SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Energia rinnovabile, da soli non si va da nessuna parte – Editoriale di Andrea Lodi

Andrea_Lodi  di Andrea Lodi*

C’è una questione che non riesco a comprendere. Riguarda i movimenti (politici s’intende) antieuropeisti.
Non riesco a comprendere perché qualcuno debba cercare di convincere noi cittadini che l’Europa non serve a niente. E il concetto dell’unione fa la forza?

Secondo Ana Aguado Cornago, AD di FOSG Bruxelles, se i 28 Paesi europei realizzassero un progetto comune di produzione e distribuzione di energia rinnovabile, potremmo ridurre di più del 50% l’importazione di combustibili fossili da Paesi terzi.

Ma andiamo per ordine.

Emmendingen – Germania
A Emmendingen, in Germania, paesino di poco più di 26.000 abitanti (nel Land Baden-Württemberg a circa 70 chilometri da Strasburgo) il Sindaco Stefan Schlatterer ha deciso di investire pesantemente sul risparmio energetico, al punto da nominare un Manager dell’Energia, con il compito di assistere i cittadini nell’adozione di strategie per la riduzione del costo energetico. La parola d’ordine è: “fare le cose insieme”.

Armin Bobsien, Manager dell’Energia di Emmendingen, ci cita alcuni esempi: gli abitanti di un intero quartiere hanno deciso di realizzare progetti di investimento per il risparmio energetico insieme, al punto da ridurre la spesa energetica complessiva annua del 75%; una scuola, che produce energia in eccesso, invece di disperderla, ha deciso di convogliarla verso alcune abitazioni, con l’azzeramento del costo di energia.

Una politica che, secondo il Manager dell’Energia di Emmendingen porta a risultati sorprendenti, infatti per ogni euro di incentivi concessi si producono 17 euro di economie locali (per i lavori che si mettono in moto).

Risultati confermati anche da Mehrdad Payandeh, DGB Confederazione sindacale tedesca, secondo il quale per ogni euro investito in una economia che riduca il consumo
energetico si possono risparmiare 2 euro di importazione di combustibile fossile, senza considerare l’aumento occupazionale.
Modena – Italia
Anche in Italia a volte accadono cose interessanti.

Il Gruppo Hera, con sede a Modena, ha realizzato un particolare Sistema che consente di valutare la domanda e l’offerta di energia presente nella rete elettrica da loro gestita, in modo tale da convogliare l’energia prodotta in eccesso verso utenze dove c’è domanda. Un utile Sistema per evitare la dispersione di energia prodotta, spiega Marcello Bondesan, Responabile Sviluppo Asset Energia del Gruppo Hera.
L’unione fa la forza
Tornando in ambito europeo, Ana Aguado Cornago dà i numeri: un progetto europeo di produzione e distribuzione di energia rinnovabile costerebbe dai 600 agli 800 miliardi di euro in 30 anni.
Considerando che l’europa spende ogni anno 450 miliardi per l’acquisto di gas e petrolio, il calcolo di convenienza si fa da sé, considerando inoltre che arriveremmo, come descritto in premessa, a ridurre di più del 50% l’importazione di combustibili fossili da Paesi terzi.

Si, ma i soldi dove li prendiamo? Domanderebbe qualcuno.

Da finanziamenti privati. Considerando che stiamo parlando dell’economia più produttiva e redditizia dell’intero pianeta (assieme alla Sanità), gran parte del progetto potrebbe essere sostenuto dalla emissione di Bond europei, risponderebbe qualcun altro.
Fonte: informazioni tratte da un servizio del 26/5/2014 di REPORT (il noto programma televisivo di RAI3)

* Andrea Lodi, originario di San Prospero (Mo) è aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Docente e consulente per conto di imprese private, enti di formazione, associazioni di categoria, organizzazioni NO PROFIT, società di consulenza ed università. Giornalista economico, dal gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica economica di PiacenzaSera.it.

www.andrealodi.it

 

Articolo tratto da Economix, rubrica economica di PiacenzaSera.it

Rubriche

Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto
Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Addio a gatto Gino, il re di San Giovanni in Persiceto
    Addio a gatto Gino, il re di San Giovanni in Persiceto
    Il felino, amatissimo e molto noto, è stato investito da un'auto[...]
    La verità su Pico della Mirandola: fu ucciso dall'arsenico
    La verità su Pico della Mirandola: fu ucciso dall'arsenico
    La scoperta dopo 500 anni dalla morte del celebre umanista[...]
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Mirandola, sulla porta di casa trova un serpente lungo un metro
    Solo un grande spavento per l'uomo che l'ha trovato, ma il biacco è innocuo[...]
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Si fanno a Soliera i video Youtube di Alle Tatoo diventati virali
    Ha ospitato anche un idolo dei più giovani, il gamer GaBBoDSQ, che ha formato il tatuaggio di un suo fan[...]
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Da Finale Emilia a Tu Si Que Vales c'è Federico Tassini
    Su Caanale 5 una riduzione del grandioso spettacolo su Leonardo da Vinci che ha fatto vincere a Federico e compagni il campionato del mondo di pattinaggio[...]
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Per Skipass a Modena il trampolino più grande mai costruito in Italia
    Svetta nell'area esterna del quartiere fieristico l'imponente trampolino, 46 metri di altezza e 130 metri di lunghezza, il più grande mai costruito in Italia[...]
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: