SulPanaro Expo SulPanaro Expo

“Tellurica” fra gemme e occasioni mancate: recensione, foto e trailer

Il film del collettivo Sisma Emilia, proiettato ieri in anteprima a Mirandola, porta sugli schermi dieci cortometraggi autonomi in cui i registi, ognuno con il proprio stile e la propria sintassi narrativa, raccontano i terremoti emiliani da diversi punti di vista. Con riferimenti più o meno ricercati, episodi riusciti e altri un po’ troppo pretenziosi, ma con, in fondo, un’umanità degna di essere mostrata: ecco come lo ha visto SulPanaro.net.

tellurica_you_had_to_be_thereTellurica si apre con You had to be there di Domenico Guidetti, su soggetto e sceneggiatura di Luca Speranzoni. E’ girato a Finale, e lo straniamento iniziale derivato dall’orario di riferimento delle scene lascia intuire uno sviluppo in cui si attende il capovolgimento di senso. Che avviene e non delude. Applausi.

tellurica_respiroUn po’ meno convincente è Il Respiro del Gigante, il secondo episodio, firmato da Emanuele D’Antonio. Riflessivo quanto basta (rapporto uomo-natura) ma lentissimo anche per durare solo dieci minuti, annoia il pubblico di Mirandola che si risveglia – sensazione per qualcuno anche sgradevole – quando il boato del terremoto fa quasi letteralmente tremare la piazza. E’ una licenza poetica, ma un errore filologico, perché è girato in Appennino, a Piandelagotti, dove quel rumore non l’hanno nemmeno sentito…

tellurica_lettereForse più facile il terzo episodio, Lettere dal fronte di Roberto Cavana, che in qualche modo – con tutti i distinguo narrativi del caso, ma qualche riferimento lo si respira – fa il verso a La vita e bella trasferendo l’esperienza del terremoto negli occhi di alcuni bambini e dei loro giochi.  Girato a Camposanto, con una bellissima fotografia, dei dieci è l’episodio più colorato e vivace.

tellurica_radioIn Shell Shocks Radio di Carlo Battelli, l’episodio numero quattro, viene facile immedesimarsi, a causa della claustrofobia traumatica che in tanti hanno sperimentato sulla propria pelle in quei giorni. Il protagonista dell’episodio di Battelli la estremizza, ma funziona, così come quell’esultanza finale su un episodio calcistico del 2012 che, purtroppo, verrà ricordato molto più del nostro sisma.

tellurica_roveretoDecisamente più concettuale Happy Birthday Rovereto di Nicola Xella (il quale peraltro firma le riprese di tellurica_4.04diversi episodi), il quinto della serie, quello che porta con sé il maggiore scarto semantico. Singolare invece il sesto episodio, 4:04 di Marco Maselli, che sceglie la tecnica dell’animazione e, anche per questo, stacca dagli altri e fa il gioco di Tellurica, nel suo insieme, spezzando la continuità della narrazione dopo l’episodio borderline di Xella.

tellurica_wangL’ottavo episodio, Wang di Mirco Marmiroli, inganna. Girato a Camposanto, racconta la quotidianità di Wang, appunto, cittadino di origine cinese, proprietario di un bar. Letto, sveglia, lavoro: tutti i giorni, una delle migliaia di vite sconosciute, coi suoi drammi, spesso ignorate qui, dove la comunità cinese è enorme e solo in parte integrata. Il flusso di pensieri (in cinese, sottotitolato), interpreta il dramma. Pur romanzato, lascia intuire a tanti una morte dimenticata, di cui non si sa sostanzialmente nulla, quella di Zhou Hong Li, cittadino cinese morto nel crollo della sua abitazione a Mirandola durante il nostro sisma. Ma Marmiroli si perde nell’internazionalismo, nel pretendere di dare il respiro di denuncia sociale inserendo il riferimento alla legge cinese sul figlio unico, legge (certo disumana, per la cronaca) che come eccezione permette alle coppie di avere un altro figlio se il primo è morto in un terremoto. Forse un’occasione persa, nel merito della nostra tragedia.

tellurica_occasioneL’occasione è invece il titolo del settimo episodio, di Corrado Ravazzini, ambientato a Novi e basato su un racconto di Antonio Borelli. Una storia in cui riconoscersi, per chiunque abbia camminato su vetri e cocci, sbalzato fuori di casa quella maledetta notte. Il riferimento al vino non consumato ma serbato per un’occasione particolare riporta ad un’ode di Orazio (quella nota come Carpe Diem) in cui il poeta latino invita a “depromere Caecubum cellis avitis” tirare fuori il Cecubo, appunto un vino pregiato, dalle cantine secolari. Goderne subito, insomma, senza aspettare.

tellurica_time_not_foundTellurica si chiude con 404 Time Not Found di Giuseppe Ferreri e L’anniversario di Francesco Barozzi, distanti dal punto di vista del racconto due anni ma simili nell’amarezza di fondo. Quella di una coppia che vive il momento della paura, in cui il guardarsi negli occhi è insieme forza, sostegno, incredulità tellurica_anniversarioe necessità,  e quella di un uomo che, ormai, può vivere di ricordi e, fra gli ultimi che gli rimarranno, ci sarà quello, sanguinante, di una casa, la sua, che non c’è più. In quest’ultimo caso, il cameo di Roberto Herlitzka (che fu un eccellente Aldo Moro in Buongiorno Notte di Bellocchio) merita in fondo di essere considerata l’icona dell’intero film collettivo.

Il trailer ufficiale

La serata di Mirandola

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: