SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Mirandola, messe in sicurezza nuove strade in centro e si posa la prima pietra per l’istituto Luosi

posa_prima_pietra_luosiPosa della prima pietra, questa mattina, all’istituto Luosi di Mirandola.   A settembre la nuova scuola sarà pronta”, ha annunciato l’assessore provinciale Cristina Ceretti. E intanto sono state messe in sicurezza altre zone del centro storico. Il Sindaco Maino Benatti ha firmato una nuova ordinanza (clicca qui per il testo), consentendo l’accesso ai pedoni e ai proprietari degli edifici delle zone interessate. I lavori di messa in sicurezza proseguiranno nei prossimi giorni. Tutte percorribili le vie del centro.

Per quanto riguarda invece la posa della prima pietra dell’Istituto Luosi, che è avvenuta proprio nella Giornata della Memoria, come celebrazione della liberazione di Auschwitz, l’assessore Cristina Ceretti ha ricordato agli studenti che “tra le  figure di “Giusti”, la vostra scuola onora Don Dante Sala, cappellano a Mirandola e parroco a San Martino Spino, che ha salvato la vita a centinaia di persone destinate ai campi di concentramento”. Ha osservato come oggi “la propensione della nostra gente alla solidarietà è ancora ben presente e si è manifestata con forza nelle operazioni di emergenza post sisma e in queste ore di aiuto alle persone alluvionate” e ha invitato a ad “arire la vostra scuola alla città, rendetela un luogo fruibile a tutti. Rendete questo luogo di sapere e conoscenza – è l’invito della Ceretti –  il cuore della nuova comunità”.

IL PUNTO SUI LAVORI AL LUOSI Inizieranno a giorni e si concluderanno entro metà settembre, in tempo utile per l’avvio del nuovo anno scolastico, i lavori di recupero dell’istituto tecnico superiore Luosi di Mirandola, gravemente danneggiato dal sisma. L’ha annunciato, in un incontro con gli studenti lunedì 27 gennaio a Mirandola in occasione della firma del verbale di consegna lavori all’impresa aggiudicataria, l’assessore all’Istruzione della Provincia di Modena Cristina Ceretti.

L’edificio, di proprietà della Provincia, ha riportato in seguito al sisma danni importanti alle strutture secondarie. L’intervento, che ha un costo di circa 2 milioni di euro ed è finanziato da Eni, totalmente adeguato alle più recenti norme antisismiche (comunicato n. 94). «Una scuola sicura – ha commentato Cristina Ceretti – dove studenti e insegnanti potranno rientrare a settembre: era un impegno che avevamo preso e che riusciremo a rispettare».

Come ha spiegato Alessandro Manni, direttore Area Lavori pubblici della Provincia, il progetto prevede il consolidamento di parte delle fondazioni e delle strutture portanti in elevazione oltre al ripristino della piena funzionalità dell’edificio attraverso la ricostruzione dei tramezzi e controsoffitti distrutti. Le migliorie introdotte dalla ditta aggiudicataria, il Consorzio Cme di Modena, riguardano l’incremento delle prestazioni energetiche attraverso la coibentazione esterna, il rifacimento di tutte le tramezzature interne con pannelli in cartongesso ad elevate prestazioni fonoassorbenti e di resistenza al fuoco, la sostituzione dei vetricamera degli infissi esterni. Verranno risistemati, inoltre, tutti gli spazi esterni, con impianto di irrigazione delle aree verdi e impianto di videosorveglianza.

Per Giorgio Siena, dirigente scolastico del Luosi, «il ritorno nel 2014 nella sede originaria, migliorata nella struttura e nell’organizzazione degli spazi, è il passaggio oltre l’emergenza con la ricostruzione di edifici scolastici più sicuri e adeguati alla formazione di giovani rivolta al mondo ed all’economia globale».

Eni, che ha interamente finanziato il progetto, «testimonia in questo modo – ha spiegato Lucia Nardi, responsabile delle Iniziative culturali del gruppo – la sua vicinanza a questa comunità, così duramente colpita, individuando nella scuola una delle leve più importanti per ripartire. La scuola è un ambito nel quale Eni è presente da oltre 30 anni con progetti che puntano all’innovazione della didattica: l’idea di contribuire anche alla modernizzazione degli spazi è in perfetta coerenza con questa visione».

L’istituto di istruzione superiore “Luosi” – che comprende liceo classico e linguistico, oltre all’istituto tecnico e professionale per il commercio – è frequentato da 1075 studenti suddivisi in 51 classi. Dal settembre 2012, in seguito al terremoto, la sede dell’istituto è stata trasferita nei moduli temporanei, nel nuovo polo scolastico di Mirandola.

L’edificio del Luosi è disposto su quattro piani: un seminterrato con magazzini, ripostigli, archivi e locali tecnologici, un piano rialzato con atrio, bar, uffici, biblioteca, sala conferenze, due laboratori e quattro aule, mentre il secondo  e terzo piano ospitano ciascuno 13 aule più i laboratori. Il rifacimento totale delle partizioni interne consentirà di adeguare in modo ancor più puntuale gli spazi alle esigenze dell’istituto, in accordo con la dirigenza scolastica.

Rubriche

Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto
Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto
Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchFederico Tassini da Finale Emilia vince il campionato del mondo col Roma Roller Team

    Curiosità

    Arpae: "Le acque del nostro mare sono sempre più pulite"
    Arpae: "Le acque del nostro mare sono sempre più pulite"
    Nella stagione balneare 2018 il 97% delle acque di balneazione dell’Emilia-Romagna è risultato “Eccellente”, contro il 92% del 2017 e il 91% del 2016.[...]
    Mirandola, con il freddo arrivano le oche selvatiche
    Mirandola, con il freddo arrivano le oche selvatiche
    Tra queste una inanellata nel maggio 2002 in Polonia [...]
    "Do they know it's Christmas?" Ecco il video di Natale made in Finale Emilia
    "Do they know it's Christmas?" Ecco il video di Natale made in Finale Emilia
    La riproposizione del grande classico realizzata in occasione dei 18 anni di attività del negozio di musica Plug In. Una trentina le persone coinvolte[...]
    Per la Croce Blu di Soliera un calendario che è tutta una favola
    Per la Croce Blu di Soliera un calendario che è tutta una favola
    Per l'iniziativa i volontari del soccorso hanno superato se stessi realizzando un piccolo capolavoro di ironia e immaginazione[...]
    Nel cielo della Bassa brilla la stella cometa di Natale
    Nel cielo della Bassa brilla la stella cometa di Natale
    Il cielo terso che ci hanno regalato i gelidi venti di questi giorni ci ha permesso di vedere tante stelle cadenti, le Geminidi[...]
    Il miglior panettone d'Italia? Si fa in Emilia, col grano antico
    Il miglior panettone d'Italia? Si fa in Emilia, col grano antico
    Secondo la rivista gastronomica Dissapore, lo ha realizzato il pasticciere Claudio Gatti[...]
    "Come vi chiamate?", chiedono i Carabinieri. E i due cinesi: "Ping e Pong"
    "Come vi chiamate?", chiedono i Carabinieri. E i due cinesi: "Ping e Pong"
    Due ragazzi di 29 e 30 anni sono stati denunciati in stato di libertà[...]
    I social bond della Cassa Depositi e Prestiti portano lavoro a San Felice
    I social bond della Cassa Depositi e Prestiti portano lavoro a San Felice
    A San Felice il finanziamento è andato alla Ferropol Coating[...]
    Da Nonantola all'isola di Budelli per vivere da eremita, ora per il prof Morandi è sfratto
    Da Nonantola all'isola di Budelli per vivere da eremita, ora per il prof Morandi è sfratto
    Ha 79 anni e non sa dove andare. "In condominio non ci starei", disse una volta[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: