Mirandola, via Donizetti e quella “Z” di troppo

La strada è piuttosto nascosta. E’ una strada senza uscita, si chiude con una rotonda dal raggio piuttosto discutibile, e vi si accede solo da via Puccini: “via G. Donizzetti”. Proprio così: due zeta, un errore da matita blu. E’Donizetti lì da alcuni anni, ma recentemente un nostro lettore ce l’ha segnalata citando proprio il maestro Donizetti, perché “una furtiva lagrima negli occhi miei spuntò”, ci ha scritto, nel vederla. Non vi sono dubbi, del resto: la toponomastica dell’area (via Rossini, via Puccini e la vicina via Mascagni) segnala che il Donizetti in questione è proprio Gaetano, il compositore bergamasco dell’Elisir d’Amore, per citarne una, e non di un omonimo, un qualunque Giovanni, Gioacchino, Giuseppe o… G qualcosa. E in questo caso, non ci sono dubbi: la versione corretta è Donizetti, con una sola zeta, e ciò è evidente anche dalla firma del compositore, chiara e inequivocabile (vedi immagine a sinistra). Così come chiaro e inequivocabile è il cartello che segnala la via: Donizzetti (vedi in basso, sotto l’articolo).

catasto_mirandolaEppure nel catasto il nome è corretto. In realtà l’errore, per quanto nella sua forma più evidente, è solamente nel cartello che segnala la strada. Nei documenti catastali del Comune, infatti, il cognome di Donizetti compare con una sola zeta, pertanto in forma corretta, come è possibile verificare online (accedendo a questo sito e attuando la ricerca nei documenti relativi a Mirandola) o cliccando sull’immagine a destra, sempre tratta da SisTeMoNet, il portale geografico realizzato dal Sistema informativo territoriale della Provincia di Modena, presso l’Uffico Urbanistica e Cartografia. A livello ufficiale, dunque, l’errore non esiste. Ma il cartello è sufficientemente adatto alla figuraccia, perché l’immagine è quella e, in fondo, non è che tutti possano prendersi la briga di perdere tempo a controllare presso i documenti ufficiali…

Betly. Così, se volessimo andare alla ricerca di un motivo legittimo (a parte la non conoscenza del compositore, ovviamente) che possa giustificare l’errore, allora potremmo farlo risalire ad un vecchio frontespizio di alcune edizioni tipografiche dell’opera comica Betly del 1838 e del 1842 (vedi qui) in cui compare la dicitura “dramma giocoso in due atti : da rappresentarsi nel Teatro Gallo in Venezia nell’autunno 1838 / parole e musica del maestro cav. Donizzetti“, con due zeta appunto. Ma si tratta di una tesi da azzeccagarbugli: che l’autore dell’errore di cui al cartello sia stato tratto in inganno da questo aspetto non può nemmeno essere considerata un’ipotesi credibile, sia chiaro…

Roma, via delle Muratte. Piuttosto è curioso notare come il medesimo errore capitato a Mirandola sia comparso, verosimilmente, su un muro di Roma, e successivamente corretto. Esiste infatti, su un edificio di via Muratte a Roma, una targa dedicata a Donizetti. donizetti romaLa trovate qui a sinistra e, cliccando sopra per ingrandirla, vi accorgerete di come, all’altezza del cognome del Maestro, l’intero spazio mostri una incavatura maggiore rispetto al resto della lapide. Bisognerebbe chiedere ad un romano che abiti in zona per sapere la verità, tuttavia il sospetto è che l’incisione si sia resa necessaria proprio per correggere il cognome di Donizetti, scritto con buona probabilità in maniera sbagliata, nella versione originaria della targa. Perché un errore su un muro di Roma è esposto al pubblico ludibrio molto più di quanto accada ad una via piccola e un po’ nascosta di Mirandola.

Ma a noi, in fondo, è proprio quest’ultima ad interessare. E, al momento, è ancora così…

mirandola via donizetti

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Feriti, curati e pronti a volare di nuovo: si liberano i pettirossi
    Feriti, curati e pronti a volare di nuovo: si liberano i pettirossi
    Appuntamento il 16 dicembre con cioccolata calda (per i bimbi) e con brulè (per i grandi)[...]
    Cagnolino in bilico sul ponte salvato dalla furia del fiume Secchia
    Cagnolino in bilico sul ponte salvato dalla furia del fiume Secchia
    La bestiola, dotata di microchip, è stata poi portata al sicuro al Canile in attesa di rintracciare il proprietario che risulta essere di Marano.[...]
    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Fissate le prime dati dei concerti 2018 di Vasco Rossi
    Si parte a giugno a Torino, Padova, Roma, Bari e Messina[...]
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Addio a Lando Fiorini, la voce di Roma dall'infanzia a Disvetro di Cavezzo e a Novi
    Passò qui l'infanzia nei difficilissimi anni del Dopoguerra[...]
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Si innamora a prima vista e ora la cerca su Facebook
    Un govane di Quistello, dopo aver incrociato gli occhi con una coetanea di Carpi a una cena [...]
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tuning al Motor Show, quando il sogno americano è made in... Crevalcore
    Tra le curiosità del Motor Show, nel padiglione dedicato al tuning spiccava anche una Camaro anni '70 rivitalizzata da un'officina di Beni Comunali [...]
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Il vino rubato e sequestrato dato in dono alla Croce Rossa
    Si tratta di oltre mille bottiglie che erano state trovate dalla Polizia in un furgone abbandonato sulla Canaletto[...]
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    E nella piazza terremotata si addobba per le feste... la gru della ricostruzione
    Accade a Mirandola con la gru del cantiere all'ombra del vecchio Municipio in piazza Costituente[...]
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Ponte dell'Immacolata, verso il tutto esaurito in Appennino
    Lo dicono le stime di Confesercenti Modena [...]
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    Anas, Mit e Polizia di Stato: Al via la nuova campagna sulla sicurezza stradale con Francesco Gabbani
    In difesa degli utenti più vulnerabili: ciclisti, motociclisti, ciclomotoristi, pedoni. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: