SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Banda ultralarga, a Pieve di Cento arrivano le “tariffe sociali” per over 70 e disabili

Mentre nella Bassa languiamo con la connessione web senza banda larga, che fa navigare aziende e professionisti lentamente quanto accadeva nell’era preistorica di Internet, a una manciata di chilometri da qui accade altro.

Infatti, dopo aver attivato la banda ultra larga, arrivano le tariffe “sociali” accessibili a chi non dispone di un reddito elevato, in modo da diffondere il più possibile i benefici culturali, sociali ed educativi che la banda ultralarga può offrire. Accade a Pieve di Cento, in provincia di Bologna, dove un anno fa veniva annunciato il progetto denominato “Pieveloce”, che trasformava questo Comune, di appena 7mila abitanti, in un laboratorio dove sperimentare un modello virtuoso di collaborazione tra pubblico e privato. S

e n’è parlato oggi in Regione nel corso di una conferenza stampa cui hanno partecipato l’assessore alle Reti di infrastrutture materiali e immateriali Alfredo Peri, il sindaco Sergio Maccagnani, il direttore generale di Lepida SpAGianluca Mazzini e il procuratore di Nexus srl Andrea Fini. Il modello di Pieve di Cento, se replicato, potrebbe consentire di superare ildigital divide nei confronti della banda ultralarga anche nei piccoli e medi centri urbani, a fallimento di mercato per i grandi operatori di telefonia. Un esperimento sinora unico in Italia, che ha visto il Comune mettere a disposizione le infrastrutture, l’operatore locale Nexus srlinvestire nella realizzazione del cablaggio in fibra ottica sfruttando la collaborazione di Lepida SpA, società in house di telecomunicazioni e servizi online degli enti locali emiliano-romagnoli.

Dopo solo quattro mesi dall’inaugurazione del primo lotto di banda ultralarga (BUL), avvenuta il 30 marzo a Pieve di Cento, la copertura del centro storico ad oggi è già terminata, con l’attivazione di 20 linee ed oltre 70 in lavorazione. Entro la fine dell’anno l’intero territorio comunale sarà coperto. Cittadini e imprese dispongono quindi della banda ultralarga fino a casa (o alla sede) grazie alla tecnologia FTTH (Fiber To The Home), che oggi fornisce le maggiori performance possibili consentendo alla fibra ottica di arrivare direttamente all’utenza senza intermediazioni di altre tecnologie.

Le tariffe “sociali”
Dall’ultimo rapporto Istat emerge che in Italia persistono differenze sociali e generazionali nell’accesso ai beni e ai servizi tecnologici. E’ sufficiente pensare, ad esempio, che soltanto il 12,7% delle famiglie composte da soli anziani dispone di una connessione. Pieve di Cento, già primo esempio virtuoso di smart city in Emilia-Romagna, fa un passo in avanti offrendo soluzioni per collegare alla banda ultralarga persone anziane e gruppi sociali più vulnerabili. In quest’ottica Nexus srl ha deciso di riservare una maggiore attenzione a due fasce sociali più deboli: gli over 70 e le persone disabili. Per entrambe è stata creata un’opzione a 19 euro al mese iva inclusa per una linea 10Mb/10Mb, rispetto ai 25,21 euro standard, oppure a 30 euro per  linea Internet 10/10Mb e telefonia Flat (Cellulari e Fissi Nazionali inclusi senza scatto alla risposta) rispetto ai 39 euro standard.

Le dichiarazioni
“Non siamo di fronte ‘solo’ a un’occasione per allargare la mappa del territorio coperto – ha sottolineato durante la conferenza stampa l’assessore regionale alle Reti di infrastrutture materiali e immateriali Alfredo Peri – , ma anche all’interno del percorso che abbiamo cercato di delineare negli ultimi anni, e cioè una forte attenzione ai diritti dei cittadini e delle comunità in quest’era digitale. Nel caso di Pieve di Cento, attraverso una riflessione sulla ‘mappa del bisogno’, l’accesso ai servizi viene garantito, con l’intervento della pubblica amministrazione e di un operatore, in un’ottica di welfare digitale”.

“Lepida SpA è davvero soddisfatta di aver dato il via a questa tipologia di iniziative dove operatori piccoli si sposano a Comuni piccoli, realizzando modelli di partnership pubblico/privati reali e concreti – ha dichiarato Gianluca Mazzini, direttore di Lepida SpA – . I piccoli Comuni diventano sempre più dei laboratori, e Pieve di Cento è il capofila, dove implementare nuove idee basate sulla banda ultralarga. L’esempio delle tariffe sociali apre a una nuova dimensione di soggetti in rete che sono importanti nel momento in cui la rete sta diventando sempre più la forma per socializzare e comunicare. Le idee lanciate da Pieve di Cento si stanno poi diffondendo, a macchia d’olio, verso tanti altri Comuni di analoghe dimensioni”.

Per il sindaco di Pieve di Cento, Sergio Maccagnani, “la banda ultralarga qui è già realtà. Una grande opportunità per le famiglie e le imprese. Ma non solo. Abbiamo anche caldeggiato la predisposizione di un’offerta specifica per gli ultrasettantenni di Pieve, che rappresentano il 18% dei nostri cittadini. Nexus applicherà dunque una tariffa ‘sociale’ per tutti i residenti che faranno un’autodichiarazione, al momento del contratto, e che il Comune provvederà a controllare. Un bel segnale che, accompagnato ai corsi che periodicamente si svolgono sul territorio, aiuterà a ridurre il digital divide. Oltre agli ultrasettantenni, la tariffa sociale riguarderà i nuclei famigliari con la presenza di un soggetto coabitante con disabilità”.

“Pensiamo che infrastrutturare un paese non significhi solamente cambiar tecnologia di connessione, sicuramente affascinante per gli utilizzatori classici, ma riteniamo sia importante che, grazie a questa rete, una delle pietre miliari sia non solo l’aspetto tecnico e tecnologico, ma anche ‘non lasciare indietro nessuno’” ha spiegato il procuratore di Nexus Srl Andrea Fini.  “Mi riferisco, in particolar modo, alle fasce sociali deboli. Riteniamo che, in questo periodo, sia giusto che ognuno faccia la propria parte, e se da un lato come azienda investiamo per infrastrutturare Comuni interi, dall’altro cerchiamo di rendere il più possibile accessibile il costo delle linea per queste fasce”.

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: