Bimbo investito e ucciso, una tragedia per due famiglie

Il corpicino di Zackaria, – oh, piccolo angelo volato in cielo troppo presto – nel fosso sembrava ancora più piccolo di quello che realmente era. Raggomitolato su stesso e coperto da una mano pietosa che ha portato qui un asciugamano, non rivelava nulla di quel vivace e allegro bambino che era fino a pochi momenti fa. Ovvero, prima che un’auto lo investisse travolgendo di punta la sua biciclettina e scagliando il bambino giù nel fosso, dove è morto sul colpo.

Era da poco tramontato il sole, ma la visibilità era già scarsa in quel tratto di strada  – la provinciale 468 – che troppe tragedie ha già visto in passato. Quella di ieri è l’ennesima, forse prevedibile dice chi la frequenta e ogni giorno vede stuoli di bambini a piedi e in bici che raggiungono la fermata del bus, a ogni ora pedoni che fanno rientro a casa con un passaggio e compiono qualche metro di strada per entrare nell’area della periferia più periferia di Finale Emilia che si chiama Salde Entrà.

Brutta strada, quella già ribattezzata Strada della Morte: niente illuminazione, niente slarghi, canale da un lato e canale dall’altro, strada su cui ti viene voglia di correre perchè stai tornando a casa o ti affretti al lavoro, asse viario usatissimo nella Bassa per chi si muove tra San Felice sul Panaro e Finale Emilia.

Anche Zackaria era su quella strada ieri sera, anche lui si affretta verso casa perchè col tramonto si rientra sennò la mamma borbotta, e il sole era scomparso da diversi minuti ormai.
Pedalava veloce Zackaria, pedalava senza pensare a niente, correva e aveva fretta su quel suo minuscolo biciclino rosso e giallo. Pedalava e ora era quasi arrivato, la vedeva già la sua casa: pochi metri ancora e sarebbe arrivato e speriamo la mamma non borbotti.

Non sapeva, Zackaria, che poco lontano da lui stava sopraggiungendo da dietro un’automobile. Non sapeva che proprio quell’auto, quella Renault Scenic che ora ha il muso accartocciato sulla biciclina rossa e gialla, proprio quell’auto gli avrebbe mangiato la vita.

E’ stato un attimo: un tonfo, una frenata stridula e Zackaria vola, vola verso il terreno, sbatte la testa, muore sul colpo.

E’ un attimo che dalla case vicine escano le persone, un attimo che la notizia arrivi a casa di Zackaria, un attimo che la vita della sua famiglia sia spezzata per sempre in un dolore che è impossibile superare.

Sulla provinciale si forma presto un capannello di auto costrette a fermarsi perchè la strada viene bloccata per i rilievi e non si potranno muovere fino alle 10 di sera. Decine di persone vedono quell’asciugamano che nasconde pietoso il bambino, decine di persone vedono quella tendina colorata che rallegra la Scenic assassina, simbolo della presenza di un piccolo anche lì.

Un attimo che ruba l’anima, che rovina per sempre  – in modo diverso, ma ugualmente ineluttabile – due famiglie: quella della vittima e quella del guidatore.

 

Leggi la cronaca dell’incidente

Guarda le foto realizzate sul luogo

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Arriva il wifi gratuito al Policlinico e a Baggiovara
    Al Policlinico la copertura è già attiva in tutti gli edifici ospedalieri, mentre all’Ospedale Baggiovara al momento è limitata ai reparti situati al secondo e terzo piano[...]
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Ubriaco stacca con un morso un dito ad un buttafuori
    Voleva entrare a tutti i costi in discoteca[...]
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Per Vasco Rossi le chiavi della città di Modena
    Grande emozione per il rocker: "Alla fine di tutto o all’inizio di tutto ringrazio comunque sempre il cielo e la chitarra“[...]
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    E' la scrittrice italiana che ha venduto più ebook nel 2017. Ed è della Bassa: Felicia Kingsley
    "Matrimonio di convenienza" nasce dalle lunghe file sulla Canaletto e dai giri in più fatti quando ponte Motta era chiuso. [...]
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    Benji e Fede in visita ai bambini ricoverati in ospedale
    I due cantanti - molto amati dai giovani - hanno cantato in reparto al Policlinico[...]
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Diciottenne di Mirandola sorpresa ubriaca alla guida si mangia lo scontrino dell'etilometro
    Lo strumento aveva certificato che c'era troppo alcol nel sangue (un tasso di 1,77, quando il limite è 0,5 grammi per litro)[...]
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Qualità dell'aria, calano le CO2
    Al via un nuovo piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima[...]
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Da Finale Emilia alla Nazionale di calcio, brava Eleonora Goldoni!
    Giocherà contro la Francia, la partita è in programma il 20 gennaio allo stadio Orange Vélodrome di Marsiglia. [...]
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    E' più a est Bologna o Roma? E chi è più a nord, Trento o Aosta?
    La geografia dice una cosa, ma le mappe cognitive che abbiamo in testa possono trarre in inganno[...]
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    Social, potrebbe costare caro a mamma o papà pubblicare foto dei figli
    L'ordinanza del Tribunale di Roma crea un precedente unico in Italia[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: