Confermato: c’è il virus della Zika a Modena

E’ stato confermato dal servizio di Igiene pubblica dell’Azienda sanitaria il caso di infezione del virus trasmesso da zanzare del genere Aedes, la cosiddetta zanzara tigre, per una persona di Modena, che abita nell’area a sud della città. Si tratta del virus zika (i cui sintomi di febbre virale sono simili a quelli di chikungunya o dengue) contratto in un Paese straniero.  I trattamenti iniziati nella notte in via cautelativa, comunque, continueranno fino a domenica 15 ottobre.

L’intervento, preceduto da comunicazioni con altoparlante da parte della Polizia municipale e dall’affissione di volantini, riguarda strada Scaglia Est (dal civico 12 al 120/D), via Cagliostro 120, via Giuseppe Flaiani (dal civico 42 al 56), via Giuseppe Notari (dal civico 55 al 95), via Pietro Giardini (civico 458 al 474)

Il Piano di sorveglianza arbovirosi 2017 predisposto dalla Regione, infatti, prevede in questi casi l’effettuazione di interventi adulticidi, larvicidi e di eliminazione dei focolai larvali per un raggio di 100 metri dal luogo dove si sono manifestati i casi di contagio. Il piano prevede tre interventi in successione: la disinfestazione con adulticidi per la massima riduzione possibile della popolazione di zanzare per tre notti consecutive; la ripetizione dei larvicidi nella tombinatura pubblica della zona e la rimozione dei focolai in aree private (porta a porta).

L’ordinanza del sindaco prevede che venga concesso agli addetti alla disinfestazione l’accesso alle aree aperte degli edifici per effettuare i trattamenti, che siano rimossi i focolai larvali presenti nelle aree cortilive private e indica, tra le misure di precauzione, la chiusura delle finestre durante le ore notturne fino al 15 ottobre. Per informazioni: Comando della Polizia municipale, tel. 059 20314.

Finestre e porte ben chiuse nella notte, quindi, e sospensione del funzionamento degli impianti di ricambio dell’aria. Inoltre, vanno tenuti al chiuso gli animali domestici e devono essere protetti con teli di plastica i loro ricoveri all’aperto e le suppellettili, come ciotole e abbeveratoi. Anche la frutta e la verdura degli orti deve essere protetta in modo ermetico.

Per consumare frutta e verdura irrorate con insetticidi sarà necessario aspettare 15 giorni, dovranno essere lavate abbondantemente e la frutta dovrà essere sbucciata. Mobili e giochi per bambini rimasti all’esterno ed esposti al trattamento dovranno essere puliti utilizzando guanti lavabili o a perdere. In caso di contatto accidentale con il prodotto insetticida, lavare abbondantemente la parte del corpo interessata con acqua e sapone.

La malattia causata dal virus Zika, per il quale non c’è cura o vaccino, non è molto grave: solitamente provoca solo febbre per circa una settimana e degli sfoghi cutanei. Ma nel caso di donne in stato di gravidanza si sospetta che la malattia possa portare a malformazioni del feto come la microcefalia

E A CARPI SI SOSPETTA UN CASO DI CHIKUNGUNYA

L’Azienda USL di Modena ha riscontrato nella giornata di oggi un caso sospetto di febbre da virus Chikungunya (di cui è in corso la conferma di laboratorio) in un cittadino carpigiano. L’Azienda Usl ricorda che la malattia è generalmente a decorso benigno, non è pericolosa per l’adulto e si manifesta di solito con febbre alta e dolori muscolari. L’infezione si può trasmettere tramite la puntura di zanzare ‘tigri’ infette.

Secondo la prassi il Comune in collaborazione con la Azienda Usl si è attivato per organizzare tempestivamente i trattamenti nei luoghi di residenza della persona che ha contratto il virus. Come da protocollo regionale l’ente locale si è da subito mosso per avvisare la cittadinanza e, per predisporre le attività di disinfestazione con prodotti insetticidi le aree verdi comprese nel raggio di 100 metri dall’abitazione della persona colpita e dal suo luogo di lavoro: la prima è ubicata a Migliarina, il secondo nel centro storico della città. Salvo revoca dell’emergenza qualora il caso non fosse confermato gli interventi in area pubblica saranno effettuati a partire da questa notte e proseguiranno per le due notti successive, mentre quelli nelle aree private inizieranno domani, sabato 14, nella mattinata. I cittadini della zona interessata al trattamento, e solo loro, riceveranno specifico avviso consegnato da addetti del Comune o da volontari della Protezione Civile.

Ricordiamo che durante i trattamenti è necessario rimanere in casa con finestre e porte chiuse e sospendere il funzionamento di impianti che prevedano il ricambio dell’aria. Si raccomanda inoltre di tenere al chiuso gli animali domestici e proteggere i loro ricoveri e suppellettili (ciotole, abbeveratoi, ecc…) con teli di plastica.
Prima del trattamento, infine, è consigliabile raccogliere la verdura e la frutta degli orti o proteggere le piante con teli di plastica in modo ermetico; dopo il trattamento si raccomanda di attendere 15 giorni prima di consumare frutta e verdura che siano state irrorate con i prodotti insetticidi, lavarle abbondantemente e sbucciare la frutta prima dell’uso. Si informa poi che è necessario ricordarsi di pulire mobili, suppellettili e giochi dei bambini lasciati all’esterno che siano stati esposti al trattamento, proteggendosi le mani con guanti a perdere. In caso di contatto accidentale con il prodotto insetticida, lavare abbondantemente la parte interessata con acqua e sapone.

 

PER INFORMAZIONI

Comune di Carpi, Settore Ambiente, tel. 059 649081

Comando di Polizia Municipale, tel. 059 649555       

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Il comico che interpretava Oriano Ferrari ora vive in auto dopo il dissesto economico causato dalla separazione dalla moglie[...]
    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]