Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Depressione, per curarla sono molto importanti le condizioni ambientali

La depressione e il contesto ambientale in cui viene curata sono il focus dello studio “Fluoxetine effects on molecular, cellular and behavioral endophenotypes of depression are driven by the living environment, condotto fra gli altri da ricercatori Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e recentemente pubblicato su Molecular Psychiatry. Per la prima volta gli studiosi, fra i quali spiccano la dott.ssa Silvia Alboni e la prof.ssa Nicoletta Brunello del Dipartimento di Scienze della Vita sono stati in grado di provare che la risposta ai farmaci antidepressivi SSRI dipende fortemente dalla qualità del contesto ambientale in cui vengono somministrati.

La prognosi di patologie depressive può variare sensibilmente a seconda del contesto ambientale in cui il trattamento farmacologico viene somministrato.

E’ questa la principale scoperta rivelata nell’articoloFluoxetine effects on molecular, cellular and behavioral endophenotypes of depression are driven by the living environment”, pubblicato recentemente sulla prestigiosa rivista scientifica Molecular Psychiatry, a firma della dott.ssa Silvia Alboni e della prof. Nicoletta Brunello, attive presso il Dipartimento di Scienze della Vita di Unimore – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, che hanno condotto le ricerche in un team internazionale fra cui spiccano Laura Maggi dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e Igor Branchi dell’Istituto Superiore di Sanità.

Il lavoro si è concentrato sull’osservazione degli effetti degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) una classe di farmaci comunemente utilizzata nel trattamento dei principali casi di depressione.

L’efficacia di tali farmaci è notoriamente e fortemente incerta e variabile. Lo studio, che ha inteso capire le ragioni di tale variabilità, ha esplorato l’ipotesi che tali inibitori non impattino sulla patologia di per sé, ma che il loro effetto vari anche a seconda dell’ambiente in cui vengono assunti.

I topi collocati in un contesto ricco di stimoli e trattati con fluoxetina, farmaco appartenente alla classe degli SSRI, hanno mostrato netti miglioramenti dal comportamento depressivo, al contrario di quelli trattati in un contesto ambientale meno favorevole, che hanno mostrato un chiaro peggioramento dei sintomi. Secondo i ricercatori, il farmaco agendo sulla plasticità del cervello crea una sorta di finestra di opportunità di cambiamento la cui direzione, ovvero il decorso della patologia, sia essa positiva o negativa, è stabilita dalla qualità dell’ambiente.

È stato osservato – hanno dichiarato la dott.ssa Silvia Alboni e la prof.ssa Nicoletta Brunello – che la fluoxetina ha importanti effetti sulla plasticità cerebrale indipendentemente dal suo effetto antidepressivo. Per dimostrare l’ipotesi che il trattamento con fluoxetina non modifica direttamente l’umore ma, tramite un aumento della plasticità cerebrale, rende l’individuo più suscettibile agli effetti dell’ambiente, abbiamo trattato topi modello di depressione esposti a stress inevitabili ed imprevedibili o ad un ambiente arricchito con stimoli cognitivi e motori. I nostri risultati dimostrano che la direzione degli effetti comportamentali, strutturali e molecolari del trattamento dipende dalla qualità dell’ambiente in cui viene somministrato il farmaco. In particolare, quando il farmaco viene somministrato in ambiente arricchito, insieme ad un miglioramento del fenotipo comportamentale si osserva un aumento del supporto neutrofico in ippocampo ed un effetto di normalizzazione della funzionalità dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Al contrario, quando il farmaco viene somministrato ad animali mantenuti in un ambiente stressante, osserviamo un ulteriore peggioramento del fenotipo comportamentale e una riduzione della neurogenesi in ippocampo. L’identificazione della qualità dell’ambiente come fattore importante nel dirigere l’effetto di un trattamento antidepressivo potrebbe rappresentare una svolta importante per l’ottimizzazione della terapia della depressione che a tutt’oggi resta una malattia altamente frequente e debilitante e per la quale, come recentemente sottolineato dall’OMS, necessitiamo di strategie terapeutiche più efficaci.”

La pubblicazione dello studio giunge infatti in un momento in cui la depressione è stata individuata dall’Oms, in occasione della Giornata mondiale della salute, come una delle emergenze sanitarie internazionali da affrontare per il suo impatto nella popolazione e per le impressionanti ricadute economiche che porta con sé.

Le osservazioni proposte dai ricercatori possono fornire una motivazione ai noti effetti variabili degli SSRI riscontrati nella pratica clinica e indirizzare strategie finalizzate al miglioramento della loro efficacia, attraverso la sorveglianza e il miglioramento delle condizioni ambientali in cui tali farmaci vengono somministrati.

Riferimenti:

Fluoxetine effects on molecular, cellular and behavioral endophenotypes of depression are driven by the living environment, Molecular Psychiatry (2017) 22.

S Alboni, R M van Dijk, S Poggini, G Milior, M Perrotta, T Drenth, N Brunello, D P Wolfer, C Limatola, I Amrein, F Cirulli, L Maggi and I Branchi

Open Access http://www.nature.com/mp/journal/v22/n4/full/mp2015142a.html

Silvia Alboni

Nata a Modena nel 1975 ha conseguito le lauree in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche cum laude nel 2000 e in Farmacia cum laude nel 2001. Si è perfezionata in metodologie di laboratorio per la ricerca sul farmaco e ha conseguito il titolo di Dottore di ricerca in Scienze del Farmaco presso Unimore. Durante il suo dottorato ha trascorso un periodo presso l’Ecole Normale Supérieure e all’Institut de Biologie Physico-Chimique a Parigi. È stata assegnista di ricerca per 11 anni presso Unimore sotto la guida della prof. Nicoletta Brunello. Nel 2007 ha passato un periodo come ricercatore allo SCRIPPS Research Institute, MIND Department, a La Jolla (CA). Nel 2009 ha ottenuto un grant internazionale dell’ECNP (European College of Neuropsychopharmacology) per ricerche condotte nel laboratorio “Stress, Psychiatry and Immunology” al King’s College di Londra. Nel 2011 ha vinto la Borsa di Studio “L’Oreal Italia per Le Donne e la Scienza” con la collaborazione dell’UNESCO. È membro di diverse società scientifiche nazionali ed internazionali. Ha partecipato ad oltre 30 congressi nazionali ed internazionali in Europa e negli Stati Uniti presentando 56 abstract (di cui 24 a primo nome) e 21 comunicazioni orali. E’ autrice di 52 pubblicazioni (HI 14, circa 600 citazioni) su riviste internazionali (di cui 20 atti dei congressi selezionati per la pubblicazione). È revisore per numerose riviste internazionali e agenzie nazionali di ricerca. È stata editore associato della rivista open-access Frontiers in Cellular Neuroscience.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]