SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Energia rinnovabile, da soli non si va da nessuna parte – Editoriale di Andrea Lodi

Andrea_Lodi  di Andrea Lodi*

C’è una questione che non riesco a comprendere. Riguarda i movimenti (politici s’intende) antieuropeisti.
Non riesco a comprendere perché qualcuno debba cercare di convincere noi cittadini che l’Europa non serve a niente. E il concetto dell’unione fa la forza?

Secondo Ana Aguado Cornago, AD di FOSG Bruxelles, se i 28 Paesi europei realizzassero un progetto comune di produzione e distribuzione di energia rinnovabile, potremmo ridurre di più del 50% l’importazione di combustibili fossili da Paesi terzi.

Ma andiamo per ordine.

Emmendingen – Germania
A Emmendingen, in Germania, paesino di poco più di 26.000 abitanti (nel Land Baden-Württemberg a circa 70 chilometri da Strasburgo) il Sindaco Stefan Schlatterer ha deciso di investire pesantemente sul risparmio energetico, al punto da nominare un Manager dell’Energia, con il compito di assistere i cittadini nell’adozione di strategie per la riduzione del costo energetico. La parola d’ordine è: “fare le cose insieme”.

Armin Bobsien, Manager dell’Energia di Emmendingen, ci cita alcuni esempi: gli abitanti di un intero quartiere hanno deciso di realizzare progetti di investimento per il risparmio energetico insieme, al punto da ridurre la spesa energetica complessiva annua del 75%; una scuola, che produce energia in eccesso, invece di disperderla, ha deciso di convogliarla verso alcune abitazioni, con l’azzeramento del costo di energia.

Una politica che, secondo il Manager dell’Energia di Emmendingen porta a risultati sorprendenti, infatti per ogni euro di incentivi concessi si producono 17 euro di economie locali (per i lavori che si mettono in moto).

Risultati confermati anche da Mehrdad Payandeh, DGB Confederazione sindacale tedesca, secondo il quale per ogni euro investito in una economia che riduca il consumo
energetico si possono risparmiare 2 euro di importazione di combustibile fossile, senza considerare l’aumento occupazionale.
Modena – Italia
Anche in Italia a volte accadono cose interessanti.

Il Gruppo Hera, con sede a Modena, ha realizzato un particolare Sistema che consente di valutare la domanda e l’offerta di energia presente nella rete elettrica da loro gestita, in modo tale da convogliare l’energia prodotta in eccesso verso utenze dove c’è domanda. Un utile Sistema per evitare la dispersione di energia prodotta, spiega Marcello Bondesan, Responabile Sviluppo Asset Energia del Gruppo Hera.
L’unione fa la forza
Tornando in ambito europeo, Ana Aguado Cornago dà i numeri: un progetto europeo di produzione e distribuzione di energia rinnovabile costerebbe dai 600 agli 800 miliardi di euro in 30 anni.
Considerando che l’europa spende ogni anno 450 miliardi per l’acquisto di gas e petrolio, il calcolo di convenienza si fa da sé, considerando inoltre che arriveremmo, come descritto in premessa, a ridurre di più del 50% l’importazione di combustibili fossili da Paesi terzi.

Si, ma i soldi dove li prendiamo? Domanderebbe qualcuno.

Da finanziamenti privati. Considerando che stiamo parlando dell’economia più produttiva e redditizia dell’intero pianeta (assieme alla Sanità), gran parte del progetto potrebbe essere sostenuto dalla emissione di Bond europei, risponderebbe qualcun altro.
Fonte: informazioni tratte da un servizio del 26/5/2014 di REPORT (il noto programma televisivo di RAI3)

* Andrea Lodi, originario di San Prospero (Mo) è aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Docente e consulente per conto di imprese private, enti di formazione, associazioni di categoria, organizzazioni NO PROFIT, società di consulenza ed università. Giornalista economico, dal gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica economica di PiacenzaSera.it.

www.andrealodi.it

 

Articolo tratto da Economix, rubrica economica di PiacenzaSera.it

Rubriche

Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: