SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Tre modenesi in viaggio con il crowdfunding

Ieri erano a Barre, nel Vermont, oggi sono a Scranton in Pennsylvania, domani saranno a Monongah in West Virginia. Sono partiti da Modena il 29 settembre e torneranno il 3 novembre: in mezzo, un tour di 6.000 miglia in 35 giorni, con 15 tappe attraverso 25 stati. Sono un editore, una giornalista e una fotografa – Paolo Battaglia, Daniela Garutti e Giulia Frigieri – e il loro progetto si chiama “Italian American Country. Trovare l’Italia nella provincia americana”.
Hanno l’obiettivo di rimettersi in contatto con una parte importante del nostro paese: coloro che emigrarono negli Stati Uniti e i loro nipoti, troppo a lungo dimenticati in Italia. In che modo? Incontrando cittadini di origine italiana che vivono nelle piccole comunità sparse per tutto il Paese e chiedendo loro di condividere i propri ricordi. Attraverso il dialogo, le parole, il cibo, le fotografie, le tradizioni familiari e locali cercano di capire quanta Italia è rimasta in queste comunità (e perché no, quanta America c’è negli italiani!).

unnamedIl team ha un partner d’eccezione: tutto il viaggio viene raccontato in tempo reale per immagini, post e tweet sul liveblog “Italian American Country”, ospitato nella home page del quotidiano La Stampa. Dal tour, poi, nasceranno un libro fotografico e un documentario che vedranno la luce nella primavera del 2015: in questo modo sarà possibile rendere conto di tutti gli aspetti del viaggio e di ogni singola storia delle persone e dei luoghi che stanno visitando. Il viaggio è interamente autofinanziato, ma per produrre libro e documentario è stata lanciata una campagna di crowdfunding sulla piattaforma indiegogo.com: ciò significa che tutti possono sostenere questo progetto “corale” con un contributo anche minimo, che parte dai 5 €. E’ possibile visualizzare – e contribuire – alla campagna al link: http://igg.me/at/itamcountry

I tre reporter hanno scelto alcune delle cittadine americane (e alcune grandi città) più italiane, “dalla California a New York Island, dalle Redwood Forests alle Gulf Stream Waters”, come cantava Woody Guthrie, e si stanno spostando da una all’altra per capire le ragioni che portarono così tanti nostri connazionali, una volta sbarcati a Ellis Island, a spingersi ancora più a ovest (ma anche a nord, o a sud), sempre più lontano dalla terra d’origine, sulle tracce di quelle “possibilità e opportunità” che gli Stati Uniti offrivano loro.
Il progetto “Italian American Country” è un erede diretto del volume “Trovare l’America”, pubblicato nel 2013, che l’editore e autore modenese Paolo Battaglia ha curato assieme a Linda Barrett Osborne: il libro, nato dalla sorprendente collaborazione tra la casa editrice Anniversary Books di Modena e la Library of Congress di Washington, racconta l’immigrazione italiana attraverso 500 immagini. Mentre “Trovare l’America” offre un grande affresco storico delle vicende italiane in America, “Italian American Country” vuole fornire una fotografia di come vivono oggi gli eredi di quei primi migranti.

Italian American Country: il viaggio
Le 15 tappe del tour porteranno i tre reporter da un capo all’altro degli Stati Uniti a incontrare i discendenti di coloro che lasciarono i luoghi di origine e si avventurarono nei grandi spazi del continente americano. Alcuni portavano sull’altra riva dell’Oceano un importante patrimonio di competenze professionali, come i cavatori e gli artigiani che hanno trasformato Barre in Vermont nella capitale americana del granito. Altri arrivavano forti di una millenaria tradizione agricola, come i farmers di Paradise Valley in Nevada e di Hammonton in New Jersey. Altri ancora partivano armati solo di un infinito spirito di sacrificio che li portava nelle miniere di Monongah in West Virginia e nelle piantagioni di Sunny Side da cui nacque in seguito Tontitown, in Arkansas, una delle citta? piu? italiane di tutti gli Stati Uniti.
Esistono anche casi come Valdese in North Carolina, fondata alla fine dell’Ottocento da un gruppo di valdesi che per ragioni religiose erano emigrati dai luoghi di origine in Piemonte.
Il viaggio si concluderà tra Monticello e la Library of Congress di Washington, due luoghi legati a doppio filo alla figura di Thomas Jefferson, padre della patria americana e grande estimatore dell’Italia. A Monticello ritroveranno le tracce di Filippo Mazzei, amico di Jefferson e fra i primi italiani a portare le colture mediterranee nel Nuovo Continente; tappa conclusiva alla Library of Congress di Washington, il luogo in cui il percorso di “Trovare l’America” ebbe inizio nel 2011 e dove sarà possibile ritrovare immagini e documenti storici legati ai luoghi visitati durante il tour.

E dopo? Un libro fotografico e un documentario
Per la prima volta dopo secoli, negli ultimi 20 anni l’Italia è diventata un paese di immigrazione. Per imparare a convivere con persone che arrivano oggi in Italia con la speranza di trovare una vita migliore, è necessario prima capire che cosa significa lasciare il proprio paese d’origine. Incontrare i figli e i nipoti di coloro che emigrarono dall’Italia agli Stati Uniti è una grande opportunità per guardarsi reciprocamente allo specchio: per gli italiani, che rappresentano le radici, e per gli italoamericani, ritratto del nostro possibile futuro di armonia sociale.
E’ questo lo scopo del libro fotografico e del documentario che verranno realizzati col materiale raccolto durante il viaggio, e che vedranno la luce nella primavera prossima. Questi due strumenti saranno anche un modo per onorare la memoria di coloro che hanno affrontato le difficoltà dell’emigrazione, e il più delle volte, hanno avuto un tale successo nel nuovo paese da contribuire a rafforzare la nostra economia con i loro risparmi dopo la seconda guerra mondiale.

Il team
Paolo Battaglia, di Modena, storico della fotografia, autore ed editore, titolare della casa editrice Anniverasy Books di Modena: ha dedicato gli ultimi anni alla ricerca e alla trasmissione della storia italo-americana. Il suo ultimo libro è “Trovare l’America”, una storia illustrata dell’esperienza italo-americana attraverso le collezioni della Library of Congress di Washington.
Daniela Garutti, di Carpi, social media reporter: racconta il tour in tempo reale sul web, attraverso la scrittura e la videocamera.
Giulia Frigieri, modenese residente a Londra, fotoreporter e ritrattista, gira il mondo con la sua Rolleiflex.

Nella foto: Paolo Battaglia, Daniela Garutti e Giulia Frigieri all’inizio del loro tour, cominciato da Ellis Island

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: