SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Mafia: nel modenese “quadro critico e contraddittorio”

La particolarità delle infiltrazioni mafiose in Emilia-Romagna è nella “straordinaria capacità di penetrazione nell’economia legale”, ma in regione c’è anche, diversamente da altre realtà, “una forte resistenza da parte della politica”. Sono punti evidenziati dalla presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, a Bologna per un incontro in prefettura. In regione, ha ricordato Bindi all’Ansa, non ci sono mai stati scioglimenti di amministrazioni comunali per mafia.

E Modena? Una provincia caratterizzata da una rilevante presenza di ‘ndrangheta e camorra, attive da anni sul territorio e oggetto di importanti operazioni di contrasto. E’ uno degli aspetti della realtà modenese evidenziati dal primo Rapporto trimestrale sulle mafie nelle aree settentrionali, curato dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Università di Milano, e presentato nel municipio di Modena, dalla presidente della Commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi.

Nel Rapporto – spiega l’ufficio stampa del Comune – si cita anche la presenza di Cosa nostra, con esponenti dei Corleonesi, per sottolineare che Modena insieme a Reggio Emilia è la provincia della regione con “la più alta densità mafiosa, in cui si riscontrano singolari atti intimidatori e sospetti rapporti tra crimine organizzato e politica locale”, facendo riferimento alle vicende che hanno coinvolto la precedente amministrazione comunale di Serramazzoni.

Il quadro delineato dai ricercatori è definito “critico e talvolta contraddittorio” sottolineando il numero esiguo di beni confiscati (solo due, con il dato aggiornato al 2012) e ricordando, tra gli altri, alcuni episodi, come il maxi sequestro di aprile (13 milioni di euro) nei confronti della famiglia Pugliese, le minacce al giornalista Giovanni Tizian, i numerosi attentati incendiari, la tendenza delle principali organizzazioni criminali “a sposare un modello di convivenza pacifica sul territorio e talvolta di compartecipazione in affari illegali, come emerge nell’ambito dell’operazione ‘Rischiatutto’ del giugno 2013 relativa al gioco d’azzardo che vede coinvolti i casalesi insieme a esponenti di ‘ndrangheta e Cosa nostra”.

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha sottolineato l’importanza della ricerca per come evidenzia la pericolosità della penetrazione della criminalità organizzata nel nord Italia (“un fenomeno che le istituzioni locali non hanno nessuna intenzione di sottovalutare”) fornendo anche un importante contributo di conoscenza sulle modalità in cui ciò può avvenire. E ha ricordato l’impegno nella promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, così come nella prevenzione delle infiltrazioni mafiose negli appalti della ricostruzione post terremoto con controlli su imprese e flussi economici sui quali “è tempo di riflettere, per capire in che misura debbano diventare una prassi normale e non solo legata ad eventi straordinari”. La nuova Provincia, per esempio, secondo Muzzarelli potrebbe svolgere un ruolo decisivo nella valorizzazione dell’esperienza pluriennale dell’Osservatorio modenese degli appalti pubblici fino ad arrivare “a una centrale unica degli appalti o a formule intermedie che non lascino soli i comuni minori”.

All’incontro, presieduto dalla presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti, sono intervenuti anche il prefetto di Modena Michele di Bari e il Procuratore aggiunto Lucia Musti.

L’Osservatorio della criminalità organizzata è  stato istituito nel 2013 e su incarico della Commissione parlamentare Antimafia ha iniziato ad approfondire la conoscenza e comprensione delle attuali dimensioni e manifestazioni del fenomeno mafioso nelle regioni settentrionali. Tra gli obiettivi c’è quello di ricostruire la presenza del fenomeno sulla base delle dinamiche registrate negli ultimi cinque anni (dal 2009 al primo trimestre del 2014), e di connetterle con i dati storici precedenti. Si tratta quindi – come spiegano i ricercatori – di una prima esplorazione delle caratteristiche e delle tendenze attuali della presenza mafiosa nell’Italia del nord” con approfondimenti provincia per provincia.

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    È il piccolo rapace cantato nella celebre poesia di Giovanni Pascoli[...]
    Stop a barbecue, fuochi e grigliate ai Laghi Curiel
    Stop a barbecue, fuochi e grigliate ai Laghi Curiel
    Più sicurezza, maggior decoro e riqualificazione. Sanzioni a partire dal 1° luglio [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: