SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

“L’esondazione del Secchia si poteva evitare”, denunciano i consiglieri e parlamentari modenesi del Movimento 5 stelle

Immagine
“Assistiamo ad un evento naturale che, per l’ennesima volta, crea danni per colpa e inadempienza dell’uomo” così comincia l’intervento redatto dai  consiglieri e i parlamentari modenesi del Movimento 5 stelle.

“Nella mattinata di domenica l’argine del fiume Secchia ha ceduto aprendo una falla a circa 3 Km a valle della città di Modena, l’argine ha ceduto per problemi strutturali. Diversi paesi tra i quali Bastiglia e Bomporto sono andati sotto.

Migliaia di sfollati, un disperso, 1800 aziende che hanno interrotto la produzione, oltre 5000 addetti senza lavoro, milioni di euro di danni.  

L’esondazione del Secchia si poteva evitare , con normali azioni ed interventi di prevenzione:  manutenzione degli argini, pulizia delle alberature che rallentano il deflusso delle acque,  casse di espansione corrispondenti all’entità degli eventi funzionanti e collaudate. Il controllo dello stato degli argini, dopo il terremoto, probabilmente andrebbe rifatto. Basti pensare che il letto del fiume non viene dragato da decenni ed è più alto del livello della campagna circostante o che alcune casse d’espansione attendono il collaudo da oltre quarant’anni.

Di fronte a carenze evidenti nelle politiche di prevenzione ci si aggrappa a concause di agenti estranei: le nutrie, le volpi, i tassi. Come  se il controllo dell’azione di questi animali fosse opera impossibile. Viene da chiedersi,  perché non si è provveduto anticipatamente, sapendolo, per limitarne l’azione?  L’azione di questi animali non può essere presa a giustificazione di gravi carenze della politica.

Chiediamo l’immediato intervento dello Stato, con il riconoscimento della calamità naturale e lo stanziamento di fondi concreti per l’emergenza.  Un impegno per ottenere la proroga di scadenze fiscali, non solo per le aziende colpite dall’alluvione; deroga patto di stabilità, con possibilità di attingere ai fondi derivanti dagli avanzi di bilancio degli anni precedenti .

L’Emilia ha subito una tromba d’aria, due terremoti, un’ inondazione, che cosa deve succedere ancora perché lo Stato agisca in maniera strutturale?

Manca una politica complessiva sulle criticità ambientali del Paese, manca una legge organica sulle calamità naturali. A causa di questa colpevole mancanza le casse pubbliche sono costrette, e lo devono fare, ad intervenire caso per caso, con differenze che discriminano l’aiuto a seconda del momento, creando cittadini con classi di aiuto differenziate, interventi discriminanti e pertanto ingiusti ed ingiustificabili. Con costi, post emergenza, considerevolmente superiori ai costi che sarebbero sostenuti per la prevenzione.

Questa visione complessiva, che superi e risolva le tante settoriali, ed a volte conflittuali, competenze in merito, che ponga al centro la prevenzione, un governo, è quello che è sempre mancato al nostro Paese. In Emilia Romagna il 95% dei Comuni è a rischio alluvioni e frane.  Non abbiamo bisogno di autostrade come la Cispadana, di inceneritori o grandi palazzine, l’unica grande opera di cui il paese ha bisogno è un forte intervento per la prevenzione del rischio idrogeologico.  Il M5S alla Camera ha ottenuto misure di prevenzione grazie ad una mozione presentata in aula con misure nei confronti del dissesto idrogeologico e ha presentato una proposta di legge per l’esclusione dal patto di stabilità dei costi sostenuti per la prevenzione al rischio sismico e idrogeologico.

Nessuna allerta era stata data ai cittadini  che si sono ritrovati sotto un metro e mezzo d’acqua.  A partire dai primi mesi del 2011 era stata fatta una campagna di raccolta firme, per stimolare la dormiente amministrazione ad intervenire sul problema del dissesto idrogeologico. A tutti, Sindaci compresi, è stato chiesto pubblicamente con raccomandate, di farsi carico del problema ed insieme ai cittadini fare una denuncia alla procura della repubblica, così da obbligare l’Aipo, organismo pagato per  mantenere gli argini ed il letto del fiume, ad intervenire e svolgere quelle attività di pulizia e dragaggio per la quale viene pagato.

Chiediamo di fare luce sulle responsabilità politiche e tecniche in primis del Governo che non ha destinato le giuste risorse per il rischio idrogeologico nonchè dell’Aipo, Regione Emilia Romagna e Provincia di Modena.  Di chi non ha ascoltato per anni i cittadini e Sindaci che chiedevano la manutenzione e consolidamento degli argini che hanno ceduto, e ora grazie ad una mancanza  di questi signori si è consumata  questa tragedia che era stata annunciata e denunciata”.

 

VIDEO

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: