SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

“Che palle, ancora il terremoto…” Riflessione per non dimenticare – di Andrea Cardoni

“Non le ho contate le volte, ma da quando ho cominciato a scrivere su questo blog, due anni fa, spesso ho scritto del terremoto e visto che ne scrivo anche questa volta mi viene in mente una cosa che mi aveva detto Marina, una signora che ho incontrato a L’Aquila che mi ha detto che quelli che nel 2009 erano a L’Aquila durante il terremoto «saranno ricordati come quelli del terremoto e quando lo racconteranno ai loro nipoti l’effetto sarà lo stesso di quando mio nonno raccontava sempre le stesse cose della guerra: che palle la guerra». Quindi per la proprietà transitiva di questo post mi viene da pensare: “che palle che su questo blog scrivo sempre del terremoto”.”

Così Andrea Cardoni*, volontario Anpas, affida al suo blog la riflessione su quanto accade in Emilia a due anni dal sisma del 2012.

“È che uno si annoia a stare sempre a sentire di cose che fanno paura, come la guerra o il terremoto, soprattutto se non ci stava dentro quando sono successe e a raccontargliele è un amico o il nonno che invece c’erano. Però il rischio è che poi uno se lo dimentica che, ad esempio, a L’Aquila c’è stato il terremoto e che dopo cinqueanniquasisei c’è la zona rossa. O che in Emilia ci sono 200  bambini che la loro scuola (pubblica) è talmente buona che la frequentano nei container.

Allora forse dipende da come uno le racconta queste cose e c’è un bambino, ad esempio, che racconta il terremoto proprio come se fosse in guerra: “Quando arriva la notte torna un po’ di paura perché stando sdraiati a terra si capisce che là sotto si combatte ancora. E non è come la guerra che racconta il nonno fatta con gli aerei e i fucili. Il nostro nemico è invisibile e imprevedibile” che a me sembra uno dei modi più belli che ho sentito raccontare quello che è successo due anni fa in Emilia. Questo racconto che si chiama “Lettere dal fronte” è uno dei dieci cortometraggi che fanno parte di un film che si chiama “Tellurica, racconti dal cratere”: dieci storie diverse fatte da un collettivo di registi, creativi, attori, autori e che hanno raccontato la paura, il volontariato, gli sciacalli, o le persone che cantavano «C’è che chi dice che il vino fa male è tutta gente, è tutta gente. C’è che chi dice che il vino fa male è tutta gente da ospedal» mentre non avevano il tetto di casa loro sopra la testa.

E a guardare la faccia di chi ha avuto a che fare con il terremoto mentre guarda il film e a vedere quanto ci hanno lavorato quelli che l’hanno fatto questo film, che se lo sono autoprodotto, mi viene in mente una cosa che ha scritto Peter Bichsel su un libro che si intitola “Il lettore, il narrare” e dice che “la tristezza non si può superare. La si può rifiutare o accettare e raccontare storie ha a che fare con il fatto di accettare la tristezza. Una storia non è mai grave quanto la realtà. Una storia comporta la possibilità di ammansire il mondo: la storia consola”.  Non so lo ancora quante volte scriverò di terremoto su questo blog, ma adesso riesco solo a pensare che questo post sono riuscito a scriverlo con un tetto sopra la testa”.

* Andrea Cardoni – CHI SONO

Sono stato preceduto da generazione di viaggiatori che mi hanno sempre raccontato di Africa e poi quando sono diventato grande ci sono andato. E poi ci sono tornato per coltivare insieme a Tulime onlus. Mi occupo della comunicazione dei volontari delle pubbliche assistenze Anpas. Le storie che mi piacciono sono quelle fatte a granelli, che lasciano le righe e che vengono un po’ da per tutto, ma non da qualche posto in particolare. Su twitter @andrecardoni

Rubriche

Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto
Sanità, l'opinione di Fabrizio Locatelli
Editoriale del capogruppo FI a San Possidonio e consigliere FI Ucmanleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: