SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Bambini e povertà, un dramma che qui nessuno vuol guardare in faccia

Per spiegare la povertà minorile, su cui “l’attenzione nel nostro Paese è insufficiente”, la “dimensione economica non basta”, perché a caratterizzarla, invece, è principalmente “la povertà educativa”, una “caratteristica peculiare della povertà minorile, che viene spesso sottovalutata dall’opinione pubblica e sacrificata ad altre priorità da parte delle istituzioni”. Viceversa, “non si può negare a priori una correlazione fra povertà e disagio nelle sue varie forme, comprensive del disadattamento e dei comportamenti socialmente inaccettabili come quello del bullismo”.

A lanciare l’allarme è Luigi FadigaGarante regionale per l’infanzia e l’adolescenza, che giovedì scorso a Roma è stato ascoltato in audizione dalla commissione parlamentare congiunta per l’Infanzia e l’adolescenza, presieduta da Sandra Zampa.

“La povertà minorile intesa come specifica condizione di povertà delle persone di età minore è oggetto di insufficiente attenzione nel nostro Paese, e inadeguate sono le strategie di contrasto poste in essere malgrado gli impegni internazionali assunti dall’Italia”, avverte il Garante in una nota. A suo avviso, non si può ignorare soprattutto il fatto che “il bambino che vive in una famiglia non in grado per ragioni economiche o culturali di offrirgli un ambiente stimolante, è un bambino a rischio di discriminazione e di esclusione sociale fin dai primi anni di vita”. E ciò si concretizza “se quella carenza anche incolpevole a livello familiare non trova servizi integrativi adeguati e contrappesi nel sistema educativo complessivamente considerato”.

Una prima mancanza, sostiene Fadiga, si registra a livello normativo: nel codice civile viene sancito il diritto del bambino e dell’adolescente a “apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni”, ma tuttavia “i destinatari del comando giuridico sono i genitori, e non anche invece, come dovrebbe essere, le istituzioni e la comunità”. Per questo motivo è necessario che “strumenti normativi e amministrativi vengano individuati per porre a carico anche delle istituzioni quel comando, e ciò deve valere sia per lo Stato che per le Regioni”. E con tali norme non basta “accordare aiuti appropriati ai genitori” ma bisogna “anche a provvedere alla creazione di istituzioni e servizi aventi il compito di vigilare sul benessere del fanciullo”, specialmente davanti al “fortissimo divario di opportunità educative tra le Regioni italiane”.

Il Garante ha poi portato la sua attenzione sulla situazione dell’Emilia-Romagna: da una parte “la situazione delle persone minorenni in Emilia-Romagna appare per certi versi privilegiata”, ma “malgrado ciò permangono settori di popolazione minorile e situazioni particolari dove il rischio di povertà è presente e attuale”, in particolare fra “i minori stranieri e i minori appartenenti a famiglie nomadi”. Soprattutto “quest’ultima categoria- sottolinea Fadiga- modesta dal punto di vista quantitativo, sotto l’aspetto qualitativo è probabilmente la più a rischio fin dai primissimi anni di vita” del bambino, perchè “la cittadinanza europea di molti tra loro accentua un nomadismo pendolare delle famiglie, che, poverissime, pur libere di entrare in Italia ben difficilmente riescono a raggiungere i requisiti per la residenza” e di conseguenza “è per loro difficile usufruire pienamente dei servizi e delle facilitazioni previste per i non abbienti come per esempio la retta di iscrizione e la refezione scolastica”.

Per quanto riguarda i minori stranieri residenti, “la mancanza della cittadinanza italiana, anche se si tratta di bambini nati in Italia, e l’ambiente familiare, spesso povero di stimolazioni, costituiscono ostacoli di fondo a una piena integrazione, e possono ipotecare il loro futuro”, spiega il Garante, secondo cui “i dati sul ritardo scolastico confermano queste osservazioni”, fino al punto che “nella scuola primaria e secondaria di primo grado gli alunni italiani in ritardo sono il 7,6%, mentre gli alunni stranieri in ritardo sono il 54,7%”; nella scuola secondaria, “il ritardo degli alunni stranieri raggiunge il 63,8% contro 21,8% degli italiani”. Una soluzione, propone allora Fadiga, passa “per le classi a tempo pieno nella scuola secondaria di primo grado”, che in Emilia-Romagna sono appena il 7% del totale quando invece “il ruolo della scuola secondaria di primo grado è di capitale importanza per contrastare l’esclusione sociale e la devianza minorile, ivi compreso il bullismo”.

Tra i membri della commissione, l’onorevole Antimo Cesaro ha ribadito l’importanza di combattere la povertà culturale anche attraverso il potenziamento dell’accesso dei minori a musei, monumenti e teatri. La senatrice Francesca Puglisi ha invece richiamato l’interesse sulle comunità di accoglienza, l’affidamento familiare e il diritto del minore alla continuità del legame affettivo. Ha chiuso i lavori l’intervento la deputata Vittoria D’Incecco, che ha toccato il tema dei minori nomadi.

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: