Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Quanto ci costa la sanità tra sprechi e negligenze – Editoriale di Andrea Lodi

Andrea_Lodi  di Andrea Lodi*

Mesi fa, un amico medico (bravo) che lavora in un ospedale, mi raccontò che un suo collega con mansioni “dirigenziali” (è doveroso il virgolettato) sorpreso in flagranza di reato mentre fumava in ufficio, è riuscito a farsi togliere una multa di poco più di 50 euro da altri dirigenti (con la d minuscola) compiacenti.

Ma non è questa l’impronta che voglio dare all’ articolo. E’ bene lasciare fare questo tipo di giornalismo a chi ne è competente. Quindi veniamo a noi.

Quanto ci costa la nostra salute

Forse non tutti sanno che il settore economico principale di ogni Paese, Italia inclusa, è quello sanitario.

In Italia ogni famiglia spende all’anno in sanità mediamente l’1,8% del PIL  (che in soldoni significa circa 36 miliardi di euro). Se consideriamo che in Italia la popolazione anziana (quella maggiormente soggetta a cure sanitarie) rappresenta circa il 20% della popolazione totale, e che gli italiani, a partire dal compimento del 14° anno di età, tendono ad avere comportamenti di vita non particolarmente salutistici (il 50% dei maschi italiani, ad esempio, consuma quotidianamente bevande alcoliche), il fenomeno sembrerebbe sostanzialmente spiegato.

La spesa sanitaria oggi, nel suo complesso, corrisponde in Italia al 5,6% del PIL (vale a dire circa 114 miliardi di euro); nel 2011 aveva raggiunto, secondo dati provenienti dall’Ocse, una percentuale attorno al 9% (in linea con la media europea)

Fin qua sembrerebbe tutto chiaro: spendiamo molto in sanità perché siamo vecchi e malati, ma nel contempo negli ultimi anni la spesa sanitaria è diminuita.

Gli sprechi nella sanità

C’è un dato però che ci inquieta: secondo un’indagine pubblicata di recente dall’Ispe-Sanità, sui 114 miliardi di spesa sanitaria del 2013, sono stati “bruciati”  ben 23,6 miliardi di euro, pari al 20,7% del totale: 6,4 miliardi per corruzione, 3,2 miliardi per inefficienza e 14 miliardi per sprechi di risorse. Il problema della corruzione riguarda soprattutto il Sud Italia con il 41% dei casi.

Secondo il rapporto realizzato da RiSSC e Transparency International Italia, nel 2013 nel settore sanitario cinque sono gli ambiti particolarmente permeati da fenomeni corruttivi: nomine, farmaceutica, procurement, negligenza e sanità privata. 

Nel dettaglio:

1.    nomine – la forte ingerenza della politica crea conflitti di interessi e clientelismo con problemi legati alla carenza di competenze;

2.    farmaceutica – aumento artificioso dei prezzi, comparaggio, falsa ricerca scientifica, prescrizioni fasulle, prescrizioni non necessarie, rimborsi fasulli;

3.    procurement – gare non necessarie, procedure non corrette, gare orientate o cartelli, infiltrazione crimine organizzato, carenza di controlli, false attestazioni di forniture, inadempimenti-irregolarità non rilevate;

4.    negligenza – scorrimento liste d’attesa, dirottamento verso sanità privata, false dichiarazioni (intramoenia); omissione di versamenti (intramoenia);

5.    sanità privata – mancata concorrenza, mancato controllo requisiti, ostacoli all’ingresso e scarso turnover, prestazioni inutili, falso documentale.

A leggere il rapporto Ispe-Sanità c’è veramente da sentirsi male; d’altronde stiamo parlando di Sanità, quindi comunque avremmo modo di essere adeguatamente assistiti.

Assistiti, sì ma dove ?

Le differenze tra Nord e Sud

Il rapporto tiene conto delle diversità gestionali ed organizzative che si riscontrano tra Nord e Sud. Regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna ed il Veneto sono caratterizzate da modelli gestionali integrati che permettono una certa efficienza gestionale. Infatti, aver organizzato la rete assistenziale Regionale utilizzando i medesimi approcci economico gestionali permette da una parte di fornire servizi più integrati alla popolazione assistita e dall’altra di controllare il corretto utilizzo delle risorse impiegate. 

Di contro, Lazio e Campania sono caratterizzate da modelli gestionali completamente disaggregati, tanto dal punto di vista organizzativo-gestionale che da quello economico-finanziario. Se ne deduce che il discrimine che trasforma l’inefficienza e gli sprechi nella corruzione è determinata dalla presenza o meno di una strategia che persegue la disaggregazione gestionale. Se ci spostiamo poi verso le Regioni Calabria e Sicilia il problema si aggrava ulteriormente.

Si sta parlando di un modello “sudista” che, per chi ne trae beneficio, va bene così; cambiarlo significherebbe rinunciare a ricchezze spropositate. Il tutto ovviamente a danno dei servizi sanitari erogati e dei portafogli dei cittadini.

Conclusione

Il confronto tra le diverse Regioni ha messo in evidenza come l’applicazione del modello lombardo, permetterebbe alle altre Regioni di raggiungere migliori risultati in termini economico gestionali con evidenti ricadute positive per l’efficacia e l’efficienza dell’intero sistema. Insomma l’ex Governatore Formigoni pare che qualcosa di buono l’abbia fatto (oltre ad appropriarsi di quota parte di quei 23,6 miliardi di euro; per lo meno così pare).

Ma non rallegriamoci troppo qui al Nord, permettere ad un “dirigente” (con la d minuscola) di fumare in ufficio rientra in uno di quei cinque ambiti particolarmente permeati da fenomeni corruttivi: quello delle nomine. E non dimentichiamo inoltre che il fenomeno corruttivo nella Sanità al Nord, con i suoi modelli gestionali integrati, rappresenta comunque il 23% del fenomeno.
* Andrea Lodi, originario di San Prospero (Mo) è aziendalista, specializzato in Pianificazione Strategica. Docente e consulente per conto di imprese private, enti di formazione, associazioni di categoria, organizzazioni NO PROFIT, società di consulenza ed università. Giornalista economico, dal gennaio 2009 curo “Economix“, la rubrica economica di PiacenzaSera.it.

www.andrealodi.it

 

Articolo tratto da Economix, rubrica economica di PiacenzaSera.it

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Il giorno più freddo del mese è stato il giorno 19 con una temperatura pari a -1.7°C, non particolarmente rigido se paragonato al 28 febbraio 2018 con i suoi -5.2°C o al 7 gennaio 2017 con -4.2°C[...]
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    La Zecca dello Stato ha presentano la nuova Collezione Numismatica 2021[...]
    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    Francesco Totti e Luca Toni, due campioni del mondo a Modena per mangiare le crescentine
    L'incontro è stato documentato dall'attaccante modenese sul proprio profilo Instagram, attraverso una story[...]