SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Quanto ci costa la sanità tra sprechi e negligenze – Editoriale di Andrea Lodi

Andrea_Lodi  di Andrea Lodi*

Mesi fa, un amico medico (bravo) che lavora in un ospedale, mi raccontò che un suo collega con mansioni “dirigenziali” (è doveroso il virgolettato) sorpreso in flagranza di reato mentre fumava in ufficio, è riuscito a farsi togliere una multa di poco più di 50 euro da altri dirigenti (con la d minuscola) compiacenti.

Ma non è questa l’impronta che voglio dare all’ articolo. E’ bene lasciare fare questo tipo di giornalismo a chi ne è competente. Quindi veniamo a noi.

Quanto ci costa la nostra salute

Forse non tutti sanno che il settore economico principale di ogni Paese, Italia inclusa, è quello sanitario.

In Italia ogni famiglia spende all’anno in sanità mediamente l’1,8% del PIL  (che in soldoni significa circa 36 miliardi di euro). Se consideriamo che in Italia la popolazione anziana (quella maggiormente soggetta a cure sanitarie) rappresenta circa il 20% della popolazione totale, e che gli italiani, a partire dal compimento del 14° anno di età, tendono ad avere comportamenti di vita non particolarmente salutistici (il 50% dei maschi italiani, ad esempio, consuma quotidianamente bevande alcoliche), il fenomeno sembrerebbe sostanzialmente spiegato.

La spesa sanitaria oggi, nel suo complesso, corrisponde in Italia al 5,6% del PIL (vale a dire circa 114 miliardi di euro); nel 2011 aveva raggiunto, secondo dati provenienti dall’Ocse, una percentuale attorno al 9% (in linea con la media europea)

Fin qua sembrerebbe tutto chiaro: spendiamo molto in sanità perché siamo vecchi e malati, ma nel contempo negli ultimi anni la spesa sanitaria è diminuita.

Gli sprechi nella sanità

C’è un dato però che ci inquieta: secondo un’indagine pubblicata di recente dall’Ispe-Sanità, sui 114 miliardi di spesa sanitaria del 2013, sono stati “bruciati”  ben 23,6 miliardi di euro, pari al 20,7% del totale: 6,4 miliardi per corruzione, 3,2 miliardi per inefficienza e 14 miliardi per sprechi di risorse. Il problema della corruzione riguarda soprattutto il Sud Italia con il 41% dei casi.

Secondo il rapporto realizzato da RiSSC e Transparency International Italia, nel 2013 nel settore sanitario cinque sono gli ambiti particolarmente permeati da fenomeni corruttivi: nomine, farmaceutica, procurement, negligenza e sanità privata. 

Nel dettaglio:

1.    nomine – la forte ingerenza della politica crea conflitti di interessi e clientelismo con problemi legati alla carenza di competenze;

2.    farmaceutica – aumento artificioso dei prezzi, comparaggio, falsa ricerca scientifica, prescrizioni fasulle, prescrizioni non necessarie, rimborsi fasulli;

3.    procurement – gare non necessarie, procedure non corrette, gare orientate o cartelli, infiltrazione crimine organizzato, carenza di controlli, false attestazioni di forniture, inadempimenti-irregolarità non rilevate;

4.    negligenza – scorrimento liste d’attesa, dirottamento verso sanità privata, false dichiarazioni (intramoenia); omissione di versamenti (intramoenia);

5.    sanità privata – mancata concorrenza, mancato controllo requisiti, ostacoli all’ingresso e scarso turnover, prestazioni inutili, falso documentale.

A leggere il rapporto Ispe-Sanità c’è veramente da sentirsi male; d’altronde stiamo parlando di Sanità, quindi comunque avremmo modo di essere adeguatamente assistiti.

Assistiti, sì ma dove ?

Le differenze tra Nord e Sud

Il rapporto tiene conto delle diversità gestionali ed organizzative che si riscontrano tra Nord e Sud. Regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna ed il Veneto sono caratterizzate da modelli gestionali integrati che permettono una certa efficienza gestionale. Infatti, aver organizzato la rete assistenziale Regionale utilizzando i medesimi approcci economico gestionali permette da una parte di fornire servizi più integrati alla popolazione assistita e dall’altra di controllare il corretto utilizzo delle risorse impiegate. 

Di contro, Lazio e Campania sono caratterizzate da modelli gestionali completamente disaggregati, tanto dal punto di vista organizzativo-gestionale che da quello economico-finanziario. Se ne deduce che il discrimine che trasforma l’inefficienza e gli sprechi nella corruzione è determinata dalla presenza o meno di una strategia che persegue la disaggregazione gestionale. Se ci spostiamo poi verso le Regioni Calabria e Sicilia il problema si aggrava ulteriormente.

Si sta parlando di un modello “sudista” che, per chi ne trae beneficio, va bene così; cambiarlo significherebbe rinunciare a ricchezze spropositate. Il tutto ovviamente a danno dei servizi sanitari erogati e dei portafogli dei cittadini.

Conclusione

Il confronto tra le diverse Regioni ha messo in evidenza come l’applicazione del modello lombardo, permetterebbe alle altre Regioni di raggiungere migliori risultati in termini economico gestionali con evidenti ricadute positive per l’efficacia e l’efficienza dell’intero sistema. Insomma l’ex Governatore Formigoni pare che qualcosa di buono l’abbia fatto (oltre ad appropriarsi di quota parte di quei 23,6 miliardi di euro; per lo meno così pare).

Ma non rallegriamoci troppo qui al Nord, permettere ad un “dirigente” (con la d minuscola) di fumare in ufficio rientra in uno di quei cinque ambiti particolarmente permeati da fenomeni corruttivi: quello delle nomine. E non dimentichiamo inoltre che il fenomeno corruttivo nella Sanità al Nord, con i suoi modelli gestionali integrati, rappresenta comunque il 23% del fenomeno.
* Andrea Lodi, originario di San Prospero (Mo) è aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Docente e consulente per conto di imprese private, enti di formazione, associazioni di categoria, organizzazioni NO PROFIT, società di consulenza ed università. Giornalista economico, dal gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica economica di PiacenzaSera.it.

www.andrealodi.it

 

Articolo tratto da Economix, rubrica economica di PiacenzaSera.it

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: