Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Cosa fanno al Pozzo Cavone? Comincia la settimana delle osservazioni sulla faglia

Non c’è nessuno che si mette a “provocare terremoti” al Cavone come ha scritto qualche giornale, semplicemente da domani partono le prove di iniettività sul pozzo di reiniezione Cavone 14, nell’area di Mirandola, nell’ambito della sperimentazione voluta dopo la pubblicazione del rapporto Ichese che non esclude siano possibili correlazioni tra le trivellazioni che da anni vengono fatte nell’area e il terribile terremoto che nel 2012 ha sconvolto la Bassa.

Dal primo maggio l’attività che da diversi decenni si svolge al Cavone ha cambiato obiettivo, perchè si sta effettuando un controllo e un monitoraggio di quanto accade sotto terra, i cui risultati vengono riportati sul sito apposito. Su labcavone.it , attraverso dati INGV e delle stazioni di monitoraggio locali c’è una mappa della Bassa su cui sono visualizzati entro le ventiquattrore i dati relativi alla sismicità di tutta la bassa modenese e per una più vasta area di circa 8.000 chilometri quadrati. Il fatto che ci sia questa discrasia di 24 ore nella pubblicazione dei risultati è una dei punti di scarsa trasparenza denunciati dai comitati che (leggi l’articolo) avrebbero preferito ad esempio che i dati venissero forniti automaticamente in diretta.

Il Programma prove del laboratorio Cavone, prevede che da domani, dalla quarta settimana di maggio si esegua una prova di iniettività sul pozzo di reiniezione Cavone 14, e lo svolgimento di questa attività prevede un periodo di reiniezione di acqua di giacimento, quelle acque di lavorazione che contengono olio, metalli pesanti e elementi chimici (cosa esattamente è un’altra delle domande poste da comitati). Dopo l’iniettività segue un periodo di fermata della reiniezione stessa nel corso del quale verrà monitorato e registrato l’andamento della pressione e anche la presenza di eventuale micro sismicità sotterranea.

Si fanno, insomma, delle prove di strato: si calano in fondo al pozzo Cavone 14 dei sensori di pressione, e si mantiene costante la quantità di fluido iniettata o estratta fino ad avere una stabilizzazione della pressione in fondo al pozzo. Quando i tecnici arrivano ad un regime stazionario di portata e pressione, variano la portata, portandola ad un nuovo regime costante e guardando come varia la pressione. Trasportati i dati di tempo e di pressione su un grafico, si riescono ad avere informazioni sulla dimensione del serbatoio e sui punti di eventuale vibrazione.

L’obiettivo, infatti, non è portare a rottura la roccia, ma trovare le dimensioni del giacimento, per vedere la sua influenza arrivi o no fino all’ipocentro del primo terremoto.

programma cavone

“In pratica al Cavone continuano ad operare come prima – spiega il geologo dell’ateneo di Bologna Gilberto Bonaga – solo che hanno degli strumenti in pozzo per registrare dei parametri in più, parametri che permettono di vedere se effettivamente le variazioni di pressione del giacimento possono essere arrivate ad avere influenza a 20 km di distanza (il che io lo dubito per motivi geometrici, la pressione che si genera in un punto diminuisce col cubo della distanza dal punto di iniezione, a 20 km sarebbe diminuita di 20x20x20 8000 volte, rispetto a quella che c’e’ ad un km dal punto di iniezione, a meno di cose strane, strampalate ed improbabili, che salterebbero fuori, se ci fossero, con le prove in atto)”

Gli fa eco Marco Mucciarelli, del Centro Ricerche Sismologiche dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS):

  1. Non è stato fatto nessun nuovo sondaggio, è stato installato un sensore di pressione in fondo ad un pozzo già esistente;
  2. Le prove servono a vedere se i vari settori del giacimento Cavone sono isolati o sono in comunicazione tra di loro;
  3. Queste sono le prove richieste dalla commissione Ichese per capire se il “non si può escludere che” diventa un “è probabile” oppure un “si può escludere che”;
  4. Certi titoli di giornale sono un pessimo esempio di come si speculi sulle ansie della gente per attrarre attenzione e vendere copie, infatti le prove non sono fatte per generare terremoti ma per studiare variazioni della pressione di poro in diverse condizioni di funzionamento dell’impianto.

Certo, più chiarezza e trasparenza sarebbe utile,i dubbi e le paure sono tante. Riassume i quesiti aperti su una pagina Facebook  il professor Franco Ortolani:

“Chi è al corrente in tempo reale di quello che si intende fare nel sottosuolo del giacimento Cavone di Mirandola?
Chi informa i cittadini?
Eventuali danni chi li pagherebbe?
Da parte dei responsabili delle Istituzioni pubbliche occorre molto buon senso e responsabilità, quella responsabilità che non ha primeggiato quando in febbraio è stato secretato il rapporto ICHESE”

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]