Industriali di Modena, Bologna e Ferrara pronti alla fusione

I presidenti di Unindustria Ferrara Riccardo Maiarelli, Confindustria Modena Valter Caiumi e Unindustria Bologna Alberto Vacchi hanno sottoscritto oggi una lettera d’intenti che fissa le linee guida per il progetto d’integrazione delle tre realtà associative.

L’obiettivo  – si legge in una nota delle tre associazioni – è di arrivare a un’unica associazione, denominata Confindustria Emilia, capace di garantire maggiore rappresentanza a una realtà territoriale che costituisce il primo polo manifatturiero italiano, più spazio alle piccole e medie industrie e servizi più efficaci a tutti gli associati.

Il documento è stato firmato a Ferrara, a riprova dell’apprezzamento riscosso dalla scelta dell’associazione di aderire fin dai primi passi al percorso di integrazione in atto tra Modena e Bologna e del ruolo che potrà conseguentemente svolgere.

La lettera d’intenti prende le mosse da una duplice constatazione. Da una parte, infatti, i cambiamenti epocali in atto (primi fra tutti la globalizzazione e il perdurare della crisi economica) determinano profonde necessità di modernizzazione dei sistemi di rappresentanza, storicamente basati su un’organizzazione territoriale definita dai confini provinciali. Dall’altra le associazioni coinvolte sono sostanzialmente omogenee e complementari, a partire dai settori produttivi rappresentati.

Nasce così, nell’ambito della riforma di Confindustria, l’idea di procedere verso l’integrazione, con l’obiettivo – come accennato – di potenziare la rappresentanza del primo polo manifatturiero italiano, attuare le sinergie necessarie per avviare servizi nuovi e sempre più rispondenti alle esigenze in continua evoluzione delle imprese e rafforzare la difesa delle Pmi che non sempre si sentono adeguatamente rappresentate al di là dei confini regionali.

Dalla firma della lettera di intenti, due sono i passaggi chiave che emergono: la presentazione di un progetto dettagliato e condiviso entro maggio 2015 e la fusione in un’unica associazione entro dicembre 2016.

Le porte di Confindustria Emilia resteranno aperte a tutte le altre territoriali lungo la via Emilia che desidereranno farne parte.

presidenti_direttori_Fe-Mo-Bo

I presidenti (seduti) e i direttori di Unindustria Bologna, Ferrara, Modena e Bologna (da snx)

 

“Questo percorso”, spiega il presidente di Unindustria Ferrara Riccardo Maiarelli, “costituisce una sfida impegnativa, ma necessaria: in un momento delicato e difficile per il Paese tutti devono, infatti, mettersi in gioco con passione, avendo il coraggio di compiere scelte forti, coltivando l’ambizione di contribuire a costruire il futuro. Vogliamo che a guidare il percorso siano le esigenze degli associati. Insieme, facendo tesoro delle sollecitazioni che emergeranno, vogliamo disegnare il profilo di un’associazione che continui a erogare i servizi sul territorio, senza perdere quella vicinanza che rappresenta uno dei nostri punti di forza, garantendo nel contempo – grazie all’integrazione – quel salto di qualità di cui le imprese hanno bisogno per essere sostenute con efficacia nella sfida quotidiana della competizione”.

 

“Si tratta di un obiettivo non più rinviabile sul quale dobbiamo impegnarci tutti con passione e determinazione”, afferma il presidente di Confindustria Modena Valter Caiumi. “Oggi non basta più mettere a disposizione buoni servizi per gli imprenditori. Occorre dare loro il meglio, l’eccellenza. Creare un’unica associazione significa acquisire maggiore autorevolezza, integrare meglio le nostre capacità e sviluppare ancora di più le nostre potenzialità. Sono certo che la fusione darà forma e sostanza a un autentico ampliamento delle performance che potremo mettere in campo per sostenere le imprese, in particolare le piccole, e renderle più forti. Un lavoro che porteremo avanti con i colleghi presidenti di Bologna e Ferrara puntando sui grandi valori della condivisione e della coesione, nel nome dello sviluppo e della valorizzazione del territorio. Unendo le nostre potenzialità potremo dare un contributo ancora più consistente allo sviluppo. Aggregati in un’unica realtà associativa, abbiamo maggiori possibilità di migliorare il nostro sistema industriale e dargli nuova competitività”.

 

“Sono molto soddisfatto di come il processo di unificazione sta procedendo. Sono consapevole che il mandato dei firmatari è forte del consenso della larga maggioranza delle piccole e grandi imprese associate e questo darà forza alle scelte politiche ed organizzative che dovremo prendere. Diventare una rete associativa di oltre 3.400 imprese, per un totale di 151.000 dipendenti e 17 milioni di euro di contributi associativi, e un polo manifatturiero tra i più robusti d’Europa avrà effetti sulla nostra capacità di restare sui mercati e di attrarre investimenti per tornare a crescere ed a generare posti di lavoro stabili”, dichiara il presidente di Unindustria Bologna Alberto Vacchi.

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Sla, premiata ricercatrice dell'ospedale Baggiovara
    Jessica Mandrioli, responsabile del Centro SLA, riceverà un finanziamento per una ricerca innovativa da svolgersi nei prossimi 2 anni sui meccanismi patogenetici della malattia[...]
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    I pensionati modenesi sono sempre più smart, e non ritirano più la pensione
    Negli uffici postali della provincia di Modena meno pensioni cash allo sportello e sempre più accrediti su libretto o conto Bancoposta[...]