SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Mirandola, messe in sicurezza nuove strade in centro e si posa la prima pietra per l’istituto Luosi

posa_prima_pietra_luosiPosa della prima pietra, questa mattina, all’istituto Luosi di Mirandola.   A settembre la nuova scuola sarà pronta”, ha annunciato l’assessore provinciale Cristina Ceretti. E intanto sono state messe in sicurezza altre zone del centro storico. Il Sindaco Maino Benatti ha firmato una nuova ordinanza (clicca qui per il testo), consentendo l’accesso ai pedoni e ai proprietari degli edifici delle zone interessate. I lavori di messa in sicurezza proseguiranno nei prossimi giorni. Tutte percorribili le vie del centro.

Per quanto riguarda invece la posa della prima pietra dell’Istituto Luosi, che è avvenuta proprio nella Giornata della Memoria, come celebrazione della liberazione di Auschwitz, l’assessore Cristina Ceretti ha ricordato agli studenti che “tra le  figure di “Giusti”, la vostra scuola onora Don Dante Sala, cappellano a Mirandola e parroco a San Martino Spino, che ha salvato la vita a centinaia di persone destinate ai campi di concentramento”. Ha osservato come oggi “la propensione della nostra gente alla solidarietà è ancora ben presente e si è manifestata con forza nelle operazioni di emergenza post sisma e in queste ore di aiuto alle persone alluvionate” e ha invitato a ad “arire la vostra scuola alla città, rendetela un luogo fruibile a tutti. Rendete questo luogo di sapere e conoscenza – è l’invito della Ceretti –  il cuore della nuova comunità”.

IL PUNTO SUI LAVORI AL LUOSI Inizieranno a giorni e si concluderanno entro metà settembre, in tempo utile per l’avvio del nuovo anno scolastico, i lavori di recupero dell’istituto tecnico superiore Luosi di Mirandola, gravemente danneggiato dal sisma. L’ha annunciato, in un incontro con gli studenti lunedì 27 gennaio a Mirandola in occasione della firma del verbale di consegna lavori all’impresa aggiudicataria, l’assessore all’Istruzione della Provincia di Modena Cristina Ceretti.

L’edificio, di proprietà della Provincia, ha riportato in seguito al sisma danni importanti alle strutture secondarie. L’intervento, che ha un costo di circa 2 milioni di euro ed è finanziato da Eni, totalmente adeguato alle più recenti norme antisismiche (comunicato n. 94). «Una scuola sicura – ha commentato Cristina Ceretti – dove studenti e insegnanti potranno rientrare a settembre: era un impegno che avevamo preso e che riusciremo a rispettare».

Come ha spiegato Alessandro Manni, direttore Area Lavori pubblici della Provincia, il progetto prevede il consolidamento di parte delle fondazioni e delle strutture portanti in elevazione oltre al ripristino della piena funzionalità dell’edificio attraverso la ricostruzione dei tramezzi e controsoffitti distrutti. Le migliorie introdotte dalla ditta aggiudicataria, il Consorzio Cme di Modena, riguardano l’incremento delle prestazioni energetiche attraverso la coibentazione esterna, il rifacimento di tutte le tramezzature interne con pannelli in cartongesso ad elevate prestazioni fonoassorbenti e di resistenza al fuoco, la sostituzione dei vetricamera degli infissi esterni. Verranno risistemati, inoltre, tutti gli spazi esterni, con impianto di irrigazione delle aree verdi e impianto di videosorveglianza.

Per Giorgio Siena, dirigente scolastico del Luosi, «il ritorno nel 2014 nella sede originaria, migliorata nella struttura e nell’organizzazione degli spazi, è il passaggio oltre l’emergenza con la ricostruzione di edifici scolastici più sicuri e adeguati alla formazione di giovani rivolta al mondo ed all’economia globale».

Eni, che ha interamente finanziato il progetto, «testimonia in questo modo – ha spiegato Lucia Nardi, responsabile delle Iniziative culturali del gruppo – la sua vicinanza a questa comunità, così duramente colpita, individuando nella scuola una delle leve più importanti per ripartire. La scuola è un ambito nel quale Eni è presente da oltre 30 anni con progetti che puntano all’innovazione della didattica: l’idea di contribuire anche alla modernizzazione degli spazi è in perfetta coerenza con questa visione».

L’istituto di istruzione superiore “Luosi” – che comprende liceo classico e linguistico, oltre all’istituto tecnico e professionale per il commercio – è frequentato da 1075 studenti suddivisi in 51 classi. Dal settembre 2012, in seguito al terremoto, la sede dell’istituto è stata trasferita nei moduli temporanei, nel nuovo polo scolastico di Mirandola.

L’edificio del Luosi è disposto su quattro piani: un seminterrato con magazzini, ripostigli, archivi e locali tecnologici, un piano rialzato con atrio, bar, uffici, biblioteca, sala conferenze, due laboratori e quattro aule, mentre il secondo  e terzo piano ospitano ciascuno 13 aule più i laboratori. Il rifacimento totale delle partizioni interne consentirà di adeguare in modo ancor più puntuale gli spazi alle esigenze dell’istituto, in accordo con la dirigenza scolastica.

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: