SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Partigiani e Resistenti, una mostra a Reggio Emilia ripercorre il Dna dell’antifascismo

mostra partigiani emigrati reggio emilia 4E’ all’Atelier Bligny di Reggio Emilia, la mostra «Partigiani e Resistenti: i geni dell’antifascismo», frutto di oltre un anno di raccolta di testimonianze in Francia e in Belgio. Un progetto, approvato e finanziato dalla Consulta per gli emiliano-romagnoli nel mondo, che ha visto coinvolti le Associazioni Fratellanza Reggiana di Parigi (capofila), Emilia-Romagna di Parigi e di Liegi ma anche il Laboratorio di storia delle migrazioni presso l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Anpi Parigi e le Associazioni Jardins Numériques (Parigi) e Leonardo Da Vinci (Liegi).

5.0.3Molto è già stato fatto in termini di ricerca storica sulla Resistenza nei singoli paesi, ma è ancora sottovalutato il ruolo che hanno avuto i migranti in un periodo che ha rappresentato le fondamenta della democrazia moderna. È proprio questa lacuna che il progetto «I geni dell’antifascismo» ha inteso iniziare a colmare, attaverso la raccolta di testimonianze – in forma audio, video e foto – di partigiani e resistenti che hanno ruotato intorno all’associazione Fratellanza reggiana di Argenteuil (Francia) e nella zona di Liegi/Genk (Belgio).

La ricerca si è concentrata su persone che hanno vissuto in prima linea o in retroguardia la Resistenza all’estero e sui discendenti per capire in cosa consiste l’eredità intellettuale ed etica lasciata alle generazioni seguenti.
Oltre a essere italiano di seconda o terza generazione, il fatto di aver avuto un genitore, un nonno, una nonna antifascista ha lasciato tracce nel modo di pensare e di concepire la società?

mostra partigiani emigrati reggio emilia 6Significativi in merito i risultati nei due Stati considerati: mentre in Francia l’eredità è prevalentemente etica e politica (la trasmissione della lingua e delle tradizioni italiane per molti discendenti sono una «ricostruzione» successiva), in Belgio è piuttosto il contrario, una sorta di tacita trasmissione di valori che è stata veicolata dall’italianità con figli e nipoti parlano perfettamente italiano e partecipano alla vita della comunità, pur sapendo molto poco di un periodo che i protagonisti hanno voluto dimenticare.

mostra partigiani emigrati reggio emilia 5In tutto sono state intervistate 20 persone, equamente divise tra la Francia e il Belgio, decine di ore di registrazione riunite per ora in una ventina di «ritratti», anche incrociati, dalla regista Chiara Zappalà e qualche centinaio di fotografie di Veronica Mecchia, di cui una quarantina solo stampate per questa prima mostra. Le interviste, concordate con il comitato scientifico diretto da Antonio Canovi, sono state condotte in loco dalle presidenti delle associazioni emiliano-romagnole (Simone Iemmi Cheneau, di Fratellanza reggiana, che fa parte anche dei testimoni, e Patrizia Molteni, del’Associazione Emilia-Romagna) e da un giovane storico, Valerio Timperi, vicepresidente dell’Anpi di Parigi. Da subito si è sentita l’esigenza di privilegiare i racconti legandoli alle immagini. In questo sia Veronica Mecchia che Chiara Zappalà si sono rivelate discrete ma attente alla persona che avevano di fronte.

mostra partigiani emigrati reggio emiliaLe foto, fatte in analogico (e non in digitale) non sono mai primissimi piani e sono stampate in formato volutamente ridotto perché lo spettatore si avvicini alla foto e quindi alla persona e alla storia che ha in sé. Veronica Mecchia coglie i personaggi mentre parlano, mentre mostrano delle foto, mentre guardano o indicano un luogo, in altre parole fissa in un’immagine ferma il racconto, i gesti e le espressioni di quel racconto. Chiara Zappalà ha filmato spesso a camera fissa ma tenendo conto dei cambiamenti della luce, dei momenti di tristezza e di pianto e di quelli orgoglio. Immagini chiare e nette che al montaggio la regista fa dialogare tra di loro.

La lettura storica, che incrocerà i racconti con gli eventi, è ancora da fare proprio perché quello che interessava maggiormente è il divenire del racconto e della memoria, poco importa se luoghi e date o pezzi interi della storia sono riveduti e corretti a posteriori, quello che conta è il racconto, il suo valore «parabolico», di messaggio etico e morale.

mostra partigiani emigrati reggio emilia 3Anche i luoghi sono stati accuratamente scelti per restituire quello sguardo spaziale (oltre che temporale) della memoria partigiana migrante: gli interni ed esterni delle case (alcuni identici a quelli che si erano lasciati alle spalle in italia, come l’atelier del padre di Simone Iemmi), ma anche i luoghi di ritrovo come la sede dei garibaldini a Parigi, a pochi metri da dove abitava Gina Pifferi, i quartieri come Mazagran a Argenteuil o luoghi simbolici: i «terril» in Belgio, delle specie di montagne create dalle miniere in cui lavoravano gli italiani, visibili nelle panoramiche filmate da Chiara Zappalà, la stazione di transito di Drancy, da cui partivano i deportati verso la Germania. Dopo l’Atelier di Bligny di Reggio Emilia, la mostra andrà ad Argenteuil e Parigi in febbraio-marzo e a Liegi in aprile.

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: