Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Sono vittima di incidente stradale, quali danni posso chiedere?

di Elisa Bortolazzi*

Quali danni si possono chiedere a seguito dell’essere stato vittima di un sinistro stradale?

La vittima di un sinistro stradale deve comunicare tempestivamente alla compagnia assicurativa propria e a quella del danneggiante, ovvero solo alla propria nel caso in cui non vi siano danni di grave entità e possa procedersi mediante la procedura del risarcimento diretto, entro tre giorni dalla data di verificazione dell’evento lesivo pena il mancato risarcimento del danno. Altra condizione per aversi il ristorno del danno occorre che l’assicurato abbia adempiuto al cosiddetto obbligo di salvataggio: senza mettere a repentaglio la propria vita, l’incolumità pubblica ovvero quella individuale deve adoperarsi affinché le conseguenze del sinistro stradale siano le meno invasive possibili; l’assicuratore è tenuto poi a indennizzare le spese sostenute dal contraente debole purché siano compiute in maniera razionale e diligente.

I danni risarcibili possono essere distinti in due grandi macro categorie: danni patrimoniali e quelli non patrimoniali, il minimo comun denominatore della distinzione è: la funzione del risarcimento del danno è quella di reintegrare il patrimonio del danneggiato allo stato quo ante rispetto alla verificazione dell’evento dannoso e non, certamente, quella di arricchire la vittima. I danni patrimoniali attengono al reddito della vittima: essa per un determinato lasso di tempo ovvero per il resto della sua vita a seconda delle conseguenze riportate nel sinistro, non è più in grado di produrre reddito e questa situazione le è sfavorevole siccome se non si fosse verificato alcun evento negativo, il suo reddito avrebbe continuato ad aumentare (lucro cessante); la vittima deve far fronte anche a spese per fronteggiare il proprio deficit causato dal sinistro stradale, ciò va ad incidere negativamente sul patrimonio. Il quantum da risarcire non è assolutamente arbitrario, varia in relazione alla percentuale di invalidità e al reddito percepito, se il danneggiato è una casalinga il parametro di riferimento sarà il triplo della pensione sociale, il tutto va moltiplicato per il coefficiente di anzianità il quale decresce all’aumentare dell’età perché si ritiene che il soggetto divenga sempre più inabile indipendentemente dalla verificazione dell’evento lesivo.  Una peculiarità in tale categoria è rappresentata dal danno patrimoniale indiretto cioè quell’evento lesivo che è solo conseguenza indiretta e mediata del sinistro stradale ma ciò nonostante incide comunque sul reddito. Si pensi al caso del congiunto costretto a cessare la propria attività lavorativa per prestare l’assistenza necessaria la famigliare vittima del sinistro.

Vi sono anche danni non patrimoniali, i cosiddetti danni morali. Tra i quali si possono citare: il danno biologico il quale è  una lesione dell’integrità psicofisica accertabile mediante una perizia medico-legale. Si pensi alla rottura del cristallo i cui frammenti colpiscono il viso della vittima lasciandone tracce evidenti per tutto il resto della sua vita. Il danno esistenziale che si concretizza in un peggioramento della qualità della vita dovuto unicamente alla verificazione dell’evento lesivo. Ne è un esempio il giocatore amatoriale di calcio che a seguito della verificazione dell’evento lesivo non è più in grado di svolgere il proprio hobby e ciò si ripercuote sia sulla propria sfera emotiva sia sui rapporti endofamigliari. Il danno morale si sostanzia nella sofferenza psichica provata da un congiunto a seguito dell’uccisione del proprio famigliare a causa del sinistro stradale. Si pensi alla sofferenza provata da un bambino nel vedere il proprio genitore spirare a seguito del sinistro stradale . Il danno tanatologico: è la lucida e lenta agonia e consapevolezza da parte della vittima che la sua vita debba finire da un momento all’altro perché le conseguenze riportate a seguito dell’evento lesivo sono gravi al punto da non permettere altra soluzione se non la morte. Tale diritto è al quanto dibattuto siccome la giurisprudenza maggioritaria ritiene che non è possibile riconoscerlo perché nel nostro ordinamento giuridico non trova un riscontro individuale il diritto alla vita. Tale opinione è da respingere per due motivi: innanzitutto poiché l’articolo 2 della Costituzione Italiana è considerato un catalogo a fattispecie aperta, in esso si può far rientrare anche il diritto alla vita perché è da considerarsi quale diritto che permette l’espletamento della personalità umana; inoltre un ordinamento che non riconosca il diritto alla vita  quale, invece è “padre “ di tutte le altre facoltà spettanti all’essere umano non ha diritto di essere definito un ordinamento civile.

Chiaramente anche i danni non patrimoniali vengono risarciti secondo criteri tabellari: le cosiddette “Tabelle di Milano” il cui scopo è quello di rendere uniforme il quantum del risarcimento, il tutto è temperato dall’equità di cui è dotato l’Autorità Giudiziaria per permettere l’adattamento delle prime al coso concreto, però, entro parametri equi e ragionevoli senza arbitrarie differenziazioni. Il danneggiato deve allegare tutta la documentazione necessaria per dimostrare l’entità del pregiudizio subito, dopo di che la compagnia assicuratrice deve entro sessanta giorni se si tratta di danni alle cose ovvero novanta giorni se si tratta di danni alle persone comunicare la propria offerta ovvero il proprio motivato diniego. Entro trenta giorni l’assicurato deve accettare ovvero rifiutare l’offerta propostogli dall’impresa assicurativa, essa entro quindici giorni deve o indennizzare la vittima ovvero, in caso di rifiuto, imputare la somma da liquidare a titolo di risarcimento del danno.

In conclusione si può affermare che anche nel mondo assicurativo la persona è intesa quale essere umano da tutelare in quanto tale dotato di propri diritti e doveri e non quale mero produttore di ricchezza. 

*Elisa Bortolazzi è laureanda in Giurisprudenza

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017

Rubriche

Consigli di salute
Bruxismo e digrignamento dei denti
Ad esempio, smettere di fumare o ridurre il consumo di alcol possono essere utili a tal proposito.leggi tutto
Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto
Consigli di salute
Alito pesante, le cause
La visita dello specialista potrebbe rilevare una carie o un ascesso dentale su cui potrà intervenireleggi tutto
Consigli di salute
L'igiene orale ai tempi del coronavirus
La pulizia dei denti per i bambini segue un metodo diverso rispetto al quello indicato per gli adulti.leggi tutto
Consigli di salute
Le funzioni dei denti
La loro funzione primaria è quella di masticare il cibo che mangiamo. Ma c'è anche altroleggi tutto
Glocal
Emergenza Coronavirus: Piano promozione Made in Italy 2020
Presentato presso la sede del Ministero degli Affari Esteri il nuovo Piano straordinario per la promozione del Made in Italy 2020.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModenaleggi tutto
Consigli di salute
Perdita dei denti, le conseguenze
Nelle persone adulte la perdita di un dente e la sua mancata sostituzione può essere un danno più grave di quello che si pensaleggi tutto
Glocal
Gli effetti del Coronavirus sull'economia
Secondo gli analisti l’impatto economico del Coronavirus sarà di molto superiore a quello della Sars: la sindrome del 2003 ebbe un impatto sul PIL cinese di 25,3 miliardi di dollari, il coronavirus ha già superato quota 40 miliardi in pochi giorni.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - "Non impariamo per la scuola, ma per la vita" Seneca
    Parliamo di formazione con Irina Sansò, responsabile di area presso ForModena[...]
    Disabilità e lavoro, la storia di Giulia di Concordia e della sua malattia rara
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]
    Disabilità e lavoro, intervista a Enrica Quaglio, manager risorse umane
    Integrare ed includere una risorsa diversamente abile con successo si può[...]

    Curiosità

    Mascherine rare e a peso d'oro? Duilio Pizzocchi inventa una soluzione
    Mascherine rare e a peso d'oro? Duilio Pizzocchi inventa una soluzione
    Il comico ha sdrammatizzato attraverso le sue pagine social[...]
    Coronavirus, Vasco Rossi dedica una foto ai medici
    Coronavirus, Vasco Rossi dedica una foto ai medici
    “Grazie, noi qua a Modena ce la mettiamo tutta, lottiamo strenuamente, e non ci fermeremo fino quando non lo avremo fatto fuori”, questa la risposta [...]
    Ai piccoli pazienti del Policlinico, i video della buonanotte della tata Ivana
    Ai piccoli pazienti del Policlinico, i video della buonanotte della tata Ivana
    Le insegnanti dello Spazio Incontro pensano a nuovi modi per stare accanto ai bambini ricoverati e alle loro famiglie. Per farlo usano anche i social e Lupo Serio[...]
    Te c'hanno mai... ? L'appello anti Coronavirus dei bikers emiliani
    Te c'hanno mai... ? L'appello anti Coronavirus dei bikers emiliani
    Infermieri e medici sono i veri eroi di questa emergenza, spiegano[...]
    A spasso senza motivo, ora i controlli si fanno anche con il drone
    A spasso senza motivo, ora i controlli si fanno anche con il drone
    E' già in azione e ha coadiuvato le pattuglie della Polizia locale in auto e in moto[...]
    Azzardo: a Modena in un anno giocati 23 milioni in meno
    Azzardo: a Modena in un anno giocati 23 milioni in meno
    Nel 2019 sono diminuite le cifre spese in slot e videolottery. L’assessore Bosi: “Si cominciano a vedere gli effetti della riduzione degli orari e delle chiusure”[...]
    Ferrara felice eccezione nell'incubo Coronavirus, ora si studia perchè
    Ferrara felice eccezione nell'incubo Coronavirus, ora si studia perchè
    A differenza delle altre province emiliane dove si contano a migliaia, è largamente la provincia meno colpita dell'Emilia-Romagna con poco più di 300 contagiati [...]
    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    "Un grazie a chi ci aiuta": messaggio di sostegno per operatori sanitari con grazie@ausl.fe.it
    I messaggi verranno recapitati agli operatori e - raccolti in maniera sintetica – messi a disposizione dei cittadini[...]