Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Cimici asiatiche, è invasione. L’Università vuole capirne di più

Cimici che entrano in casa e si nascondono nei pertugi, cimici che stazionano sulle tende, cimici che si assestano sui panni lasciati ad asciugare in balcone. Quest’anno come mai abbiamo tutti notato come siano aumentate in numero e in invadenza le cimici, e ora l’Università lancia l’allarme: è invasione.

Un problema serio perchè le cimici di cui parlano i professori sono in grado di danneggiare gravemente le colture, se uccise emanano un persistente cattivo odore anche se quelle che vediamo in questi giorni non risulta siano dannose per uomo e animali.

L’Ateneo ha lanciato un monitoraggio per capire fin dove c’è l’invasione, e invita i cittadini a mandare segnalazioni. Spiega che a capitanare l’invasione è in particolare l’insetto che è stato rinvenuto per la prima volta in Italia nel 2012 nel territorio modenese grazie a raccolte didattiche effettuate da studenti universitari. “Si tratta della Halyomorpha halys (Heteroptera, Pentatomidae), una cimice di origine asiatica che in queste settimane sta infastidendo chi vive in provincia di Modena, Reggio Emilia, Bologna e Milano con anomale invasioni presso le abitazioni, soprattutto in prossimità di aree verdi. A parte il caratteristico cattivo odore emesso, sono innocue per l’uomo e gli animali, mentre il pericolo è per le piante, poiché questa cimice si nutre di un’ampia varietà di specie coltivate e spontanee, prediligendo piante arboree e arbustive, determinando possibili gravi conseguenze su tutte le piante da frutto, vite, ortaggi, leguminose, cereali e numerose piante ornamentali. I danni, dovuti alle punture di suzione sui tessuti vegetali, vanno dallo sviluppo stentato delle piante, alla cascola precoce dei frutti, a deformazioni e colorazioni anomale che rendono la frutta non commerciabile.

A partire dal 2013 presso l’UNIMORE  Lara Maistrello, entomologa del Dipartimento di Scienze della Vita, ha avviato un’indagine sulla biologia e la diffusione di H. halys, in collaborazione con il Servizio Fitosanitario della Regione Emilia-Romagna e, grazie alle segnalazioni volontarie di studenti, cittadini e naturalisti è stato possibile mappare la sua presenza in Emilia, nell’area compresa tra Reggio Emilia, Sassuolo, Bologna, Nonantola, Carpi, in Lombardia (tra Milano, Monza, Como e Chiasso), ed un focolaio anche in Piemonte (tra Torino e Cuneo). In tutti i casi si tratta di popolazioni stabilmente insediate, in attiva espansione sul territorio anche grazie al trasporto passivo su auto, treni, camion.

Durante il 2014, in collaborazione con i Consorzi Fitosanitari di Modena e Reggio Emilia, e grazie anche alprogetto finanziato da Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, coordinato dal Roberto Guidetti e dalla Maistrello è stato possibile effettuare alcune attività che hanno consentito di ottenere importanti risultati sulla diffusione e sulla dannosità di H. halys, mentre grazie al proseguimento dell’indagine “citizen science” stanno giungendo preziose informazioni in aggiornamento continuo sulla sua distribuzione in Italia.

È emerso – ha spiegato la dott.ssa Lara Maistrelloche questa cimice ha compiuto due intere generazioni e che, durante il monitoraggio effettuato tra i frutteti della provincia di Modena nell’estate 2014, la sua presenza in campo era consistente e crescente. In alcune aziende al raccolto si sono registrati danni, in termini di frutti deformi, superiori al 40 percento sul pero, con picchi del 100 percento sul pesco in frutteti familiari non gestiti. Nei vigneti queste cimici sono state osservate a nutrirsi sui grappoli in maturazione e anche durante la vendemmia, facendo temere per possibili alterazioni sulla qualità del vino. Questi risultati, presentati a Vienna al recente Congresso IOBC sulla difesa integrata nei frutteti, che ha visto la partecipazione dei più importanti esperti a livello internazionale nel controllo dei parassiti delle piante da frutto, hanno suscitato preoccupazione persino tra i colleghi americani, da oltre 15 anni alle prese con questo fitofago, che negli USA ha provocato danni alle colture per 21 miliardi di dollari, costringendo gli agricoltori a quadruplicare gli interventi con insetticidi non selettivi, con gravi conseguenze ambientali. L’Italia è il primo paese in Europa in cui H. halys sta iniziando a causare danni consistenti alle colture, e questo accade a brevissimo tempo dalla sua comparsa (negli USA i primi danni si riscontravano dopo 4-6 anni) e potrebbe sussistere il rischio di una eventuale terza generazione in condizioni climatiche favorevoli, come il caldo-umido che normalmente caratterizza le estati in Pianura Padana“.

Attualmente il controllo di questo fitofago non è regolamentato, pertanto, dato l’elevato potenziale invasivo e la minaccia concreta per tutte le coltivazioni, presso il Servizio Fitosanitario Regionale sono in fase di elaborazione appropriate strategie di intervento per limitare i danni sulle colture sensibili, in particolare frutteti e ortaggi. Presso UNIMORE intanto proseguono le ricerche, che hanno già portato all’identificazione di alcuni antagonisti naturali autoctoni che potrebbero contribuire al controllo biologico della cimice e mirano ad elaborare strumenti innovativi per il monitoraggio e la difesa sostenibile, che verranno attuate anche in collaborazione con i colleghi americani ed europei. Questo insetto si sta diffondendo assai rapidamente, con nuove segnalazioni in Friuli (Udine), in Veneto (Treviso) e ai confini tra Marche e Abruzzo ed è, quindi, di fondamentale importanza seguire la diffusione di questa specie nel territorio regionale e nazionale ricorrendo alla collaborazione da parte di cittadini e/o agricoltori perché – in caso di rinvenimento di cimici “sospette” – si segnalino (anche tramite foto macro) e, possibilmente, si consegnino gli insetti catturati, indicando il luogo, la data, ed il numero di individui”.

Per ulteriori informazioni e/o segnalazioni contattare:lara.maistrello@unimore.it oppure mbariselli@regione.emilia-romagna.it

Clicca sull’ALLEGATO per avere maggiori informazioni sui comportamenti da adottare in presenza della cimice asiatica.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    Due chiacchiere surreali con la band indie rock in corsa per le selezioni del popolare reality show[...]