Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mafia: nel modenese “quadro critico e contraddittorio”

La particolarità delle infiltrazioni mafiose in Emilia-Romagna è nella “straordinaria capacità di penetrazione nell’economia legale”, ma in regione c’è anche, diversamente da altre realtà, “una forte resistenza da parte della politica”. Sono punti evidenziati dalla presidente della commissione parlamentare antimafia Rosy Bindi, a Bologna per un incontro in prefettura. In regione, ha ricordato Bindi all’Ansa, non ci sono mai stati scioglimenti di amministrazioni comunali per mafia.

E Modena? Una provincia caratterizzata da una rilevante presenza di ‘ndrangheta e camorra, attive da anni sul territorio e oggetto di importanti operazioni di contrasto. E’ uno degli aspetti della realtà modenese evidenziati dal primo Rapporto trimestrale sulle mafie nelle aree settentrionali, curato dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’Università di Milano, e presentato nel municipio di Modena, dalla presidente della Commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi.

Nel Rapporto – spiega l’ufficio stampa del Comune – si cita anche la presenza di Cosa nostra, con esponenti dei Corleonesi, per sottolineare che Modena insieme a Reggio Emilia è la provincia della regione con “la più alta densità mafiosa, in cui si riscontrano singolari atti intimidatori e sospetti rapporti tra crimine organizzato e politica locale”, facendo riferimento alle vicende che hanno coinvolto la precedente amministrazione comunale di Serramazzoni.

Il quadro delineato dai ricercatori è definito “critico e talvolta contraddittorio” sottolineando il numero esiguo di beni confiscati (solo due, con il dato aggiornato al 2012) e ricordando, tra gli altri, alcuni episodi, come il maxi sequestro di aprile (13 milioni di euro) nei confronti della famiglia Pugliese, le minacce al giornalista Giovanni Tizian, i numerosi attentati incendiari, la tendenza delle principali organizzazioni criminali “a sposare un modello di convivenza pacifica sul territorio e talvolta di compartecipazione in affari illegali, come emerge nell’ambito dell’operazione ‘Rischiatutto’ del giugno 2013 relativa al gioco d’azzardo che vede coinvolti i casalesi insieme a esponenti di ‘ndrangheta e Cosa nostra”.

Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha sottolineato l’importanza della ricerca per come evidenzia la pericolosità della penetrazione della criminalità organizzata nel nord Italia (“un fenomeno che le istituzioni locali non hanno nessuna intenzione di sottovalutare”) fornendo anche un importante contributo di conoscenza sulle modalità in cui ciò può avvenire. E ha ricordato l’impegno nella promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, così come nella prevenzione delle infiltrazioni mafiose negli appalti della ricostruzione post terremoto con controlli su imprese e flussi economici sui quali “è tempo di riflettere, per capire in che misura debbano diventare una prassi normale e non solo legata ad eventi straordinari”. La nuova Provincia, per esempio, secondo Muzzarelli potrebbe svolgere un ruolo decisivo nella valorizzazione dell’esperienza pluriennale dell’Osservatorio modenese degli appalti pubblici fino ad arrivare “a una centrale unica degli appalti o a formule intermedie che non lascino soli i comuni minori”.

All’incontro, presieduto dalla presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti, sono intervenuti anche il prefetto di Modena Michele di Bari e il Procuratore aggiunto Lucia Musti.

L’Osservatorio della criminalità organizzata è  stato istituito nel 2013 e su incarico della Commissione parlamentare Antimafia ha iniziato ad approfondire la conoscenza e comprensione delle attuali dimensioni e manifestazioni del fenomeno mafioso nelle regioni settentrionali. Tra gli obiettivi c’è quello di ricostruire la presenza del fenomeno sulla base delle dinamiche registrate negli ultimi cinque anni (dal 2009 al primo trimestre del 2014), e di connetterle con i dati storici precedenti. Si tratta quindi – come spiegano i ricercatori – di una prima esplorazione delle caratteristiche e delle tendenze attuali della presenza mafiosa nell’Italia del nord” con approfondimenti provincia per provincia.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]