Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Io, geometra e mamma, non trovo più lavoro”

QUESTO E’ IL MIO SPAZIO, QUESTO E’ IL TUO SPAZIO *

di Stefania Costi

Buongiorno Dottoressa,

mi chiamo Elisabetta, ho 35 anni e sono molto arrabbiata. Le scrivo non perchè penso che questa mia protesta scritta possa in qualche modo cambiare lo stato delle cose, ma unicamente perchè ho bisogno di buttare fuori tutta l’acredine che sto covando, da qualche tempo a questa parte. Il nome della rubrica invita e io ho deciso di farlo. Ho un diploma da geometra che fino a qualche anno fa mi ha dato da vivere. Certo, non nel lusso e nell’agiatezza, tuttavia, nonostante il mio salario sia stato sempre lievemente inferiore a quello dei miei colleghi maschietti, mi sono permessa di comprare casa con il mio compagno e, udite udite, persino di mettere “in cantiere” Mattia, che adesso ha sei anni. Voglio trascurare il ruolo, nella mia protesta, giocato dall’azienda che si è tempestivamente liberata di me (collaboratrice a progetto) non appena ha appreso la notizia del mio stato di gravidanza: perchè mi considero una persona razionale ed estremamente pratica, perciò comprendo bene come una collaboratrice che stia diventando mamma sia un onere importante che non tutte le realtà possono sostenere. Ma le successive realtà con le quali sono entrata in contatto dopo la nascita di Mattia mi hanno ulteriormente disillusa, rispetto al ruolo che una donna può sperare di ricoprire all’interno di una azienda. Passano otto mesi dalla nascita di Mattia, e io, dotata di buona volontà, di una discreta esperienza alle spalle e di un pacco di curriculum alto così, mi cimento nella ardua impresa di trovare di nuovo lavoro. Niente da fare. Da quel momento per tutto il successivo anno, la domanda che mi sento ripetere, a denti stretti, con non chalance o addirittura con esplicita allusione, è… ma lei ha figli? Inutile spiegare che intendo appoggiarmi ad una baby sitter e al nido non appena possibile, inutile sostenere la mia motivazione al lavoro, non dettata solo da un bisogno economico, ma anche dalla necessità di una donna trentenne di rimontare in sella. A quella domanda, e soprattutto alla mia risposta “sì ho un figlio di otto mesi”, cala il sipario. Alcune conoscenti, e anche diverse amiche, sostengono che io mi sia rimessa in pista troppo presto, che il bimbo è piccolo e l’azienda teme assenze dal lavoro motivate dal mio essere mamma. Così mi convinco, mi convinco ad aspettare. Aspetto che il bimbo cresca, mi dedico full time al mio mestiere di mamma, fino a che, l’anno scorso Mattia inizia la scuola elementare. Questo cambia le mie giornate. Lui è a scuola quindi io, la mattina, posso dedicarmi a contattare le aziende, inviare lettere di presentazione e curriculum, rispondere agli annunci. Oggettivamente non ho più la necessità di una baby sitter o di qualcuno che mi tenga il bimbo, posso serenamente propormi, almeno così penso, per un lavoro full time. Combatto con un po’ di insicurezza, insorta in alcuni anni passati lontani dal mondo del lavoro, e armata di santa pazienza mi rimetto in giostra. Bhè, per farla breve la litania non cambia. Pare che in Italia vi sia una fondamentale incompatibilità tra maternità e lavoro. Una sorta di tacito accordo, per mettere i bastoni tra le ruote a chi, come me, avrebbe voglia di fare, di spendersi anche nel mondo del lavoro, nonostante la maternità. La domanda arriva sempre puntuale e la risposta sembra vanificare ogni possibilità di essere scelta. Possibile? Chi lo dice che non si può essere donna occupata e anche mamma? Perchè questa nostra facoltà, che oltre a essere meravigliosa è anche FONDAMENTALE PER LA VITA, diventa un ostacolo, un problema, o peggio, una discriminante, quando si parla di lavoro?

Cara Elisabetta

non starò qui a dirti che sono d’accordo con ciò che scrivi per rispetto della tua rabbia. Hai ritratto una realtà tristemente nota, e molto attuale. Non starò a fare della retorica riguardo ai diritti delle donne che vengono costantemente violati, nonostante la politica si riempia la bocca di buone intenzioni e di iniziative per sensibilizzare che, ovviamente, non hanno sortito l’effetto sperato. Faccio leva sulla tua pragmatica, sulla tua voglia di fare, di esprimerti anche sul lavoro, oltre che come mamma: non mollare. Tieni alta la tua motivazione e usa questa rabbia per darti sempre una maggiore determinazione nel giungere ai tuoi obiettivi. Ma ti offro anche uno strumento, perchè quella razionalità di cui parli possa avvantaggiarsene. Esiste un gruppo gratuito formato da donne che si incontrano una volta al mese, a Mirandola, che lavora proprio sulla propria identità lavorativa. Sulla promozione di sé, sull’ampliamento delle proprie soft skill per diventare sempre più appetibili per un mercato del lavoro ostico, e che progetta attraverso il confronto e la rete, nuovi modi di cercare e creare lavoro. Se vuoi chiamarmi ti spiegherò meglio di che si tratta. In questa lotta cammini al fianco di molte donne e la tua rabbia è fatta di molte voci. Non posso garantirti che le cose cambieranno, ma cambierai tu, diventando sempre più brava nel perseguire i tuoi obiettivi. Io tifo per te.

 * “Questo è il mio spazio, questo è il tuo spazio” è una citazione del film Dirty Dancing usata nelle sedute di coaching emozionale per far capire l’ambito su cui si lavora. Se ne parlerà martedì 27 settembre, a partire dalle ore 20.30, nel gruppo Donne per le donne, patrocinato dal Comune di Camposanto, condotto dalla counselor Silvia Costi che cura questa rubrica. Il gruppo di crescita si pone come spazio di condivisione e confronto, per donne ma non solo, dove si sviluppano temi legati alla crescita personale e al benessere. Gli incontri si svolgono ogni ultimo martedì del mese, presso la Sala civica Donatori di Sangue, in via Marconi 35. Info: 389 99 51 808.
Potete scriverle mandando una mail a redazione@sulpanaro.net

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto
Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Attenzione a cliccare ripetutamente la conferma del pagamento on line, potresti acquistare 28 Tesla per sbaglio
    Attenzione a cliccare ripetutamente la conferma del pagamento on line, potresti acquistare 28 Tesla per sbaglio
    E’ accaduto in Germania. L'importo totale raggiunto dall'ordinazione dell'uomo è stato di 1,4 milioni di euro[...]
    A Gavello i volontari fanno belle le aiuole spartitraffico
    A Gavello i volontari fanno belle le aiuole spartitraffico
    Nella frazione di Mirandola sono i cittadini che si occupano delle aiuole in strada, con risultati davvero a livello professionale.[...]
    San Zenone e Finale Emilia, la storia del Santo che si festeggia il 9 luglio
    San Zenone e Finale Emilia, la storia del Santo che si festeggia il 9 luglio
    Dei diversi santi che portano lo stesso nome, il nostro è il tribuno romano martirizzato a Roma sotto Diocleziano[...]
    Per il lockdown in Emilia la cultura ha un profondo rosso di 45 milioni di euro
    Per il lockdown in Emilia la cultura ha un profondo rosso di 45 milioni di euro
    Annullati 3.198 spettacoli di prosa, circo, performance, 26 festival e rassegne di spettacolo dal vivo, 910 appuntamenti musicali, 2.045 eventi in biblioteche e archivi[...]
    Policlinico di Modena, una gravissima presentazione clinica di tumore del sangue si cura senza trasfusioni
    Policlinico di Modena, una gravissima presentazione clinica di tumore del sangue si cura senza trasfusioni
    La medicina “bloodless” (ovvero “senza sangue”) è sempre più diffusa. E può salvare la vita anche a chi è malato di leucemia[...]
    "Non abbattete le scuole di Finale". La protesta corre sul web con le foto dei vecchi alunni
    "Non abbattete le scuole di Finale". La protesta corre sul web con le foto dei vecchi alunni
    Ruspe sullo storico stabile dell’ingegnere finalese Umberto Pincelli per farci un parcheggio: è il progetto del Comune[...]
    Addio all'architetto Tiziano Lugli, progettò la sede del Comune di Bastiglia
    Addio all'architetto Tiziano Lugli, progettò la sede del Comune di Bastiglia
    Fu opera giovanile del noto urbanista modenese, ispirata a Ville Savoye di Le Corbusier[...]
    Ritrovamento hot durante la pulizia degli argini a Finale. Tra i rifiuti spunta una bambola gonfiabile
    Ritrovamento hot durante la pulizia degli argini a Finale. Tra i rifiuti spunta una bambola gonfiabile
    E' stata tanta la sorpesa -mista anche a un bel po' di schifo - dei volontari  di Mani pulite che l'altro giorno stavano raccogliendo i rifiuti lasciati in giro per il paese dai maleducati.[...]