Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Migranti in corteo a Modena, la protesta in centro

Dicono no all’ipotesi di riapertura del Cie, accusano gli operatori dell’accoglienza di essere maltrattati, sono stanchi di aspettare mesi e mesi per un documento, e chiedono maggiore puntualità nella consegna del cosiddetto pocket money, la manciata di euro quotidiane cui in certi casi hanno diritto. Sono i migranti modenesi che dopo diversi mesi in cui la situazione è andata via via peggiorando, questa mattina sono scesi in piazza per protestare

Il corteo, cui hanno partecipato un centinaio di persone anche di centri sociali e sindacati autonomi, si è tenuto questa mattina a Modena, promosso dal neonato collettivo Modena Refugees che raccoglie qualche decina di persone originarie dell’Africa che vivono qui, ed è partito dalla stazione dei treni passando anche dalla Prefettura, che è l’ente che gestisce i fondi del Ministero per i richiedenti asilo. Tra le ali di forze dell’ordine chiamate a garantire la sicurezza, hanno gridato slogan e distribuito volantini in diverse lingue.

I commenti politici

“Si rischia una violenza a cui non siamo preparati”, il commento di Forza Italia

“Manifestazione di immigrati qui a Modena, in massima parte clandestini, ovvero persone senza documenti, che reclamano documenti e lavoro – osserva Andrea Galli, capogruppo di Forza Italia a Modena – La verità? Sono rimasto impressionate a vedere un centinaio di africani a manifestare gridando a squarciagola dalla via Emilia diretti davanti alla Prefettura. Quello che loro richiedono, essenzialmente la Regolarizzazione, non può/non gli sarà concesso almeno all’80/90% in quanto mancanti dei requisiti essenziali. Chi riuscirà in quel caso a riportarli indietro? Posso dire che il caso di rimpatrio forzato genererà una violenza a cui non siamo preparati?”.

“Qualcuno ha probabilmente scambiato l’Italia per il Paese di Bengodi. In corteo, urlando a squarciagola, si chiedono diritti ma bisognerà spiegare loro che esistono anche i doveri, di cui con troppa facilita’ ci si dimentica. Prima di lamentarsi bisognerebbe almeno ringraziare chi Ti ospita.” Ad affermarlo l’avvocato Enrico Aimi, consigliere regionale di Forza Italia che aggiunge ” Ricordiamo inoltre agli stranieri che gli italiani hanno fatto grandi sacrifici per consentire – a chi ne ha bisogno perché fugge da una guerra o da una persecuzione – di poter soggiornare in attesa di tempi migliori per il rientro nella loro Patria. Si chiede lavoro, ma qui non lo hanno nemmeno tanti italiani. Si chiede speditezza nelle pratiche di riconoscimento dello status di rifugiati, ma si tratta di numeri enormi e con istruttorie difficili. Si contestano i nuovi Centri per i rimpatri, e ci domandiamo stupiti con quale arroganza ci si permette di intromettersi in questioni delicate che riguardano la sicurezza del popolo italiano e le nostre politiche in tema di immigrazione. La verità è che senza un ritorno all’ordine ed il blocco navale al confine Sud del Mediterraneo, la situazione è destinata a peggiorare. Ad ogni modo – conclude Aimi – l’Italia offre a coloro che non amano le nostre regole e le nostre leggi, anche un altra grande opportunità: quella di tornare da dove sono venuti.
 

“Chi lo ha manovrato?”, chiede al Lega Nord

“Pare del tutto evidente che questa manifestazione abbia una ‘regìa’ e vorremmo capire chi ci sia dietro”. Luca Bagnoli, esponente della Lega Nord modenese, commenta la notizia del corteo dei rifugiati che questa mattina si è svolto a Modena. “Per illustrare la manifestazione è stato distribuito un volantino in cui i migranti accusano gli operatori dell’accoglienza di essere maltrattati, di essere in sostanza merce di scambio. Per non parlare delle lamentele sul ‘lavorare gratis’ e le richieste di maggiore ‘puntualità’ nella consegna del cosiddetto pocket money, quando invece il buon senso dovrebbe portare a dire che lavorare è un modo di rispondere a un’ospitalità spesso non giustificata da motivi di persecuzione politica etc. Ricordo che – prosegue l’esponente LN – , a Modena come in altre città italiane, viene dimostrato che tanti di questi ‘richiedenti asilo’ non hanno in realtà il diritto di restare sul nostro territorio. Eppure oggi si manifesta in nome delle ‘pretese’”. Bagnoli insiste infine sulle accuse di maltrattamento contenute nel volantino: “Che dice la Prefettura? Una risposta in merito sarebbe opportuna”.

 

Immagini di Andrea Galli

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]