Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

La Bassa si fa bella per le Giornate Fai di primavera

Il fiume Panaro e le valli mirandolesi sono protagonisti, sabato 25 e domenica 26 marzo, delle Giornate FAI di Primavera, giunte quest’anno alla venticinquesima edizione. Come di consueto la Delegazione FAI di Modena ha allestito un ricco programma di aperture per (ri)scoprire alcuni dei gioielli della nostra meravigliosa provincia.
In particolare nelle due giornate sarà possibile visitare l’itinerario della Riviera del Panaro, eccezionalmente in un breve tratto anche in barca su prenotazione, V Centro Allevamento Quadrupedi che fu del Ministero della Guerra e Palazzo di Portovecchio a San Martino Spino e, solamente il sabato, il Castello di Montegibbio e Villa Barbolini Cionini.

La Delegazione FAI di Modena, il Gruppo FAI Bassa Modenese ed il Gruppo FAI Giovani invitano ad abbandonare per una volta la nostra città e ad intraprendere un viaggio nello spazio e nel tempo per conoscere storie e luoghi più o meno dimenticati e vivere esperienze indimenticabili, come un piccolo percorso sul fiume Panaro. Aperture esclusive ed imperdibili, non essendo normalmente accessibili al pubblico, anche l’ex V Centro Allevamento Quadrupedi a San Martino Spino, per gentile concessione dello Stato Maggiore dell’Esercito e di Villa Barbolini Cionini, di proprietà privata, a Montegibbio. Ad accogliere ed accompagnare i visitatori, nelle vesti di Apprendisti Ciceroni, ci penseranno oltre 250 studenti di istituti superiori del territorio. «La ricorrenza della XXV edizione delle Giornate FAI di Primavera è per noi molto importante», ha sottolineato nel corso della conferenza stampa di stamattina Vittorio Cavani, Capo Delegazione del FAI di Modena. «Grazie all’aiuto di un vero e proprio esercito di volontari e studenti, sabato e domenica condurremo i visitatori in un grand tour della nostra bellissima e spesso sottovalutata provincia, dalla collina di Sassuolo fino alle valli mirandolesi».

Ringraziamenti per il supporto locale: AIPO, Associazione Amici dell’Organo Johann Sebastian Bach, Emilia Romagna Teatro Fondazione, Gruppo Giovani Imprenditori Confindustria Modena, Lions Club di Pavullo e del Frignano, Provincia di Modena, Croce Blu di Mirandola- Sezione di San Martino Spino, Stato Maggiore Esercito V Reparto Affari Generali, Baschieri Costruzioni s.r.l., Boschiva F.lli Valentini s.r.l. Hanno inoltre collaborato: Associazione Remiera Euganea, Circolo Boschetti Alberti, Associazione Sagra del Cocomero, CEA La Raganella, Circolo Politeama, A.S.D. Sanmartinese, SPS.Sammartinese, Gruppo Arte San Martino Spino, Parrocchia di San Pietro Apostolo, Gruppo Comunale Protezione Civile Bomporto.

Un ringraziamento particolare alle Famiglie Cavicchioli, Barbolini Cionini, Federzoni e Zanasi. *** Il 25 e 26 marzo il FAI, in occasione delle Giornate FAI di Primavera, invita tutti in 400 località d’Italia dove, grazie all’impegno di 7.500 volontari e 35.000 Apprendisti Ciceroni, saranno aperti oltre 1.000 siti: chiese, ville, giardini, aree archeologiche, avamposti militari, interi borghi. Si tratta di tesori di arte e natura spesso sconosciuti, inaccessibili ed eccezionalmente visitabili in questo weekend con un contributo facoltativo.

Per l’elenco completo delle 1000 aperture dal 14 marzo sarà possibile consultare il sito www.giornatefai.it o telefonare al numero 02 467615366. Le versioni i-Os e Android dell’APP FAI saranno scaricabili gratuitamente dagli store di Apple e Google. Facile e intuitiva, l’app geolocalizzata riconoscerà la posizione dell’utente e indicherà la mappa dei luoghi più vicini da visitare. Invitiamo tutti a diffondere in rete la notizia di questo evento utilizzando gli hashtag #giornatefai e #faicambiarelitalia.

BOMPORTO, MONTEGIBBIO E SAN MARTINO SPINO UN AFFASCINANTE VIAGGIO TRA I TESORI NASCOSTI DELLA NOSTRA PROVINCIA

Sabato 25 e domenica 26 marzo i luoghi nella provincia di Modena eccezionalmente visitabili grazie al FAI saranno il Castello di Montegibbio e la Villa Barbolini-Cionini, l’area del V Centro Allevamento Quadrupedi del Ministero della Guerra con il Palazzo di Portovecchio a San Martino Spino e un itinerario che va dal Sostegno di Bomporto alle ville della Riviera del Panaro, tra Gorghetto e Solara, per un indimenticabile percorso alla scoperta della storia e del paesaggio della nostra provincia.

Si svolgerà sabato 25 e domenica 26 marzo 2016 la XXV edizione delle Giornate FAI di Primavera, il tradizionale appuntamento che il FAI – Fondo Ambiente Italiano – organizza ogni anno per sensibilizzare i cittadini sui temi della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale nazionale. Per l’occasione la Delegazione FAI di Modena propone tre iniziative, che permetteranno a tutti di visitare luoghi normalmente inaccessibili o poco conosciuti della nostra Provincia. Si tratta del Castello di Montegibbio e della prospiciente Villa Barbolini Cionini, il V Centro Allevamento Quadrupedi del Ministero della Guerra con il Palazzo di Portovecchio a San Martino Spino e la cosiddetta Riviera del Panaro, un itinerario che, seguendo, il corso del fiume si snoda tra lo splendido Sostegno settecentesco di Bomporto, le celebri ville sulla sponda sinistra del fiume, per giungere al “borgo fluviale” di Solara. Quest’ultimo percorso, a cura del Gruppo FAI Giovani, intende riscoprire una via d’acqua che per quasi un millennio ha collegato la città di Modena al Po e quindi a Venezia, influendo sostanzialmente sullo sviluppo urbanistico, architettonico e paesaggistico del territorio circostante.

Territorio che dal XVII secolo è stato meta privilegiata di villeggiatura delle più abbienti famiglie modenesi, di cui rimane testimonianza nelle splendide residenze, gravemente danneggiate dal sisma del 2012, di cui sarà possibile visitare le pertinenze esterne come nel caso di Villa Cavazza, Villa Cavicchioli e Villa Bruini-Federzoni, per gentile concessione delle famiglie. Oltre a ciò per la prima volta, dopo quasi cento anni, sarà possibile percorrere il tratto di fiume compreso tra la confluenza del Naviglio nel Panaro e Villa Cavazza, grazie al supporto organizzativo dell’Associazione Remiera Euganea, di AIPO e del Comune di Bomporto. Venerdì 24 marzo cena-spettacolo d’inaugurazione in collaborazione con ERT Fondazione nell’ambito del progetto “Un bel dì saremo”, presso il Circolo ARCI “Laghi Elena” di Bomporto.

Al tema della villeggiatura si collega anche l’apertura del Castello di Montegibbio, meraviglioso fortilizio che sorge sui primi rilievi collinari a sud di Sassuolo, contraddistinti da presenze archeologiche di età romana e da fenomeni naturali, come salse ed affioramenti di idrocarburi. Se le prime fortificazioni del Mons Gibus (monte gibboso) risalgono all’inizio del X secolo, è all’epoca di Matilde di Canossa che questo luogo viene inserito nella triplice cerchia di fortificazioni ubicate nelle colline modenesi e reggiane a difesa dei territori e dei suoi collegamenti. Dopo distruzioni provocate da terremoti, da abbandoni, da passaggi di proprietà il castello ebbe un’importante fase ricostruttiva voluta dalla famiglia Borsari. Non lontano dal castello, sorgono su altri poggi nuclei di case isolate. Tra questi spicca la Rocchetta Cionini, residenza di villeggiatura volutamente ispirata al castello di Montegibbio di cui definisce il panorama di ponente. Fu voluta dall’ing. Attilio, ma soprattutto da Natale Cionini nel 1891 che provvide a farla decorare in stile eclettico ed impiantarvi un fastoso parco. La villa è aperta in esclusiva in occasione delle Giornate FAI di Primavera per gentile concessione della famiglia. Sabato alle ore 17.30 presso la Chiesa del Castello dedicata a San Pietro Apostolo concerto offerto dall’Associazione Amici dell’organo Johann Sebastian Bach. All’harmonium Stefano Manfredini, soprano Alice Molinari. L’apertura è stata resa possibile grazie alla collaborazione del Comune di Sassuolo, del Circolo Boschetti Alberti, la principale associazione di promozione sociale e aggregazione dei cittadini di Montegibbio e della Parrocchia di San Pietro Apostolo. A San Martino Spino, infine, sarà possibile vedere in via del tutto eccezionale il Palazzo di Portovecchio, per la prima volta visitabile al pubblico solo all’esterno, per gentile autorizzazione dello Stato Maggiore dell’Esercito. Sarà una passeggiata a piedi o in bicicletta in un ambiente naturale e in secoli di storia di allevamento di cavalli, fino a raggiungere il Palazzo di Portovecchio, le cui origini vengono fatte risalire al XIV secolo come possesso dei Pico. Il sito, ora zona militare, dal 1883 al 1954 ha ospitato il fulcro del Comando Militare del V Centro Allevamento Quadrupedi, istituito dal Ministero della Guerra , con l’obiettivo di avere un rifornimento di cavalli opportunamente selezionati e corretti negli appiombi e di muli con caratteristiche confacenti alle esigenze militari, in continuità con la secolare tradizione locale dell’allevamento di cavalli di razza allo stato semibrado, grazie alle caratteristiche morfologiche del territorio, dove selve, valli e corsi d’acqua tendevano a confondersi gli uni con gli altri. Il V Centro Allevamento Quadrupedi, comprendeva un territorio di circa 670 ettari e la presenza fino a 7.000 capi con una gestione autonoma di tipo gerarchico militare, il cui comando e organizzazione erano gestite dagli ufficiali e sottoufficiali militari veterinari e amministrativi, mentre altro personale civile, circa 1.000 sanmartinesi, erano destinati alle diverse mansioni: negli uffici, butteri, carrettieri, guardie giurate, agricoltori, meccanici, muratori, fabbri, stallieri, sellai, falegnami, maniscalchi. Il Palazzo con la foresteria, il magazzino cereali, le scuderietettoie e gli edifici di servizio, straordinari manufatti edilizi unici nel loro genere rappresentano una memoria storica del luogo che merita di essere conosciuta e preservata. Domenica 26 marzo dalle ore 14 alle ore 17 CEA La Raganella presenterà: “Un territorio da scoprire. Degustazioni teatralizzate della Bassa modenese”. A conclusione delle Giornate FAI di Primavera, il 26 marzo alle ore 19, ci sarà il concerto di musica popolare del gruppo “Pneumatica Emiliano Romagnola” con prenotazione in loco. Nel corso delle due giornate, nel Teatro Politeama verranno trasmesse a ciclo continuo interviste con testimonianze storiche sul V Centro Allevamento Quadrupedi. L’apertura è stata organizzata dal Gruppo FAI Bassa Modenese con il patrocinio e la collaborazione di Comune di Mirandola, Unione Comuni Modenesi Area Nord, dello Stato Maggiore dell’Esercito e con il coinvolgimento di Sezione Sagra del Cocomero, Circolo Politeama, Asd Sanmartinese, Sps Sammartinese, Gruppo Arte San Martino Spino, Croce Blu di MirandolaSezione di San Martino Spino e il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Mirandola. A illustrare storia e segreti dei vari monumenti saranno come sempre gli Apprendisti Ciceroni, un “esercito” di guide composto da oltre 250 ragazzi provenienti da ben nove scuole della provincia: l’Istituto tecnico per geometri Guarini, il Liceo classico Muratori-San Carlo, il Liceo scientifico Tassoni, il Liceo artistico Venturi, il Liceo scientifico Wiligelmo tutte di Modena, l’Istituto d’istruzione superiore Meucci (Carpi) il Liceo scientifico Morandi (Finale Emilia), Liceo linguistico Pico (Mirandola), l’Istituto d’istruzione superiore Morante (Sassuolo). L’itinerario della Riviera del Panaro e il Palazzo di Portovecchio saranno aperti sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 17, con ingresso gratuito e contributo libero. Il Castello di Montegibbio e Villa Barbolini Cionini saranno visitabili solamente sabato 25 marzo dalle ore 10 all ore 17, con ingresso gratuito e contributo libero, con prenotazione tel. 373 7642601 delegazionefai.modena@fondoambiente.it www.faiprenotazioni.it.

Prenotazione obbligatoria nelle medesime modalità anche per la cena-spettacolo del 24 marzo presso il Circolo ARCI “Laghi Elena” di Bomporto (Piazzale dello Sport, 11/C) e per la navigazione lungo il fiume Panaro. Contributo di 5 euro per la navigazione sul fiume Panaro.

All’ingresso di ogni sito saranno allestiti banchetti informativi sull’attività del FAI, dove sarà possibile iscriversi al FAI – Fondo Ambiente Italiano o fare una piccola donazione.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]