SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Modena chiusa per smog: tornano i divieti per le auto i giovedì e le domeniche

Torna a Modena città la manovra antismog prevista dall’Accordo regionale sulla qualità dell’aria, che prenderà il prossimo mercoledì, 1 ottobre. E quest’anno le limitazioni al traffico saranno accompagnate da una serie di domeniche ecologiche tematiche, dedicate ciascuna a un luogo diverso della città, dai parchi cittadini al centro storico, dai musei alle piste ciclabili.
Fino al 31 marzo 2015, dal lunedì al venerdì, quindi, sarà in vigore il divieto di circolazione per i veicoli pre–euro e i veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2. Ogni giovedì e prima domenica del mese il blocco è esteso a tutti i veicoli pre Euro 4, eccezion fatta per il mese di dicembre (la manovra rimarrà sospesa dall’1 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015). Nei soli mesi di novembre e gennaio il blocco sarà attuato la seconda domenica  per non interferire con la giornata dedicata ai defunti e le festività. Nel caso in cui per sette giorni consecutivi antecedenti al controllo, previsto il martedì, non si verifichino superamenti al limite giornaliero di PM10, le cosiddette polveri sottili, su tutto il territorio regionale, il blocco totale potrà essere revocato (l’eventuale revoca verrà comunicata il mercoledì). Allo stesso modo, nell’eventualità che ci siano sforamenti protratti nel tempo dei livelli giornalieri di PM10 si bloccherà il traffico anche nella domenica immediatamente successiva al giorno del rilevamento.
L’assessore all’Ambiente del Comune di Modena Giulio Guerzoni, spiega che questo è “l’ultimo anno di validità dell’Accordo regionale. È già in corso la discussione per il Pair 2020, Piano aria integrato regionale: di fatto, a ottobre 2015 finisce l’era degli accordi volontari e si va nella direzione di un vero e proprio strumento di pianificazione a livello regionale, volto a raggiungere gli obiettivi di qualità dell’aria imposti dall’Europa ai vari Stati membri”.
Le limitazioni al traffico in vigore da martedì 1 ottobre riguardano i veicoli più inquinanti (benzina Pre Euro, compresi ciclomotori e motocicli a due tempi, e diesel precedenti alla normativa Euro 3) tutti i giorni, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30, e si estendono ai veicoli pre Euro 4 tutti i giovedì (8.30 – 18.30) e le domeniche 5 ottobre, 9 novembre, 11 gennaio, 1 febbraio e 1 marzo (dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30). Sono invece esclusi dalle limitazioni i veicoli a emissione nulla, cioè i veicoli elettrici (che hanno accesso anche alla zona Ztl senza limiti di orario e possono sostare gratuitamente nelle zone a pagamento), quelli ibridi, a Gpl, a metano, quelli omologati per quattro o più posti con almeno tre persone a bordo e quelli omologati per due posti con due persone a bordo (pool-car), i mezzi pubblici, i veicoli di pronto intervento e alcuni veicoli speciali.
Per i trasgressori sono previste sanzioni da 163 a 658 euro, più sospensione della patente da 15 a 30 giorni se la violazione è ripetuta in due anni successivi.
Le informazioni sui veicoli interessati e sulle deroghe sono on line (www.comune.modena.it/liberiamolaria). Anche la mappa interattiva dell’area in cui sono applicate le restrizioni al traffico è on line (www.comune.modena.it/liberiamolaria/mappa) e individua anche i parcheggi scambiatori dove è possibile lasciare l’auto per prendere mezzi di trasporto pubblico. Per maggiori informazioni contattare l’Ufficio relazioni con il pubblico del Comune di Modena (Urp), piazza Grande 17, tel. 059 20312, email piazzagrande@comune.modena.it, da lunedì a venerdì 9-13; sabato 9.30-12.30;
lunedì, martedì, giovedì e venerdì 15-18.30.
Dove circolare e dove no, la mappa dei parcheggi
Ai parcheggi dello stadio in piazza Giovani di Tien An Men e del parco Novi Sad, e al Museo Casa Enzo Ferrari si potrà accedere liberamente anche nei giovedì e nelle domeniche di blocco del traffico. Alla stazione ferroviaria si arriverà anche da via Nicolò dell’Abate e non soltanto dal parcheggio Porta Nord. È confermata, rispetto allo scorso anno, l’area interessata dalle limitazioni del traffico previste dalla manovra antinquinamento (www.comune.modena.it/liberiamolaria/mappa).
L’area soggetta a limitazioni del traffico ha una superficie pari a 10,9 kmq, copre il 6 per cento del territorio comunale (il 27 per cento di quello urbanizzato) e ospita il 44 per cento dei residenti nel Comune di Modena. Le strade che ne definiscono il perimetro sono: tangenziale Neruda, via Giardini, via Panni, via Salvo d’Acquisto, via Pallanza, via Pavia, via Vaciglio, via Montanari, via Campi, via Emilia Est, via Saliceto Panaro, via Minutara, via Divisione Acqui, viale dello Sport, via Malavolti, tangenziale Pasternak, via Nonantolana, via Cuboni, via Stanguellini, via Paolo Ferrari, via Soli, via Piave, via Muzzioli, viale Caduti in Guerra, piazzale Natale Bruni, viale Crispi, viale Monte Kosica, viale Fontanelli (fino all’incrocio con corso Cavour),viale della Cittadella, piazza della Cittadella, viale IV Novembre, viale Cialdini, via Zucchi, viale Italia.
È possibile lasciare l’auto nei parcheggi scambiatori o in altre aree di sosta servite da mezzi di trasporto pubblico presso: polo scolastico Leonardo, polisportiva Corassori, Motorizzazione civile, direzionale Manfredini, istituti Guarini-Wiligelmo, cinema Raffaello, polisportiva Saliceta S. Giuliano, Parco Amendola Sud su via Panni, parco della Repubblica su via Salvo d’Acquisto, centro commerciale “La Rotonda”, centro commerciale “Le Torri”, polisportiva Modena Est, centro commerciale “I Portali” e Palazzo dello Sport, polisportiva Villa d’Oro, centro commerciale “Torrenova”, ex mercato ortofrutticolo (via del Mercato), sede di Hera in via Razzaboni e sede New Holland, Cimitero San Cataldo, parcheggio del negozio Obi, piazza Giovani di Tien An Men, parcheggio di via Gottardi, polisportiva Gino Pini, polisportiva di Cognento, polisportiva Baggiovara. Sarà inoltre possibile accedere al nuovo parcheggio sotterraneo Novi Park.
Nel 2014 18 superamenti di Pm10
Nel 2014, il valore limite giornaliero di PM10, le cosiddette polveri sottili, fissato a 50 microgrammi per metro cubo, è stato superato 18 volte nella stazione di via Giardini e 15 nella stazione di Parco Ferrari. Cifre attualmente al di sotto del numero di superamenti consentiti dalla normativa in un anno, pari a 35, ma destinate a crescere, con ogni probabilità, nel corso dei mesi di ottobre, novembre e dicembre, caratterizzati da una fase di stabilità atmosferica che porta a un incremento delle concentrazioni di inquinanti.
Benché negli ultimi anni ci sia stato un miglioramento della qualità dell’aria, le concentrazioni di alcuni inquinanti in atmosfera, come appunto le PM10, rimangono alte a Modena come nella maggior parte delle città del bacino Padano, e non è possibile escludere che venga superata anche quest’anno la soglia dei 35 superamenti consentiti.
Delle due stazioni della rete regionale di monitoraggio situate nel Comune di Modena, quella collocata in via Giardini è rappresentativa dell’inquinamento presente in aree prossime a un  elevato traffico veicolare, quella al Parco Ferrari è rappresentativa dell’inquinamento presente mediamente in aree urbane non soggette alle emissioni dirette delle sorgenti d’inquinamento. Nel 2013 il numero di superamenti complessivi registrati nella stazione di via Giardini è risultato pari a 51 (erano 22 a fine settembre), in calo del 40 per cento rispetto al 2012, ma ancora molto al di sopra del limite consentito.
La concentrazione media annua di PM10 (l’altro limite fissato dalla normativa, pari a 40 microgrammi per metro cubo) è invece rispettata dal 2009 con l’unica eccezione del 2011 quando sono stati rilevati 41 microgrammi per metro cubo. In particolare nel 2013 la media annuale rilevata nella stazione di via Giardini è risultata pari a 31 microgrammi per metro cubo, in calo del 18 per cento rispetto all’anno precedente. La riduzione delle concentrazioni è da imputare principalmente alle condizioni meteo che hanno contribuito ad abbattere i livelli di polveri in atmosfera (il 2013 ha avuto alcuni mesi particolarmente piovosi), ma anche alla crisi economica e al rinnovo del parco veicolare che ha portato, in questi anni, a un progressivo calo dei veicoli più inquinanti. Secondo i dati ACI 2013 le auto circolanti in città sono più di 115.000 e di queste circa l’8,5 per cento è ancora pre Euro mentre le auto Euro 4, Euro 5 e Euro 6 sono complessivamente pari a circa il 57 per cento.
Le iniziative di domenica 5 ottobre
Ognuna delle cinque domeniche ecologiche sarà dedicata a un luogo diverso della città, per rendere chiaro che la sostenibilità, la cura della salute e il rispetto per l’ambiente sono concetti trasversali che attraversano tutti gli spazi pubblici di Modena. Il 5 ottobre, la prima domenica ecologica, sarà dedicata ai parchi cittadini, il 9 novembre l’attenzione sarà sul centro storico, l’11 gennaio sulle biblioteche e sui musei, l’1 febbraio ci si sposterà al mercato e l’1 marzo sulle piste ciclabili.
“La manovra è un’occasione per promuovere stili di vita sostenibili e per fare vivere la città finalmente libera dal traffico”, ha affermato l’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni. “Per questo abbiamo accolto con piacere l’invito della Regione alla realizzazione delle domenica ecologiche, giornate in cui la circolazione dei mezzi motorizzati sarà limitata e i cittadini potranno partecipare alle diverse iniziative organizzate per l’occasione”.
Domenica 5 ottobre il programma prevede iniziative nei parchi cittadini ma anche nel centro storico. Dalle 9, in largo Sant’Agostino ci sarà una esposizione di veicoli elettrici a cura di Borsari Luciano s.r.l. In via Tarcento alle 11.30 sarà la volta di “RestauriAMO le panchine del Parco della Repubblica”, presentazione alla città del lavoro di restauro delle panchine di via Tarcento a cura dei volontari del Comitato anziani e orti di S.Damaso e S.Agnese. A seguire aperitivo dei Cittadini “Attivi” con l’assessore Guerzoni.
Alle 16, dal Parco Novi Sad, partiranno due gruppi di cammino Nordic Walking a cura di Uisp Modena (è possibile prenotarsi telefonando al numero 059 348817 il lunedì e mercoledì dalle 9 alle 12 e il venerdì dalle 14.30 alle 18): il primo gruppo seguirà i viali, attraverserà il Parco delle mura, e raggiungerà Piazza Roma passando per i Giardini pubblici; il secondo percorrerà l’anello del Parco Novi Sad alcune volte poi, passando anch’esso per i Giardini pubblici, arriverà a Piazza Roma. Alle 17, nella neo-pedonalizzata Piazza Roma si potrà assistere allo spettacolo “Ritmi Urbani: Il suono e il movimento urbano diventano movimento, spettacolo ed emozione: un viaggio fuori e dentro la città attraverso la danza”, a cura di ballerini e allievi del Centro la Fenice.
Al Parco Amendola invece, a partire dalle 15, ci sarà un orienteering sui temi della educazione ambientale a cura dell’associazione Genius Loci.
Tante le iniziative che dureranno tutto il giorno: “Sfida sulle rotelle”, la rassegna nazionale di hockey in line a cura di Uisp Modena al PalaMolza; “Pattini ecologici”, pattinaggio in linea per grandi e piccini a cura di Uisp Modena al Parco Novi sad; “Concorso Electric Road: prova gratis la mobilità elettrica di domani”. Per l’intera giornata sarà accessibile anche il Punto informativo Gruppo Hera in piazza Mazzini. Infine, come ormai da tradizione nelle domeniche ecologiche, in piazza Matteotti sarà allestita la vetrina dei produttori di “Modena a KM 0” e di “Campagna Amica”. Per informazioni sul programma dettagliato è possibile consultare il sito www.comune.modena.it/musa.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: