Da Giappone e Brasile a studiare la Bassa: convegno internazionale a Mirandola, Concordia e Novi

Università di Ferrara, Regione Emilia-Romagna e alcuni Comuni del cratere insieme per una iniziativa internazionale sul tema della mitigazione dei rischi multipli, vale a dire la possibile sommatoria di rischio sismico, idraulico, idro-geologico, finanziario, industriale. Una eventualità che, purtroppo, si è realizzata proprio nel territorio della provincia di Modena, prima con il sisma del 2012, poi con l’alluvione del Secchia del 2013, senza contare gli eventi meteorologici eccezionali che in questi anni hanno colpito il territorio, le comunità e le attività produttive.

Per due giorni su questi temi, a Ferrara, il 29 e il 30 settembre, si svolgerà un importante convegno internazionale con esperti italiani e provenienti da Giappone, Cile, Cina, Vietnam, Indonesia, Germania, Brasile, Argentina. Il convegno Multi-Hazard Mitigation: A Challenge for Sustainability and Safetyfa parte delle attività che il Centro Ricerche Urbane, Territoriali e Ambientali dell’Università di Ferrara, coordinato dal Prof. Gianfranco Franz, sta svolgendo da molti mesi con le Amministrazioni pubbliche, le imprese e i professionisti dei Comuni terremotati, su mandato della Regione Emilia-Romagna e della Struttura Commissariale per la ricostruzione del cratere sismico.

Ad aprire i lavori, dopo il saluto delle autorità sarà il Commissario governativo Alfredo Bertelli, seguito da un intervento del Dipartimento nazionale della Protezione Civile, mentre la chiusura sarà affidata a Patrizio Bianchi, con un intervento incentrato sulla capacità di città, territori, istituzioni ed imprese di dimostrarsi resilienti, cioè elastici e flessibili, sia a seguito di eventi traumatici, sia di fronte a cambiamenti strutturali (il clima, l’economia, ecc.).

Dal 19 al 27 settembre un’altra iniziativa internazionale si svolgerà in preparazione del convegno. Si tratta della Summer School Planning Multi-Hazard Mitigation: Issues of Local and Regional Assessment and Management, sempre coordinata dal CRUTA, durante la quale i docenti e gli studenti dei paesi sopra ricordati lavoreranno insieme a Ferrara, a Mirandola, a Novi di Modena e a Concordia sulla Secchia, insieme ad esperti del Politecnico di Milano, dello IUAV di Venezia e dell’Università della Calabria.

Le attività sull’area modenese del cratere inizieranno la mattina di lunedì 22 settembre a Concordia sulla Secchia, con i saluti del Sindaco Luca Prandini, nella sala del Consiglio Comunale, a cui farà seguito l’intervento di Shigeru Satoh, professore della Waseda University di Tokyo, che illustrerà alcuni interessantissimi progetti di recupero di isolati urbani terremotati sviluppati in maniera partecipata con gli abitanti e finalizzati a migliorare la qualità dell’abitato riducendo i rischi futuri. Nel pomeriggio ci sarà l’intervento di Attilio Santi, dell’Università IUAV di Venezia, co-autore del Piano di Ricostruzione di Concordia e degli interessanti interventi di recupero per le strutture edilizie del centro storico e quello di Gonzalo Valdivieso, della Università Cattolica del Cile, che parlerà della ‘lezione’ appresa dopo il devastante terremoto di Concepcion, del 2010.

Martedì 23 il gruppo della Summer School sarà a Novi di Modena dove il Sindaco Luisa Turci, il dirigente comunale Mara Pivetti e l’architetto Monia Guarino illustreranno le diverse iniziative di partecipazione realizzate a Novi e che sono già considerato un caso studio di estremo interesse. Intorno alle 11.00 del mattino Shigeru Satoh, della Waseda University di Tokyo, illustrerà il metodo di partecipazione ‘Machizukuri’, un particolare modello di confronto e di condivisione delle scelte con i cittadini.

 

Il pomeriggio del 23 settembre il gruppo si trasferirà a Mirandola, dove sarà accolto dal Sindaco Maino Benatti e dove si svolgerà l’intervento dell’ingegnere Manuela Manenti sulla straordinaria esperienza della costruzione delle Scuole Temporanee, un modello di intervento unico in Italia e certamente in Europa, sia per la quantità di edifici realizzati, sia per la loro qualità. Con Manuela Manenti si discuterà anche di un tema che potrà certamente caratterizzare alcune delle politiche della prossima giunta regionale in materia di riduzione del rischio in tutte le scuole del territorio.

La Summer School si concluderà il 26 e 27 settembre a Foligno e ad Assisi, dove il gruppo di universitari, insieme ad assessori, funzionari comunali e liberi professionisti del cratere, incontrerà Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile nazionale, la Presidente della Regione Umbria, i vertici della Protezione Civile umbra e i responsabili della ricostruzione del sisma del 1997/’98, per finire con una visita alla Basilica di San Francesco, dove saranno visitati il tetto, il refettorio e la Loggia del Papa.

Alle iniziative (salvo quelle in Umbria, per evidenti motivi organizzativi) possono partecipare i cittadini, i professionisti, i tecnici e gli amministratori interessati, in particolar modo coloro che hanno seguito e partecipato, fra gennaio e luglio, ai seminari di ReBuilding, coordinati dall’Università di Ferrara.

Il CRUTA ha potuto organizzare le iniziative qui descritte grazie a molteplici finanziamenti. Da parte dell’assessorato alla Formazione, Lavoro, Scuola e Università della Regione Emilia-Romagna, grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo destinate alle iniziative di formazione per la ricostruzione del cratere (Progetto 2PxE); dalla Direzione Generale alla Programmazione e dal Servizio Pianificazione territoriale (Progetto ReBuilding), dall’Università di Ferrara e dal Consorzio Formedil Emilia Romagna. Tutti i progetti sono stati realizzati in collaborazione con il Comune di Ferrara, la Cattedra Unesco in Urban and Regional Planning for Local Sustainable Development di Unife, l’Associazione per la Commissione Nazionale UNESCO – Italia onlus, con l’Alto Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, e la ditta Tecton Soc. Coop. di Reggio Emilia.

SUMMER SCHOOL PROGRAM SAVE THE DATE-6

 

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio dello stesso turno di sabato[...]
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]