Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Alla scoperta dei diritti nel mondo del commercio elettronico

INTERNET

di Elisa Bortolazzi

Al giorno d’oggi tutti facciamo acquisti online perché è più comodo: siamo noi a decidere quando fare acquisti senza essere “vincolati” agli orari di apertura degli esercizi commerciali, il pacco ci viene recapitato direttamente dove lo desideriamo, i prezzi sono più competitivi perché si acquista direttamente dal grossista, o cogliamo le offerte del last minute.

Però alle volte, diciamoci la verità, se acquistiamo fisicamente negli esercizi commerciali controlliamo scrupolosamente la merce, la riportiamo se notiamo dei difetti (giustissimo, eh); mentre se facciamo acquisti in rete siamo molto più “permissivi” siccome non sappiamo a chi dobbiamo rivolgerci per delle lamentele, reputiamo faticoso chiamare lo spedizioniere o recarci in posta. Oppure temiamo che sia accaduto per negligenza nostra che non abbiamo letto attentamente le condizioni contrattuali oppure è lo stesso professionista che per distrazione sua ovvero approfittando della non praticità del consumatore, non fornisce tutti i dati che, invece, dovrebbe.

È giusto essere consumatori esigenti anche con il web perché anche nel mondo online vige la tutela del consumatore ed è un diritto di ogni individuo esigerla.

Analizziamo mediate un caso pratico i diritti che il consumatore può vantare e, conseguentemente, gli obblighi in capo all’esercente l’attività commerciale.

Navigando tra i vari siti web, ci balza all’occhio un articolo per colore, economicità od altro; però noi, siccome siamo consumatori consapevoli, prima di inserirlo passivamente nel carrello virtuale, vogliamo assicurarci che sia rispettata la tutela del consumatore; bastano pochi semplici click per scoprirlo.

Nel sito del fornitore deve leggersi in maniera esplicita nome e cognome di quest’ultimo, ogni contatto rapido che permetta di contattarlo direttamente e velocemente (ad esempio la mail), la ragione sociale del fornitore ( la registrazione al registro delle imprese, l’iscrizione all’albo del professionista), le caratteristiche della merce , incluso il prezzo in maniera, comprensibile a chiunque (occorre precisare che non si può pretendere “un linguaggio elementare”, in altre parole la terminologia tecnica è ammessa), i metodi di pagamento, i tempi e i modi di consegna ed il relativo importo, i codici deontologici seguiti, l’autorità giudiziaria competente a conoscere l’eventuali controversie che possono originare e la facoltà di esercitare il diritto di recesso.

Occorre soffermarci sulle ultime due clausole enunciate in precedenza: il diritto di recesso è un diritto che deve sempre ed obbligatoriamente essere concesso nei contratti conclusi telematicamente o al di fuori dei locali commerciali, ai sensi del Codice del Consumo, tale è la facoltà consente di restituire entro e non oltre 14 giorni dal ricevimento della merce o dalla prestazione del servizio, i prodotti che risultano difettosi o che non rispondono alle caratteristiche pattuite con il venditore. Vi sono però prodotti esclusi dal sopramenzionato diritto quali ad esempio: i software, gli alimenti, i prodotti realizzati su misura ed i pacchetti turistici. Tornando alla clausola di giurisdizione occorre dire che, anche in questo caso, ai sensi del Codice del Consumo, il luogo in cui si radica il processo quello in cui risiede o dimora il consumatore. Una condizione contrattuale che voglia derogare alle appena citate postille è nulla, cioè si considera come non apposta.

Gli imprenditori potrebbero dire: “Che ingiustizia, noi siamo gravati da tutti questi obblighi e invece il consumatore è super tutelato!” Tale affermazione non è per nulla condivisibile: l’utente è un soggetto debole nel senso che si trova in una condizione che se vuole la merce deve accettare il modulo standard e apersonale che gli viene fornito dal venditore, per cui alle volte, se proprio non vuole rinunciare a quel dato bene o a quello specifico servizio, è costretto ad accettarlo; ragion per cui occorre tutelarlo.

Le condizioni sopramenzionate vengono definite vessatorie, proprio perchè generano uno squilibrio tra il venditore ed il compratore. Queste clausole siccome sono ” sproporzionate” dovrebbero non essere meramente imposte al consumatore ma, al contrario, dovrebbero essere oggetto di trattativa tra quest’ultimo ed il fornitore (nella prassi accade assai di rado, un po’ perchè il produttore ne approfitta del fatto che il consumatore non sempre lo sa, un po’ poichè i traffici commerciali impongono celerità e certezza giuridica).

Come riconosciamo quando una clausola è vessatoria e quindi ci dobbiamo metter e in “allarme”? Se il regolamento è cartaceo, di fianco ad ogni clausola è richiesta la firma. Se la proposta contrattuale è telematica, occorre selezionare la clausola con il metodo del “point and click” e mettere la spunta, “il flag” altrimenti non si procede con l’ordine. Perchè sono richieste queste formalità? Proprio per far comprendere al consumatore che si trova di fronte a clausole vessatorie e firmando e come se dicesse: “Accetto la condizione, nella consapevolezza che genera squilibrio”

Un consumatore bravo e attento, deve leggere attentamente le condizioni contrattuali e non dire “Mi serve per cui mi adeguo”. No, assolutamente: se una clausola non va occorre segnarla al produttore, se non si ottengono i risultati sperati si intenta la controversia dinanzi all’autorità giudiziaria. Allo stesso modo occorre che il professionista sia in buona fede nei confronti del professionista e che lo agevoli nel compimento delle operazioni sul proprio sito mediante, ad esempio: il riepilogo d’ordine con la possibilità di eliminare i prodotti prima di procedere con l’inoltro, se opera in più stati predisporre il regolamento contrattuale anche in, almeno un’altra lingua diffusa, oltre a quella madre del venditore.

Ricordiamoci che è vero che il commercio è un gigante che travolge l’essere umano per la velocità e la tecnologia con cui viaggia, ma è pur vero che non deve assolutamente renderlo schiavo passivo, condizionandone ogni suo gesto; anzi tutto il contrario, l’ideale sarebbe che la negoziazione e le persone vivessero le proprie relazioni intrecciate si, ma pur sempre nel rispetto dei diritti e doveri reciproci.

*Elisa Bortolazzi, sanfelicana, è laureanda in Giurisprudenza

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
Allianz Risk Barometer 2020: la minaccia informatica il principale rischio per le aziende
Il 9° sondaggio annuale di Allianz Global Corporate & Specialty (AGCS) sui principali rischi aziendali evidenzia come i rischi informatici siano diventati più pericolosi e costosi per le aziende e spesso si traducono in cause legali e contenziosileggi tutto
Ecco le novità della legge di Bilancio 2020
Tra le nuove misure, c'è il bonus facciateleggi tutto
Consigli di salute
Piorrea o parodontite: cause, sintomi e rimedi
Se non adeguatamente trattata, porta alla progressiva perdita dei denti a causa del riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti.leggi tutto
Glocal
La mafia non può rubarci il futuro
"La mafia è una montagna di merda” scriveva Giuseppe Impastato, meglio conosciuto come Peppino, poco prima di essere assassinato per le sue intense e forti posizioni contro la mafia.leggi tutto
Consigli di salute
La Salute viaggia sul Web. Oltre il 75% degli Italiani s'informano su Google e sui Social
Le persone sono più autonome nella ricerca attiva di informazioni legate al benessere e alla saluteleggi tutto
Glocal
La responsabilità sociale fa bene ai conti aziendali
Il 74% degli italiani privilegia marchi aziendali che portano avanti azioni di valorizzazione delle diversità.leggi tutto
Glocal
L'economia del turpiloquio
Viviamo in una società dove il turpiloquio viene fin troppo (ab)usato come strumento per umiliare, opprimere e calpestare il prossimo, e che ha assunto un ruolo preponderante nella comunicazione tra gli individui.leggi tutto
Glocal
LA PAROLA AI MANAGER: l'Innovation Manager
Da alcuni giorni è stato pubblicato l’elenco dei consulenti dell’Albo del Mise per gli “Innovation Manager”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchCome mandare via le cimici da casa, parla l'esperto
    • WatchLe sfogline trap di Mirandola
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Super pescata invernale a Bomporto per il Modena Catfish
    Davide Poluzzi e Simone Solieri hanno sfidato pioggia e vento[...]
    Soliera, il Pane e le Rose festeggia il suo sesto compleanno
    Soliera, il Pane e le Rose festeggia il suo sesto compleanno
    Un Social Market attivo da sei anni, tra grandi traguardi e sfide future[...]
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Sette sindaci per Medolla, tutti in una foto
    Da Bruschi (1981) a Calciolari, tutti sotto al Gonfalone[...]
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Osservatorio Geofisico di Unimore, visite guidate per la fiera di Sant'Antonio
    Venerdì 17 gennaio dal mattino al pomeriggio sarà possibile salire sulla torre di Levante di Palazzo Ducale a Modena[...]
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Rimane incastrata in una canna fumaria, piccola civetta salvata dai pompieri a Soliera
    Provava a uscire dal solo ma non ce la faceva, e le ali sbattevano facendo diversi rumori che hanno insospettito i residenti.[...]
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    L'avvocata di Mirandola Elisabetta Aldrovandi tra le 100 donne più influenti per la rivista F
    Il settimanale ha premiato le donne che combattono in prima linee per avere un mondo migliore [...]
    Medaglia d'onore per il papà di Vasco Rossi
    Medaglia d'onore per il papà di Vasco Rossi
    Giovanni Carlo Rossi venne internato nei lager nazisti durante la Seconda guerra mondiale.[...]
    Scoperto nella cannabis un fitocannabinoide più psicotropo del THC: il THCP
    Scoperto nella cannabis un fitocannabinoide più psicotropo del THC: il THCP
    Lo studio è del gruppo di ricerca del Dipartimento di Scienze della Vita di Unversità di Modena e Reggio Emilia[...]
    Davide Gaddi e la stella cadente di Capodanno, che storia!
    Davide Gaddi e la stella cadente di Capodanno, che storia!
    A pensarci bene, a trovare i frammenti della stella cadente per puro caso non poteva che essere lui, che è una persona speciale, fuori dal comune. [...]