SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

“Che palle, ancora il terremoto…” Riflessione per non dimenticare – di Andrea Cardoni

“Non le ho contate le volte, ma da quando ho cominciato a scrivere su questo blog, due anni fa, spesso ho scritto del terremoto e visto che ne scrivo anche questa volta mi viene in mente una cosa che mi aveva detto Marina, una signora che ho incontrato a L’Aquila che mi ha detto che quelli che nel 2009 erano a L’Aquila durante il terremoto «saranno ricordati come quelli del terremoto e quando lo racconteranno ai loro nipoti l’effetto sarà lo stesso di quando mio nonno raccontava sempre le stesse cose della guerra: che palle la guerra». Quindi per la proprietà transitiva di questo post mi viene da pensare: “che palle che su questo blog scrivo sempre del terremoto”.”

Così Andrea Cardoni*, volontario Anpas, affida al suo blog la riflessione su quanto accade in Emilia a due anni dal sisma del 2012.

“È che uno si annoia a stare sempre a sentire di cose che fanno paura, come la guerra o il terremoto, soprattutto se non ci stava dentro quando sono successe e a raccontargliele è un amico o il nonno che invece c’erano. Però il rischio è che poi uno se lo dimentica che, ad esempio, a L’Aquila c’è stato il terremoto e che dopo cinqueanniquasisei c’è la zona rossa. O che in Emilia ci sono 200  bambini che la loro scuola (pubblica) è talmente buona che la frequentano nei container.

Allora forse dipende da come uno le racconta queste cose e c’è un bambino, ad esempio, che racconta il terremoto proprio come se fosse in guerra: “Quando arriva la notte torna un po’ di paura perché stando sdraiati a terra si capisce che là sotto si combatte ancora. E non è come la guerra che racconta il nonno fatta con gli aerei e i fucili. Il nostro nemico è invisibile e imprevedibile” che a me sembra uno dei modi più belli che ho sentito raccontare quello che è successo due anni fa in Emilia. Questo racconto che si chiama “Lettere dal fronte” è uno dei dieci cortometraggi che fanno parte di un film che si chiama “Tellurica, racconti dal cratere”: dieci storie diverse fatte da un collettivo di registi, creativi, attori, autori e che hanno raccontato la paura, il volontariato, gli sciacalli, o le persone che cantavano «C’è che chi dice che il vino fa male è tutta gente, è tutta gente. C’è che chi dice che il vino fa male è tutta gente da ospedal» mentre non avevano il tetto di casa loro sopra la testa.

E a guardare la faccia di chi ha avuto a che fare con il terremoto mentre guarda il film e a vedere quanto ci hanno lavorato quelli che l’hanno fatto questo film, che se lo sono autoprodotto, mi viene in mente una cosa che ha scritto Peter Bichsel su un libro che si intitola “Il lettore, il narrare” e dice che “la tristezza non si può superare. La si può rifiutare o accettare e raccontare storie ha a che fare con il fatto di accettare la tristezza. Una storia non è mai grave quanto la realtà. Una storia comporta la possibilità di ammansire il mondo: la storia consola”.  Non so lo ancora quante volte scriverò di terremoto su questo blog, ma adesso riesco solo a pensare che questo post sono riuscito a scriverlo con un tetto sopra la testa”.

* Andrea Cardoni – CHI SONO

Sono stato preceduto da generazione di viaggiatori che mi hanno sempre raccontato di Africa e poi quando sono diventato grande ci sono andato. E poi ci sono tornato per coltivare insieme a Tulime onlus. Mi occupo della comunicazione dei volontari delle pubbliche assistenze Anpas. Le storie che mi piacciono sono quelle fatte a granelli, che lasciano le righe e che vengono un po’ da per tutto, ma non da qualche posto in particolare. Su twitter @andrecardoni

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Hicham è scomparso da San Prospero da 4 mesi
    Hicham è scomparso da San Prospero da 4 mesi
    La famiglia, conosciuta e stimata in paese, è disperata.[...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: