Doni per il terremoto e lo Stato chiede le tasse: ora si prova a rimediare

Ha provocato molta rabbia scoprire che sulle donazioni per la nuova scuola post sisma di Cavezzo lo Stato ha preteso 300 mila euro di Iva, una situazione purtroppo comune a tutti i passaggi di denaro di questo tipo, ma che ha un sapore amaro. Dopo lo scandalo nazionale partito dalla pagine del Corriere della Sera, il Parlamento prova a rimediare: dal Pd è partita oggi una interrogazione al Governo su questo tema.

“Assoggettare, anche indirettamente, all’Iva del 10% le somme ricevute in beneficenza e corrisposte per le spese necessarie alla ricostruzione di opere di valore sociale (scuole, biblioteche, ecc), appare a chi ha donato un balzello incomprensibile e insopportabile, una vera e propria “speculazione” dello Stato sulla generosità e solidarietà dei cittadini”: non usa mezze parole nel suo comunicato stampa il senatore modenese del Pd Stefano Vaccari, secondo firmatario insieme al collega autonomista Vittorio Fravezzi, dell’interrogazione rivolta al ministro dell’Economia e delle Finanze Padoan e al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Poletti sul caso del nuovo polo scolastico di Cavezzo, in provincia di Modena. Com’è noto, il Corriere della sera e il Tg La 7 hanno raccolto tra i propri lettori e spettatori ben 3 milioni di euro da destinare alla ricostruzione delle scuole nel comune della Bassa modenese colpito dal terremoto del maggio 2012. Ebbene, lo Stato ha applicato l’Iva sulle somme donate, per un totale di 300mila euro.

“Nel nostro Paese la solidarietà e la beneficenza dei cittadini – ricorda Vaccari – hanno spesso permesso di ricostruire nei territori colpiti da calamità naturali strutture pubbliche andate distrutte svolgendo un’importante e tempestiva azione di surroga dell’intervento statale con ciò facendo risparmiare allo Stato milioni e milioni di euro. Le critiche sollevate nel caso di Cavezzo – continua Vaccari –  dovrebbero stimolare l’avvio di un processo di riflessione  riguardo la normativa fiscale da applicare in presenza di interventi di solidarietà che abbiano per oggetto la ricostruzione o la realizzazione di strutture destinate alla comunità colpita”. E’ per questo, quindi, che con l’interrogazione ai ministri Padoan e Poletti si chiede di “rivedere al più presto la disciplina  fiscale che grava sul mondo della solidarietà e della beneficenza, cogliendo l’occasione dell’annunciata riforma del terzo settore e/o della prossima legge di stabilità, per eliminare tutti gli attuali onerosi balzelli e prevedere a favore dei soggetti che effettuano donazioni a fini sociali la detrazione totale ai fini Irpef dell’importo donato”.

 

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri
    • WatchIl pm Lucia Musti sull'omicidio di Finale Emilia

    Curiosità

    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    Negli uffici postali della provincia di Modena meno pensioni cash allo sportello e sempre più accrediti su libretto o conto Bancoposta[...]
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    Altro che brodo: ecco i tortellini alla carbonara
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Ghirlandina, al via i lavori: le visite proseguono fuori
    Ghirlandina, al via i lavori: le visite proseguono fuori
    Sarà proposto un servizio di visita guidata cosiddetta “orizzontale”, ovvero condotta, senza salire, agli esterni di Torre, piazza Grande e Duomo, [...]
    E la Mercedes esulta sfrecciando davanti a casa Ferrari - IL VIDEO
    E la Mercedes esulta sfrecciando davanti a casa Ferrari - IL VIDEO
    Sui social la scuderia festeggia... a Maranello, ma concede alla Rossa l'onore delle armi: "Il valore di una vittoria è nella grandezza degli avversari"[...]