SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

6800 firme in difesa degli ospedali della Bassa

“Tra poco più di un mese, il 14 Ottobre, scade il Pal triennale, e oggi abbiamo ufficializzato al protocollo del comune di Mirandola indirizzandole anche all’UCMAN ed alla Regione le circa 6850 firme raccolte per il nostro ospedale e per la richiesta di revisione del Pal. Di una cosa prego tutti voi, quando sarà convocato il consiglio comunale che discuterà di questa petizione, non lasciateci soli, venite come uditori ad assistere al consiglio, perché noi da soli possiamo fare poco, se ci sarà qualcuno a sostenerci, forse saremo più ascoltati!” Così il comitato salviamo l’ospedale della Bassa commenta la presentazione delle 6850 firme raccolte per chiedere la revisione  del Piano attuativo che ridisegna la sanità del nostro territorio.

Ecco il testo della missiva consegnata.

Al sig. Sindaco del Comune di Mirandola

Ai consiglieri del comune di Mirandola

Al Presidente dell’U.C.M.A.N.

Ai consiglieri dell’UCMAN

Al presidente della Regione Em. Rom.

All’Ass. alla Sanità della Regione Em. Rom.

e.p.c: al sig. Sindaco del Comune di Carpi

e:  al COSAN DI Carpi

Oggetto:

  1. comunicazione del Comitato “Salviamo l’Ospedale della Bassa”
  2. presentazione della petizione  per protocollo delle firme raccolte

 

Premesso:
-che come noto il 27 Novembre 2012, presso la sala riunioni di Villa Fondo Tagliata in Mirandola (MO), è nato un “Comitato Spontaneo di Volontariato” denominato:  “SALVIAMO L’OSPEDALE DELLA BASSA”,  con lo scopo di promuovere ogni iniziativa utile a mantenere le condizioni ottimali di funzionamento dell’Ospedale di Mirandola, per rispondere ai bisogni della popolazione

– che sono state promosse campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e sono stati contattati gli organi istituzionali in grado di intervenire per garantire la tutela della salute

– che sono state raccolte oltre 6500 firme di adesione e sostegno ai principi ispiratori dello stesso

Considerato:
che la nostra iniziativa ha stimolato notevolmente la discussione in merito alla sanità locale,

Sottolineando che:

1) gli interventi sulle strutture  murarie dopo il sisma sono stati corposi e tuttora in essere

2) i servizi e le prestazioni del Nosocomio Mirandolese, nonostante l’impegno di tutti i dipendenti, la buona professionalità e la buona dotazione tecnologica, sono tuttora in sofferenza rispetto alle necessità della popolazione residente nell’Area Nord

3) l’Ospedale di Carpi ha delle strutture architettoniche obsolete ed è situato in posizione geografica infelice

4) la distribuzione dei Presidi Ospedalieri nella Provincia è piuttosto sbilanciata in favore delle aree Centro e Sud

A DUE ANNI dall’iniziativa, il comitato ritiene OLTREMODO URGENTE depositare le firme raccolte, e contemporaneamente richiedere alle Amministrazioni Locali:

1)       Di programmare un nuovo PIANO ATTUATIVO LOCALE (P.A.L.)  più equilibrato tra centro e periferie della provincia

2)       Di promuovere tutte le iniziative volte alla nascita di un NUOVO OSPEDALE UNICO DI AREA NORD, baricentrico all’area geografica di riferimento tra Terre D’Argine ed UCMAN, a partire dal progetto di fattibilità già inserito nei programmi elettorali delle ultime amministratve del maggio 2014. Tutto ciò per garantire alle generazioni future un’assistenza sanitaria ospedaliera adeguata e parimenti fruibile nelle diverse zone delle 3 macroaree

3)       Di fare nel frattempo ogni sforzo per riconoscere e mantenere elevate le professionalità e gli standar qualitativi degli Ospedali di Mirandola e Carpi, per limitare la mobilità passiva, sempre più frequente nelle nostre zone.

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    Il collezionista sanfeliciano, la cui fama è ormai internazionale, sta lavorando ad un progetto di grande prestigio e ha proposte dall'estero[...]
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Il suo nome emerge tra le 150 donne che il magazine dell'innovazione delle start up italiane StartupItalia ha messo in fila[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: