Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

DOSSIER: Viaggio tra i pozzi petroliferi della Bassa – Foto e video

L’oro nero della Bassa: chi sapeva, prima del rapporto Ichese, che la nostra è tra le più importanti aree petrolifere d’Europa? Chi rifletteva sul fatto che con i suoi 1.697 pozzi  scavati dal 1895 a oggi quella d’Emilia è la regione più trivellata d’Italia?

Pochi sapevano. Non ci si faceva troppo caso a quelle trivelle, a quegli scavi, a quelle perforazioni: il lavoro qui dalle nostre parti è sempre stato intenso, e ai cantieri nessuno ha mai fatto troppo caso.

Ora però arrivano autorevoli scienziati a spiegarci che una possibile correlazione tra le trivellazioni e il terremoto del 2012 non è da escludere.
Andiamo allora, con l’aiuto di un gentile amico che ci fa da Virgilio, a intraprendere un viaggio alla scoperta dei nostri pozzi petroliferi.

Anzitutto serve  una mappa: andiamo tra NoviSan Possidonio e Mirandola, 122 chilometri quadrati di concessione.

Schermata 2014-04-13 a 20.06.48

La nostra fabbrica di petrolio vale un milione di euro al mese, nelle stime: produce 2 milioni di chili all’anno di greggio, ovvero lo 0,5% della produzione nazionale che prima andava all’Eni, oggi a Gas Plus. 

19

Oggi diciannove pozzi penetrano in profondità i terreni della Bassa alla ricerca dell’oro nero che si nasconde  tra le sue viscere. Alcuni non sono mai entrati in funzione, altri servono solo come “valvola di sfogo”, per la reiniezione dei liquidi. Quattro pozzi, oggi, sono al lavoro.
Perchè l ‘acqua viene estratta assieme agli oli, poi separata  e reiniettata: anche logica lo vuole – se togli liquido devi iniettarne di nuovo per mantenere l’equilibrio sotto terra.

Cavone

ecco dove siamo

La concessione Mirandola nasce nel 1965. Furono aperti fino a 67 pozzi e nell’area del Cavone  – ex Eni oggi Padana Energia – che la Commissione Ichese mette al centro dei suoi studi sulle cause del terremoto.

Fino al 2012 erano attivi 7 pozzi, di cui 6 di estrazione vera e propria e uno di reiniezione. Da un certo periodo  – anno 2005 – è stato anche attivo il pozzo San Giacomo 1.
Dall’area Cavone, dove si scava fino a oltre 3 km di profondità  si tira fuori olio e gas: tanto olio, tanto gas. Ai tempi d’oro – anni Ottanta – si arrivava anche a 217 mila tonnellate d’olio e 5,1 milioni di metri cubi di gas l’anno. Il campo di Cavone venne scoperto dall’Agip nel 1980 e vennero realizzate le relative infrastrutture rappresentate dal centro olio e da 21 pozzi

 

Correva l’anno 1940

La scoperta del petrolio nella Bassa è antica: cinqunt’anni fa  – ricorda ancora qualcuno – si scavava alla ricerca di petrolio anche a Rivara e a Quarantoli, senza esiti, mentre più successo si ebbe tra Mirandola, Fossa e Concordia. Perforazioni poche profonde, ma costanti. Guardate il video e riflettete: anni e anni così, ininterrottamente…

Il giacimento del Cavone fu scoperto dall’Agip qualche anno dopo, e cadeva  nell’area esclusiva di ricerca e di sfruttamento concessa all’Eni nella Valle Padana. Il pozzo è entrato in produzione nel 1959, mentre quello più vicino a Modena, il San Martino, è produttivo dal 1990. I maggiori livelli produttivi attorno 1.200.000 barili/anno vennero raggiunti nei primi anni Ottanta.

A Mirandola e dintorni da 8 pozzi produttivi si estraggono, rispettivamente, 200mila barili di greggio all’anno e oltre 800mila metri cubi di gas, sui 200 milioni di metri cubi dell’intero territorio regionale. 

 

dove arriva attraverso condutture e pipe line, gli oli raccolti dai pozzi circostanti

Il Centro Oli di Novi

Centro Oli di Novi

centro oli noviIl centro Oli si trova in via Fossetta Cappello n.1, a 3 chilometri a Ovest di Novi e a 2 da Sant’Antonio in Mercadello, ed ed è un area da 46 mila metri quadrati in cui Padana Energia ha allacciato 10 pozzi che provengono da tutt’attorno tramite le pipe line sotterranee. Solo per scavalcare il Secchia le pipeline sono visibili.
Il volume dei giacimenti è inviato alla centrale di Spilamberto mediante metanodotti di collegamento della lunghezza complessiva di 26 km, e quindi immessa in rete ad alimentare utenze e industrie locali».

 

Il video sulla centrale olio

Il Centro oli dell’Eni, è classificato a rischio incidente rilevante, in attuazione della direttiva Seveso.

L’incidente rilevante, si legge, è “un evento quale un’emissione, un incendio o
un’esplosione di grande entità, dovuto a sviluppi incontrollati che si verificano durante l’attività di uno stabilimento e che dia luogo a un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l’ambiente, all’interno o all’esterno dello stabilimento e in cui intervengano una o più sostanze pericolose”, quindi un evento che richiede urgenti provvedimenti di difesa per la popolazione e tutela dell’ambiente e quindi,
tempestive e qualificate azioni per fronteggiarlo, e necessita di una risposta organizzata da parte degli
Enti/Strutture che intervengono in emergenza”.

Nel Centro Oli ci sono separatori di fluidi, olio, acqua e gas, si legge qui” capaci di trattare fino a tremila metri cubi al giorno ma usati per 70. Tre enormi serbatoi per stabilizzare il greggio, ma oggi solo uno è utilizzato. Spostandosi di qualche chilometro si arriva al famoso pozzo di reiniezione numero 14 a San Possidonio, quello su cui si sono addensati i dubbi. Un gran silenzio, tutto fermo ma è il ciclo di produzione a prevederlo, oggi. Condotte chilometriche portano il greggio al centro oli. Il gas estratto, è «in produzione trascurabile e finora non commercializzato»”.

rischi novi

Tratto dal Piano di emergenza esterno del Centro oli di Novi

 Nel piano di emergenza esterno del centro Oli di Novi è chiarito che l’area che lo ospita è a bassa sismicità, ma soggetta ad amplificazione sismica e a potenziale liquefazione del terreno.

Qui noi ci fermiamo, lasciamo la parola al rapporto Ichese che dice…

 

 

Non si può escludere che

Riguardo Cavone, “Non può essere esclusa un’influenza delle attività di estrazione e reiniezione sulla sismicità meno profonda (scosse con ipocentri fra i 1000 e i 3000 metri, sismicità “: lo certificava la Regione già a dicembre 2011. Ora la Commissione Ichese conferma: per Cavone una correlazione perforazioni- sisma non si può escludere.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]