Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Più voucher, meno dipendenti: Cgil fotografa il lavoro che invecchia. Soprattutto nella Bassa

Una provincia che invecchia e che porta con sé l’invecchiamento del mercato del lavoro, una Bassa che perde residenti, un biomedicale che brilla al cospetto di altri settori ancora in crisi, un mercato del lavoro che vede crescere sì l’occupazione, ma solo grazie alla massima flessibilità in una provincia che è la prima per l’utilizzo dei voucher: sono questo, in estrema sintesi, alcuni dei dati dell’Osservatorio Economia e Lavoro in provincia di Modena, indagine a cura di Ires Cgil, presentata stamattina insieme alla tavola rotonda “Persistenti difficoltà e segnali di ripresa: quale via per lo sviluppo e la crescita?” con esponenti di istituzioni, associazioni economiche e università.

IL REPORT

Nonostante nel 2015 si riaffaccino andamenti positivi di fatturato industriale, di andamento del settore commerciale e di produzione edilizia, le nubi che sovrastano l’economia del territorio modenese non sono ancora sparite.
Da un lato il territorio ha visto incrementare la propria popolazione nel 2015 dopo tre anni di contrazione, ma il livello raggiunto è ancora inferiore a quello precedente al 2012. In particolare poi, le aree colpite dal sisma, i distretti di Mirandola e Carpi, continuano a perdere residenti. I distretti in cui si registrano significativi incrementi di popolazione sono quelli della città e di Vignola, mentre la montagna, Castelfranco e Sassuolo si mantengono in sostanziale stabilità sui livelli raggiunti nel 2013.
Questa dinamica produce un invecchiamento della popolazione e un incremento dei livelli di dipendenza strutturale, che generano sempre maggiori esigenze di servizi sociali a sostegno della popolazione residente. Il ritorno graduale degli stranieri originari dell’Europa orientale, in prevalenza di sesso femminile, contribuisce a rimpolpare il sistema dell’assistenza domiciliare presso le famiglie nell’ambito del modello consolidato del welfare diffuso, che negli ultimi due anni aveva subito un indebolimento per effetto di una forte migrazione delle persone di origine polacca e ucraina verso altre aree del continente.
La crescita delle forme contrattuali più flessibili messe a disposizione dalla nuova normativa sul mercato del lavoro presenta una particolare incidenza nel settore dei servizi socio-assistenziali e sanitari e testimonia l’uso opportunistico di utilizzo dei voucher per regolare il rapporto di lavoro domestico e di assistenza familiare.
Il secondo aspetto rilevante di questa dinamica è l’invecchiamento costante del mercato del lavoro locale. Nonostante sia inferiore alla media regionale, il trend di invecchiamento dei lavoratori è particolarmente accentuato tanto che anche nel 2015 le classi di età comprese fra i 20 e i 35 anni hanno subito un decremento medio del 4%, andando ad intensificare un fenomeno che dal 2001 ha visto ridursi i lavoratori giovani presenti sul mercato del lavoro locale di circa il 27%.

Produttività e competitività sono il nodo dei prossimi anni

Gli effetti di questi fenomeni si riverberano sulla capacità competitiva del sistema economico locale e sono di due tipi. La produttività dei fattori è molto bassa in diversi settori dell’economia. A differenza di quanto succede in altri ambiti economici della regione la produttività dei fattori è superiore a quella regionale nel settore manifatturiero, mentre è significativamente inferiore negli altri settori in particolare in quello delle costruzioni e del terziario. Fra il 2010 e il 2015 il tasso di crescita della produttività ha fatto segnare un decremento del -22,1% nelle costruzioni (contro un -3,3% a livello regionale) e una contrazione di circa il -2,7% nel terziario (contro il -2,2% in regione).
Le stime per il 2015 sono leggermente migliori del trend del periodo precedente, tuttavia la dinamica della produttività non si consolida su livelli stabili di crescita.

lavoro_dati_cgil_1La crescita delle esportazioni guadagna di più dagli effetti della svalutazione dell’euro che dalla forza competitiva sui mercati. Gli effetti sui mercati internazionali tendono a confermare le tendenze legate alle difficoltà nelle performance di competitività. La crescita delle esportazioni che nel 2014 aveva sopravanzato le performance medie regionali, nel 2015 con un +3,5% è risultata inferiore a quella regionale (+4,4%).
Le buone performance del settore degli autoveicoli e della ceramica sono state controbilanciate dalle difficoltà sui mercati internazionali dei prodotti dell’abbigliamento, dalla stasi delle vendite dei prodotti dell’industria meccanica e dall’andamento contraddittorio del settore chimico-farmaceutico e della plastica dove brilla solo l’aggregato dei prodotti biomedicali.
Il dato di riferimento più significativo, tuttavia, è che i mercati su cui sono confluiti i prodotti di esportazione sono stati in Europa quelli esterni all’area dell’euro, dove la crescita delle esportazioni è stata del 5,3%, e fuori dall’Europa i paesi dell’America settentrionale, dove la crescita del 9,9% ha fatto premio sulla rivalutazione del dollaro. Al contrario la performance nelle aree in cui è maggiore la competizione, come l’area euro e l’estremo oriente, è stata inferiore alla media complessiva.

lavoro_dati_cgil_2Si tratta di risultati complessivi e strutturali che non permettono di trarre conclusioni favorevoli alla ripresa economica, tanto che anche nel 2015 il trend delle imprese attive è ancora negativo sia per quanto riguarda le imprese artigiane (-1,9%), sia per quanto riguarda le imprese totali (-0,3%).

La ripresa occupazionale sconta la ricerca della massima flessibilità

In chiave occupazionale queste tendenze evidenziano che il trend complessivo del ricorso alla cassa integrazione è in riduzione, anche se con forti oscillazioni e una significativa stabilizzazione nel 2015 su un livello costante che si colloca attorno ai 9,8 milioni di ore complessive (5,8 milioni di ore di straordinaria, 2 milioni di ordinaria e altrettante di cassa in deroga) contro i 14,6 milioni del 2014.
In linea generale sono circa 6.000 i lavoratori equivalenti interessati da cassa integrazione, tuttavia le incertezze strutturali e anche congiunturali persistono nelle richieste di ammortizzatori sociali da parte delle imprese.
Gli occupati complessivi sono in lieve crescita (0,6%) nel 2015 rispetto al 2014, per effetto di dinamiche diversificate sia sotto il profilo settoriale, sia sotto il profilo dell’inquadramento professionale.
Dal punto di vista settoriale ad incrementi significativi di agricoltura (11%), costruzioni (+5%) e commercio (+3%), fa da contrappeso un preoccupante decremento (-2,8%) del settore manifatturiero, che in questo modo giustifica le migliori performance registrate in termini di produttività rispetto a gli altri settori dell’economia territoriale.
lavoro_dati_cgil_3Dal punto di vista dell’inquadramento professionale invece è da rilevare che la crescita dell’occupazione si caratterizza per una consistente crescita degli occupati con rapporto di lavoro non dipendente (3,7%) e di una contrazione (-0,2%) dei lavoratori dipendenti. Questo fenomeno è in controtendenza rispetto alla performance regionale, dove i lavoratori dipendenti aumentano del 1,7%, mentre i lavoratori non dipendenti diminuiscono del 3,8%.
Il mercato del lavoro di Modena si caratterizza rispetto a quello regionale per una significativa maggiore ricerca di flessibilità nelle forme contrattuali, giustificate in buona parte dalla necessità strutturale di recuperare livelli di competitività sui mercati nazionali e internazionai che consentano al sistema di riprendere quel cammino di creazione di ricchezza per la società territoriale e di traino dell’economia regionale che ne ha determinato nel tempo il successo. Al momento le condizioni complessive non sono premianti e i tentativi da fare sono ancora molti e non possono trascurare l’uso di nessuno strumento disponibile. Il dato che riguarda l’uso dei voucher come forma contrattuale all’interno del mercato del lavoro locale testimonia di questa preoccupazione di confrontarsi con l’incertezza. La provincia di Modena è quella in cui l’utilizzo dei voucher è più diffuso in regione, e la maggior parte di questi strumenti sono impiegati nei nuovi settori di applicazione, fra cui anche quelli industriali.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]