali verificatesi in meno di due anni sono in gran parte coincidenti;

Considerato che

– tali fenomeni hanno provocato inagibilità di diversi immobili pubblici e privati, con gravi danneggiamenti a strutture ed infrastrutture; ed è intervenuta la presa d’atto che tale situazione di emergenza, per intensità ed estensione, non è fronteggiabile con mezzi e poteri ordinari;

– secondo le stime economiche più autorevoli ed ufficiali, i danni al sistema economico nel suo complesso, potrebbero superare le decine di miliardi di euro e da più parti dai comparti economico e sociale si richiedono interventi in tempi brevissimi, considerato che l’area colpita prima dal sisma e ora dall’alluvione, sulla base delle stime sul Pil del territorio, garantisce complessivamente un gettito fiscale stimabile in almeno 6-7 miliardi di euro all’anno;

–  è necessario garantire concrete possibilità di rilancio dell’economia dei territori colpiti, attraverso provvedimenti, maggiormente incisivi, ulteriori stanziamenti finanziari, proroghe, sgravi fiscali, sostegno al reddito per lavoratori dipendenti, oltre che l’istituzione di una ‘no tax area’;

– che oltre a case e aziende, milioni e milioni di metri cubi d’acqua e fango hanno invaso e mandato sott’acqua campi, frutteti, coltivazioni di verdura, fabbricati, allevamenti, trattori agricoli e attrezzature;

– che l’esondazione del Secchia ha colpito la culla del Lambrusco di Sorbara DOC, delle Pere dell’Emilia Romagna IGP, del formaggio Parmigiano-Reggiano DOP, dell’Aceto Tradizionale di Modena, ed è quindi una delle zone dove si ottengono le produzioni di maggior pregio dell’agricoltura locale e regionale;

– che da un primo monitoraggio si stima che sono oltre 2.000 ettari le coltivazioni sommerse con grano e altri cereali danneggiati irreparabilmente.

 

Ritenuto che

– il comune di San Prospero fa parte dell’area del cratere del sisma del 20 e 29 maggio 2012 e ora dell’area alluvionata dalla rottura dell’argine del fiume secchia in data 19 Gennaio 2014;

– il commercio, l’industria e l’agricoltura, fortemente colpiti dall’evento sismico, del quale patiscono ancora le dure conseguenze, sono stati affondati da questa nuova calamità;

– senza un forte sostegno da parte dello Stato, alla luce di quanto accaduto, la ripresa della vitalità economica del paese pare impossibile;

Ritenuto inoltre che

– la possibilità di istituire una ‘no tax area’, richiesta da più parti,  è contemplata dalla normative europea[1] e la “no tax area” nei territori colpiti dal sisma e dall’alluvione sarebbe certamente un ottimo strumento per le aziende già presenti sul territorio, che così avranno una maggiore liquidità da reinvestire sul territorio e far fronte alle gravi difficoltà cui sono andate incontro a seguito del sisma e dell’alluvione[2];

– l’istituzione della ‘no tax area’, per un periodo di almeno 10 anni, stimolerebbe inoltre le numerose imprese multinazionali che hanno investito in Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto a mantenere in loco la produzione;

– la proposta di una ‘no tax area’ era già stata avanzata alla Commissione di Bruxelles da alcuni eurodeputati[3] in base all’art. 107 del Trattato Europeo che giudica compatibili con il mercato interno gli aiuti per ovviare ai danni arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezionali oppure a porre rimedio a un grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, e non c’è dubbio che si tratti di casi perfettamente compatibili con quelli delle zone sia terremotate sia alluvionate;

– la Direzione Generale della Commissione Europea[4] aveva già rilasciato un parere preliminare secondo il quale la fattibilità dell’operazione “zona franca” per le aree terremotate ed alluvionate dipende dalle modalità di presentazione della domanda, a carico dell’autorità regionale;

 

Per tutti le motivazioni di cui sopra:

Si impegna il Sindaco / Presidente e la Giunta

ad attivarsi presso il Presidente della Regione, quale Commissario delegato per gli interventi per la ricostruzione, l’assistenza alle popolazioni e la ripresa economica nei territori dei Comuni colpiti dagli eventi sismici il 20 e 29 maggio 2012 e successivamente colpiti dall’alluvione del 19 gennaio 2014 (per il quale ancora non è stato dichiarato lo stato di calamità naturale), e presso il Governo Letta, affinché siano adottati con urgenza provvedimenti per:

– richiedere l’istituzione di una ‘no tax area’ per i comuni della provincia di Modena colpiti dagli eventi sismici il 20 e 29 maggio 2012 (rif. Art. 1 del D.L. 06/06/2012 n.74 convertito in Legge con modificazioni nella Legge 07/08/2012 n.134) e dall’alluvione del 19 gennaio 2014 .

San Prospero, lì 27/01/2014

 

 

 

 

 

I consiglieri

 

ASCARI ALESSANDRO

 

MORSELLI ANTONIO

 

TORELLI GIUSEPPE

 

FLAVIO MORANI

 

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    Il collezionista sanfeliciano, la cui fama è ormai internazionale, sta lavorando ad un progetto di grande prestigio e ha proposte dall'estero[...]
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Il suo nome emerge tra le 150 donne che il magazine dell'innovazione delle start up italiane StartupItalia ha messo in fila[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: