SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Industriali di Modena, Bologna e Ferrara pronti alla fusione

I presidenti di Unindustria Ferrara Riccardo Maiarelli, Confindustria Modena Valter Caiumi e Unindustria Bologna Alberto Vacchi hanno sottoscritto oggi una lettera d’intenti che fissa le linee guida per il progetto d’integrazione delle tre realtà associative.

L’obiettivo  – si legge in una nota delle tre associazioni – è di arrivare a un’unica associazione, denominata Confindustria Emilia, capace di garantire maggiore rappresentanza a una realtà territoriale che costituisce il primo polo manifatturiero italiano, più spazio alle piccole e medie industrie e servizi più efficaci a tutti gli associati.

Il documento è stato firmato a Ferrara, a riprova dell’apprezzamento riscosso dalla scelta dell’associazione di aderire fin dai primi passi al percorso di integrazione in atto tra Modena e Bologna e del ruolo che potrà conseguentemente svolgere.

La lettera d’intenti prende le mosse da una duplice constatazione. Da una parte, infatti, i cambiamenti epocali in atto (primi fra tutti la globalizzazione e il perdurare della crisi economica) determinano profonde necessità di modernizzazione dei sistemi di rappresentanza, storicamente basati su un’organizzazione territoriale definita dai confini provinciali. Dall’altra le associazioni coinvolte sono sostanzialmente omogenee e complementari, a partire dai settori produttivi rappresentati.

Nasce così, nell’ambito della riforma di Confindustria, l’idea di procedere verso l’integrazione, con l’obiettivo – come accennato – di potenziare la rappresentanza del primo polo manifatturiero italiano, attuare le sinergie necessarie per avviare servizi nuovi e sempre più rispondenti alle esigenze in continua evoluzione delle imprese e rafforzare la difesa delle Pmi che non sempre si sentono adeguatamente rappresentate al di là dei confini regionali.

Dalla firma della lettera di intenti, due sono i passaggi chiave che emergono: la presentazione di un progetto dettagliato e condiviso entro maggio 2015 e la fusione in un’unica associazione entro dicembre 2016.

Le porte di Confindustria Emilia resteranno aperte a tutte le altre territoriali lungo la via Emilia che desidereranno farne parte.

presidenti_direttori_Fe-Mo-Bo

I presidenti (seduti) e i direttori di Unindustria Bologna, Ferrara, Modena e Bologna (da snx)

 

“Questo percorso”, spiega il presidente di Unindustria Ferrara Riccardo Maiarelli, “costituisce una sfida impegnativa, ma necessaria: in un momento delicato e difficile per il Paese tutti devono, infatti, mettersi in gioco con passione, avendo il coraggio di compiere scelte forti, coltivando l’ambizione di contribuire a costruire il futuro. Vogliamo che a guidare il percorso siano le esigenze degli associati. Insieme, facendo tesoro delle sollecitazioni che emergeranno, vogliamo disegnare il profilo di un’associazione che continui a erogare i servizi sul territorio, senza perdere quella vicinanza che rappresenta uno dei nostri punti di forza, garantendo nel contempo – grazie all’integrazione – quel salto di qualità di cui le imprese hanno bisogno per essere sostenute con efficacia nella sfida quotidiana della competizione”.

 

“Si tratta di un obiettivo non più rinviabile sul quale dobbiamo impegnarci tutti con passione e determinazione”, afferma il presidente di Confindustria Modena Valter Caiumi. “Oggi non basta più mettere a disposizione buoni servizi per gli imprenditori. Occorre dare loro il meglio, l’eccellenza. Creare un’unica associazione significa acquisire maggiore autorevolezza, integrare meglio le nostre capacità e sviluppare ancora di più le nostre potenzialità. Sono certo che la fusione darà forma e sostanza a un autentico ampliamento delle performance che potremo mettere in campo per sostenere le imprese, in particolare le piccole, e renderle più forti. Un lavoro che porteremo avanti con i colleghi presidenti di Bologna e Ferrara puntando sui grandi valori della condivisione e della coesione, nel nome dello sviluppo e della valorizzazione del territorio. Unendo le nostre potenzialità potremo dare un contributo ancora più consistente allo sviluppo. Aggregati in un’unica realtà associativa, abbiamo maggiori possibilità di migliorare il nostro sistema industriale e dargli nuova competitività”.

 

“Sono molto soddisfatto di come il processo di unificazione sta procedendo. Sono consapevole che il mandato dei firmatari è forte del consenso della larga maggioranza delle piccole e grandi imprese associate e questo darà forza alle scelte politiche ed organizzative che dovremo prendere. Diventare una rete associativa di oltre 3.400 imprese, per un totale di 151.000 dipendenti e 17 milioni di euro di contributi associativi, e un polo manifatturiero tra i più robusti d’Europa avrà effetti sulla nostra capacità di restare sui mercati e di attrarre investimenti per tornare a crescere ed a generare posti di lavoro stabili”, dichiara il presidente di Unindustria Bologna Alberto Vacchi.

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: