Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Alla scoperta dei diritti nel mondo del commercio elettronico

INTERNET

di Elisa Bortolazzi

Al giorno d’oggi tutti facciamo acquisti online perché è più comodo: siamo noi a decidere quando fare acquisti senza essere “vincolati” agli orari di apertura degli esercizi commerciali, il pacco ci viene recapitato direttamente dove lo desideriamo, i prezzi sono più competitivi perché si acquista direttamente dal grossista, o cogliamo le offerte del last minute.

Però alle volte, diciamoci la verità, se acquistiamo fisicamente negli esercizi commerciali controlliamo scrupolosamente la merce, la riportiamo se notiamo dei difetti (giustissimo, eh); mentre se facciamo acquisti in rete siamo molto più “permissivi” siccome non sappiamo a chi dobbiamo rivolgerci per delle lamentele, reputiamo faticoso chiamare lo spedizioniere o recarci in posta. Oppure temiamo che sia accaduto per negligenza nostra che non abbiamo letto attentamente le condizioni contrattuali oppure è lo stesso professionista che per distrazione sua ovvero approfittando della non praticità del consumatore, non fornisce tutti i dati che, invece, dovrebbe.

È giusto essere consumatori esigenti anche con il web perché anche nel mondo online vige la tutela del consumatore ed è un diritto di ogni individuo esigerla.

Analizziamo mediate un caso pratico i diritti che il consumatore può vantare e, conseguentemente, gli obblighi in capo all’esercente l’attività commerciale.

Navigando tra i vari siti web, ci balza all’occhio un articolo per colore, economicità od altro; però noi, siccome siamo consumatori consapevoli, prima di inserirlo passivamente nel carrello virtuale, vogliamo assicurarci che sia rispettata la tutela del consumatore; bastano pochi semplici click per scoprirlo.

Nel sito del fornitore deve leggersi in maniera esplicita nome e cognome di quest’ultimo, ogni contatto rapido che permetta di contattarlo direttamente e velocemente (ad esempio la mail), la ragione sociale del fornitore ( la registrazione al registro delle imprese, l’iscrizione all’albo del professionista), le caratteristiche della merce , incluso il prezzo in maniera, comprensibile a chiunque (occorre precisare che non si può pretendere “un linguaggio elementare”, in altre parole la terminologia tecnica è ammessa), i metodi di pagamento, i tempi e i modi di consegna ed il relativo importo, i codici deontologici seguiti, l’autorità giudiziaria competente a conoscere l’eventuali controversie che possono originare e la facoltà di esercitare il diritto di recesso.

Occorre soffermarci sulle ultime due clausole enunciate in precedenza: il diritto di recesso è un diritto che deve sempre ed obbligatoriamente essere concesso nei contratti conclusi telematicamente o al di fuori dei locali commerciali, ai sensi del Codice del Consumo, tale è la facoltà consente di restituire entro e non oltre 14 giorni dal ricevimento della merce o dalla prestazione del servizio, i prodotti che risultano difettosi o che non rispondono alle caratteristiche pattuite con il venditore. Vi sono però prodotti esclusi dal sopramenzionato diritto quali ad esempio: i software, gli alimenti, i prodotti realizzati su misura ed i pacchetti turistici. Tornando alla clausola di giurisdizione occorre dire che, anche in questo caso, ai sensi del Codice del Consumo, il luogo in cui si radica il processo quello in cui risiede o dimora il consumatore. Una condizione contrattuale che voglia derogare alle appena citate postille è nulla, cioè si considera come non apposta.

Gli imprenditori potrebbero dire: “Che ingiustizia, noi siamo gravati da tutti questi obblighi e invece il consumatore è super tutelato!” Tale affermazione non è per nulla condivisibile: l’utente è un soggetto debole nel senso che si trova in una condizione che se vuole la merce deve accettare il modulo standard e apersonale che gli viene fornito dal venditore, per cui alle volte, se proprio non vuole rinunciare a quel dato bene o a quello specifico servizio, è costretto ad accettarlo; ragion per cui occorre tutelarlo.

Le condizioni sopramenzionate vengono definite vessatorie, proprio perchè generano uno squilibrio tra il venditore ed il compratore. Queste clausole siccome sono ” sproporzionate” dovrebbero non essere meramente imposte al consumatore ma, al contrario, dovrebbero essere oggetto di trattativa tra quest’ultimo ed il fornitore (nella prassi accade assai di rado, un po’ perchè il produttore ne approfitta del fatto che il consumatore non sempre lo sa, un po’ poichè i traffici commerciali impongono celerità e certezza giuridica).

Come riconosciamo quando una clausola è vessatoria e quindi ci dobbiamo metter e in “allarme”? Se il regolamento è cartaceo, di fianco ad ogni clausola è richiesta la firma. Se la proposta contrattuale è telematica, occorre selezionare la clausola con il metodo del “point and click” e mettere la spunta, “il flag” altrimenti non si procede con l’ordine. Perchè sono richieste queste formalità? Proprio per far comprendere al consumatore che si trova di fronte a clausole vessatorie e firmando e come se dicesse: “Accetto la condizione, nella consapevolezza che genera squilibrio”

Un consumatore bravo e attento, deve leggere attentamente le condizioni contrattuali e non dire “Mi serve per cui mi adeguo”. No, assolutamente: se una clausola non va occorre segnarla al produttore, se non si ottengono i risultati sperati si intenta la controversia dinanzi all’autorità giudiziaria. Allo stesso modo occorre che il professionista sia in buona fede nei confronti del professionista e che lo agevoli nel compimento delle operazioni sul proprio sito mediante, ad esempio: il riepilogo d’ordine con la possibilità di eliminare i prodotti prima di procedere con l’inoltro, se opera in più stati predisporre il regolamento contrattuale anche in, almeno un’altra lingua diffusa, oltre a quella madre del venditore.

Ricordiamoci che è vero che il commercio è un gigante che travolge l’essere umano per la velocità e la tecnologia con cui viaggia, ma è pur vero che non deve assolutamente renderlo schiavo passivo, condizionandone ogni suo gesto; anzi tutto il contrario, l’ideale sarebbe che la negoziazione e le persone vivessero le proprie relazioni intrecciate si, ma pur sempre nel rispetto dei diritti e doveri reciproci.

*Elisa Bortolazzi, sanfelicana, è laureanda in Giurisprudenza

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto
Consigli di salute
Alito pesante, le cause
La visita dello specialista potrebbe rilevare una carie o un ascesso dentale su cui potrà intervenireleggi tutto
Consigli di salute
L'igiene orale ai tempi del coronavirus
La pulizia dei denti per i bambini segue un metodo diverso rispetto al quello indicato per gli adulti.leggi tutto
Consigli di salute
Le funzioni dei denti
La loro funzione primaria è quella di masticare il cibo che mangiamo. Ma c'è anche altroleggi tutto
Glocal
Emergenza Coronavirus: Piano promozione Made in Italy 2020
Presentato presso la sede del Ministero degli Affari Esteri il nuovo Piano straordinario per la promozione del Made in Italy 2020.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModenaleggi tutto
Consigli di salute
Perdita dei denti, le conseguenze
Nelle persone adulte la perdita di un dente e la sua mancata sostituzione può essere un danno più grave di quello che si pensaleggi tutto
Glocal
Gli effetti del Coronavirus sull'economia
Secondo gli analisti l’impatto economico del Coronavirus sarà di molto superiore a quello della Sars: la sindrome del 2003 ebbe un impatto sul PIL cinese di 25,3 miliardi di dollari, il coronavirus ha già superato quota 40 miliardi in pochi giorni.leggi tutto
Disabilità e lavoro, la storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara
Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si puòleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
    Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModena[...]
    Disabilità e lavoro, la storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]
    Disabilità e lavoro, intervista a Enrica Quaglio, manager risorse umane
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]

    Curiosità

    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    I messaggi verranno recapitati agli operatori e - raccolti in maniera sintetica – messi a disposizione dei cittadini[...]
    Salvataggio di un micino da parte dei Vigili del Fuoco di Mirandola
    Salvataggio di un micino da parte dei Vigili del Fuoco di Mirandola
    Dopo numerosi tentativi, gli uomini sono riusciti a convincere e a portare in salvo il micio[...]
    Coronavirus, su Fb il gruppo che abbraccia la regione Emilia-Romagna
    Coronavirus, su Fb il gruppo che abbraccia la regione Emilia-Romagna
    Il gruppo Facebook "Emilia-Romagna Responsabile" che riunisce migliaia di cittadini di tutta la regione, da Piacenza a Rimini[...]
    Costringe il cane all'ennesima passeggiatina per potere uscire, intervengono i Carabinieri
    Costringe il cane all'ennesima passeggiatina per potere uscire, intervengono i Carabinieri
    La situazione rasenta il reato di “maltrattamento di animali”[...]
    Chiamata per i bambini in linea: c'è da scrivere il "Vocabolario Illustrato della Lingua Italiana Scritta dai Ragazzi».
    Chiamata per i bambini in linea: c'è da scrivere il "Vocabolario Illustrato della Lingua Italiana Scritta dai Ragazzi».
    È un vocabolario, vero, con tantissime parole che invece di essere spiegate da eminenti professoresse e formidabili studiosi, saranno invece dai più piccoli[...]
    "Sono andato a comprare la droga", così si giustifica al controllo anti Coronavirus
    "Sono andato a comprare la droga", così si giustifica al controllo anti Coronavirus
    L'uomo, trovato in auto con dell'hashish, ha incassato tutta una serie di denunce[...]
    Emergenza Coronavirus: Prodi dà l'esempio, 'Corro in casa'
    Emergenza Coronavirus: Prodi dà l'esempio, 'Corro in casa'
    'Cerco di fare quello che mi viene chiesto, e anche di più'[...]
    Per i bambini sul web: il Pettirosso libera gli uccellini guariti in diretta Facebook
    Per i bambini sul web: il Pettirosso libera gli uccellini guariti in diretta Facebook
    Da sabato ogni due giorni racconteranno la storia di un a nimale ospite al Centro, così si potranno gli animali selvatici italiani t:asso, istrice, poiana, caprioli, e tanti altri [...]
    Fare immersioni ai tempi del Coronavirus, la sfida degli apneisti della Bassa
    Fare immersioni ai tempi del Coronavirus, la sfida degli apneisti della Bassa
    e' tutta la web la challenge che permette di non perdere la mano con le immersioni in acqua[...]