“Beni comuni”, nella Bassa gli spettacoli del teatro partecipato

Due mesi, undici Comuni, decine di attori e centinaia di cittadini coinvolti per riflettere, attraverso il teatro, su identità, comunità e futuro nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012: è questa la sfida

Un teatro e una cultura partecipati e condivisi, capaci di rigenerare il tessuto delle comunità colpite dal sisma del maggio 2012, attraverso l’esplorazione del concetto di Bene Comune questo, in estrema sintesi, l’obiettivo dell’omonimo, ambizioso progetto teatrale che, finanziato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e promosso da Comune di Carpi, in collaborazione con ERT Fondazione e ATER, e con il patrocinio del Dipartimento delle Arti Visive Performative e Mediali dell’Università di Bologna, coinvolgerà undici Comuni del cratere sismico in un susseguirsi di oltre cinquanta iniziative che si svilupperanno dal 18 ottobre al 20 dicembre 2014 negli luoghi che, due anni fa, subirono quei tragici eventi.

Coinvolgere i territori, dunque, sia dal punto di vista della partecipazione attiva dei cittadini che delle realtà artistiche, scolastiche, associative e degli spazi culturali preesistenti, sviluppando un’articolata riflessione sul concetto di Beni comuni, per far sì che le varie collettività possano interrogarsi sul proprio recente passato, sui traumi subiti, attraverso un racconto corale in grado di operare un rinsaldamento delle proprie identità. Nel progetto sono infatti coinvolti, oltre al capofila Carpi, i Comuni di Mirandola, Cavezzo, Concordia, San Felice sul Panaro, Finale Emilia, San Possidonio, Novi di Modena, Cento, Campogalliano e Soliera.

Così come immaginato dal direttore artistico Claudio Longhi, la categoria di Bene comune sarà declinata in sei differenti prospettive – casa; lavoro; ‘cosa’ pubblica; storia, arte e tradizioni; ambiente natura, paesaggio; energia – e attraverso molteplici attività quali due atelier (grandi eventi teatrali collettivi), una decina di laboratori teatrali, musicali e di danza per adulti e studenti, sei mises en espaces, circa quaranta letture presso scuole e biblioteche, una serata inaugurale e un iniziative  conclusiva molto partecipata che restituisca in pieno il senso di questa importante avventura teatrale comunitaria ed itinerante. Ad animare concretamente il cantiere socio-culturale saranno gli attori del Gruppo di lavoro Beni Comuni (Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Olimpia Greco, Lino Guanciale, Diana Manea ed Eugenio Papalia) coadiuvati per alcune attività dai membri di BassaManovalanza (Giulia Cailotto, Alfonso De Vreese, Giulia Diomede, Marzia Gallo, Gabriele Genovese, Roberto Marinelli, Michele Mariniello, Elisa Proietti, Irma Ridolfini, Michele Segreto, Isacco Tognon e Matteo Vignati) gli ex-allievi del progetto di formazione artistica organizzato da ERT, Raccontare il territorio.

L’inaugurazione del progetto si terrà sabato 18 ottobre quando, alle ore 21.00 presso il Teatro Comunale di Carpi, il pubblico potrà partecipare alla serata (ad ingresso gratuito) Mio, tuo… nostro. La città dei Pio e il suo centro storico ospiteranno anche l’evento conclusivo della rassegna, sabato 20 dicembre, per una giornata di festa e spettacolo che vedrà la realizzazione di un secondo atelier dal titolo ComunItalia. Tra questi due momenti di inaugurazione e chiusura si svolgeranno, come accennato, decine e decine di appuntamenti nei Comuni della Bassa modenese e non solo, eventi che porteranno al coinvolgimento, tra attori, cittadini e studenti, di centinaia di persone. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.progettobenicomuni.it e la pagina Facebook ‘BeniComuni’

Questo slideshow richiede JavaScript.

I  percorsi tra musica e danza per Beni Comuni

Ara Malikian e gli allievi dell’Istituto musicale Vecchi – Tonelli
Un talentuoso violinista di origini libanesi, le cui doti artistiche sono state riconosciute in numerosi contesti internazionali, ha iniziato le prove insieme agli allievi dell’Istituto superiore di studi musicali Vecchi – Tonelli. Da un lato la possibilità per i giovani musicisti di perfezionarsi insieme ad un grande virtuoso e, dall’altra, quella di restituire al territorio i risultati dell’esperienza, attraverso tre concerti: per le scuole di Finale Emilia il 18 novembre, per quelle di Soliera il 19 e, per finire, presso il Teatro Comunale di Carpi il 19 novembre.
Ottobre e novembre prove
18 novembre : h. 11.00, Le mie prime 4 stagioni per le scuole a Finale Emilia – Teatro Tenda
19 novembre : h. 11.00, Le mie prime 4 stagioni per le scuole a Soliera – Cinema Teatro Italia
19 novembre: nel pomeriggio prove al Teatro Comunale di Carpi
h. 21.00, concerto a Carpi

Sarah Jane Morris – Ian Shaw
Un’icona della musica mondiale e una tra le voci del jazz più importanti nel mondo anglosassone e non solo: due artisti del calibro di Sarah Jane Morris e Ian Shaw saranno a Cento, insieme, per un workshop musicale d’eccezione, rivolto ad aspiranti cantanti, studenti o semplicemente appassionati di canto. Sarah Jane Morris e Ian Shaw insegneranno loro a comporre e scrivere una canzone, organizzare un concerto e soprattutto cantare. Con questa iniziativa si vuole riportare una attività musicale a Cento, nonostante il teatro inagibile, e mantenere viva la partecipazione degli abitanti. L’esperienza culminerà nel concerto, previsto per il 5 dicembre, al Centro Pandurera.
1-4 dicembre incontro con i partecipanti e workshop a Cento
5 dicembre concerto a Cento (Centro Pandurera)

Aterballetto
Space. Il lento risveglio: questo il titolo del filone caratterizzato da due laboratori che si svolgeranno nei mesi di novembre e dicembre, rispettivamente a Carpi e Cento, e saranno curati da Arturo Cannistrà, ballerino, coreografo e responsabile dei progetti dell’area Educational di Aterballetto. Il percorso permetterà agli allievi e alle allieve di esplorare il concetto di spazio come luogo di incontro, scontro e modifica delle dinamiche artistiche attraverso un laboratorio coreografico neoclassico/contemporaneo. Creatività, tecnica e professionalità saranno gli strumenti di lavoro per creare, tra i maestri e gli allievi delle scuole di danza, un’alchimia che li guiderà nella grande performance corale di sabato 20 dicembre, nella giornata conclusiva del progetto Beni Comuni’, presso il Teatro Comunale di Carpi.
27 ottobre selezione partecipanti a Carpi
Novembre e dicembre laboratorio a Carpi
9 novembre selezione partecipanti a Cento
Dicembre laboratorio a Cento
19 dicembre prove generali
20 dicembre spettacolo a Carpi (Teatro Comunale)

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio dello stesso turno di sabato[...]
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]