Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Visita del Santo Padre, la Questura: “Tutti i dispositivi di sicurezza hanno funzionato alla perfezione”

Già da due mesi, ovvero appena è stata resa nota la volontà del Papa di accogliere l’invito a venire nella Bassa un imponente apparato di sicurezza ha svolto un’attività di programmazione e intelligence di monitoraggio di siti, di strutture ricettive, di private abitazioni. E’ solo uno dei tanti aspetti del lavoro che c’è stato dietro alla visita del Papa.

Oltre 300 unità tra Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza sono state impiegate nel dispositivo di ordine e sicurezza pubblica disposto dal Questore di Modena in occasione della visita del Santo Pontefice a Carpi e Mirandola.
Come spiega una nota della Questura, “sono state coinvolte unità dei Reparti Speciali della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri: tiratori scelti dislocati in modo discreto alla sommità di fabbricati sovrastanti i luoghi ove il Papa si è soffermato, artificieri – intervenuti durante la pausa pranzo in seminario ad ispezionare uno zaino abbandonato nelle immediate adiacenze – e le unità cinofile anti esplosivo che già durante la notte hanno operato sui siti dove il Santo Padre è stato presente.
Pronte all’intervento sia a Carpi che Mirandola le unità antiterrorismo della Polizia di Stato (UOPI) e corrispondenti SOS dell’Arma.
Al fine di consentire massima sicurezza su tutti gli spostamenti il dispositivo è stato integrato con un mezzo leggero del Reparto Volo della Polizia di Stato che ha monitorato dall’alto sia gli spostamenti di Papa Francesco che il flusso dei veicoli con cui i fedeli sono accorsi sui due siti, in tale fase è stato determinate il ruolo svolto dalla Polizia Stradale che per l’evento aveva predisposto, in caso di congestionamento delle autostrade, un accurato piano di viabilità con pattuglie dedicate su ogni casello.
Importante il ruolo della polizia scientifica, supportata da unità aggregate dal Gabinetto Regionale di Bologna, che ha videoripreso ogni fase ed in particolare la zona di pubblico adiacente al transito della personalità.

GUARDA ANCHE

IL PAPA A MIRANDOLA, LE FOTO
IL PASSAGGIO DEL PAPA A CAVEZZO, LE FOTO
IL PAPA A SAN GIACOMO RONCOLE
LA TENEREZZA DI UN ABBRACCIO E I SELFIE NELLA FOLLA

I dispositivi a Carpi sono iniziati a mezzanotte con la bonifica dei siti privi di fedeli o abitanti e già a partire dalle ore 04,00 le unità dislocate ai varchi principali dai quali si accedeva sulla piazza Martiri con personale del Reparto Mobile della Polizia di Stato e Battaglione Carabinieri hanno effettuato minuziosi controlli con metal detector ai quali i fedeli si sono sottoposti di buon grado.
Sui punti di interdizione alla circolazione veicolare è stato attivato, in attuazione delle vigenti misure antiterrorismo, un dispositivo costituito da unità delle Forze di polizia con giubbotto antiproiettile ed arma lunga, Polizia Municipale e vigilanza dell’organizzazione nonché allocati in sequenza sfalsata blocchi new jersey al fine di scongiurare il pericolo che veicoli in transito potessero travolgere la folla.
Analogo servizio è stato allestito per tempo a Mirandola sulla piazza antistante il Duomo.
L’Ispettorato di Pubblica Sicurezza presso il Vaticano e la Gendarmeria Vaticana hanno sottolineato il desiderio del Santo Padre di stare a contatto con la gente (non creare distanze eccessive tra le transenne ed il suo transito) e non introdurre limitazioni eccessive alla libertà di movimento.

Il cane dei carabinieri addestrato si chiama Pif

Lo sforzo sinergico di tutti gli Enti coinvolti nell’organizzazione dell’evento – sapientemente condiviso nei numerosi tavoli istituzionali tenutisi in Prefettura e Questura –ha determinato un perfetto bilanciamento tra le esigenze di sicurezza correlate all’eccezionale presenza numerica di fedeli e l’interferenza sull’ordinaria vita quotidiana di abitanti e l’attività dei pubblici esercizi.
In particolare a Carpi è stato dedicato ad orario convenuto un accesso ai titolari delle attività allocate all’interno dell’area transennata della piazza.
La Questura smentisce che mai siano stati disposti divieti di accedere ai varchi con ombrelli né di avere imposto obbligo di chiudere le finestre prospicienti i luoghi ove il Papa si sia fermato o abbia transitato.
Nel rivolgere un vivo ringraziamento al personale delle Forze di polizia di ogni ordine e grado che con il loro grande impegno e spirito di sacrificio ha consentito che la complessa manifestazione si svolgesse in perfetta sicurezza, il Questore di Modena intende rivolgere un particolare apprezzamento per l’apporto determinante delle Polizia Municipali di Carpi e Mirandola che completa un quadro d’impiego delle forze dell’ordine perfettamente integrato con gli sforzi delle due amministrazioni comunali e della colossale macchina organizzativa supportata steward professionali, centinaia di volontari e scout.
Plauso al Corpo dei Vigili del Fuoco, che ha assicurato con una presenza massiccia la sicurezza esterna e dei siti non ancora agibili, ed al servizio sanitario.
Preme sottolineare il ruolo decisivo conferito alla sicurezza della manifestazione dall’eccezionale attività di programmazione e intelligence svolta da oltre due mesi a cui non sempre viene attribuito il giusto rilievo: monitoraggio di siti, di strutture ricettive, di private abitazioni.
Oggi quando ci si approccia ai grandi eventi si usa dire che l’attività di competenza dell’Autorità di Pubblica Sicurezza è ultimata nel momento in cui iniziano i relativi servizi poiché l’attivazione dei dispositivi trova origine nella puntuale acquisizione di informazioni e nel coinvolgimento degli Enti compartecipi.
Il personale della DIGOS e dei Commissariati di Carpi e Mirandola, collaborato dalle Polizie Municipali, ha nelle settimane precedenti fisicamente identificato tutti gli abitanti degli stabili adiacenti ai siti in cui il Santo Padre si è fermato e finanche gli ospiti che nella circostanza i primi avrebbero avuto in casa, oltre ai titolari ed ai dipendenti di tutti gli esercizi ed attività commerciali che si trovavano nelle zone di permanenza del Papa.
Sono state sottoposte a controllo, anche domiciliare, le persone pregiudicate e i detentori di armi abitanti nelle due piazze di Carpi e Mirandola.
La DIGOS ha attivato le fonti informative e monitorato siti web d’area dai quali era possibile acquisire ogni utile elemento di valutazione per le conseguenti iniziative.
Nei giorni immediatamente antecedenti all’evento sono stati monitorati soggetti a carico dei quali, gli uffici centrali del Dipartimento della Pubblica Sicurezza nel contesto di una collaborazione con altri paesi, era stata richiamata l’attenzione degli uffici territoriali non escludendo contatti con soggetti pericolosi per la sicurezza nazionale”.

LEGGI ANCHE

PAPA FRANCESCO NELLA BASSA, UNA GIORNATA DI GIOIA CHE RIMARRA’ NELLA STORIA

Papa Francesco a San Giacomo Roncole (2/4/2017)

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]