SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Firmato il protocollo per impiegare i richiedenti asilo nel volontariato

Potranno svolgere lavori di manutenzione degli edifici pubblici e delle scuole, pulire piazze, strade e giardini, dare una mano nell’assistenza di anziani e disabili. Sono queste le principali attività in cui i profughi presenti nelle strutture di accoglienza dell’Emilia-Romagna potranno impegnarsi su base volontaria, offrendo il proprio contributo alle comunità che li accolgono e intraprendendo così un percorso di integrazione.

È stato rinnovato martedì 10 ottobre a Bologna, nella sede della Prefettura che ne è una delle istituzioni firmatarie, l’Accordo tra Regione, Forum del Terzo settore, sindacati, Cooperative sociali e Anci;a firmarlo, la vicepresidente regionale e assessora al Welfare, Elisabetta Gualmini, e per tutte le Prefetture dell’Emilia-Romagna il prefetto di Bologna, Matteo Piantedosi.

“Il protocollo- spiega Gualmini-  riprende per la prima volta le indicazioni del decreto Minniti sull’immigrazione, in cui si incentivano i Comuni a organizzare attività di volontariato per i richiedenti protezione internazionale. Il nuovo Piano per l’integrazione del Governo poi, approvato nelle scorse settimane, ci spinge ancora di più ad andare nella direzione di un’integrazione efficace e seria. L’arresto dei flussi migratori in questo periodo- prosegue la vicepresidente-  ci sollecita a trovare soluzioni organizzative più adeguate e meno affrettate nell’accoglienza dei profughi e percorsi di apprendimento della lingua italiana e della nostra costituzione, nonché di inserimento socio-lavorativo importanti”.

La precedente intesa, sottoscritta nel 2015, ha permesso di impiegare in attività di volontariato oltre mille persone in più di1.500 interventi. Quella di oggi, che rimarrà in vigore per due anni, potrebbe interessare potenzialmente oltre 13.000 mila “richiedenti protezione internazionale”, la maggioranza dei quali ospitati nei Centri di accoglienza straordinaria (Cas) e in parte nelle strutture del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati(Sprar).
Le risorse messe in campo dalla Regione, 100mila euro in due anni, consentono la partecipazione di circa 4.000 persone e servono a coprire le spese per l’assicurazione contro gli infortuni dei partecipanti, l’organizzazione di percorsi di orientamento e formazione, oltre ad eventuali attrezzature e dispositivi di protezione individuale per l’esercizio delle attività di volontariato.

Dati sull’accordo del 2015

Sono 19 i distretti nell’ambito dei quali gli Enti locali dell’Emilia-Romagna hanno realizzato attività di volontariato con i rifugiati a seguito dell’intesa del 2015: 16 hanno utilizzato contributi regionali e 3 – Comuni di Modena, Ferrara e Unione dei Comuni del Frignano –  risorse proprie. Le esperienze di volontariato da parte dei profughi si sono concentrate soprattutto in Romagna. Le persone coinvolte in mansioni di pubblica utilità sono state 1.100. Il settore prevalente è quello del verde pubblico e manutenzione di edifici pubblici (46%), seguito, a distanza, dalle attività culturali (28%), sociali o educative (16%), dalla manutenzione di strutture, edifici, spazi interni (6%) e, infine, dall’organizzazione di eventi pubblici (4%). Complessivamente, sono state realizzate 1.538 attività di volontariato.

I migranti in Emilia-Romagna

Sono 14.510 i richiedenti o titolari di protezione internazionale o umanitaria accolti in Emilia-Romagna, secondo i dati comunicati da viale Aldo Moro sulla base di quelli forniti da Prefettura di Bologna-Servizio Centrale, ministero dell’Interno. Di questi, 13.213 (pari all’8% del totale di 176.962 presenti sul territorio nazionale) sono accolti nei Centri di Accoglienza straordinaria e negli Hub, e 1.297 nelle strutture del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (Sprar). Il maggior numero di richiedenti asilo è presente a Bologna: 2.435, dei quali 2.060 accolti nei CaseHube375 nelle strutture Sprar. Per numero di presenze, segue Modena con 2.087 (1.912 Cas e Hub, 175 Sprar), Parma con 1.790 presenze (1.584 Cas e Hub, 206 Sprar), Reggio Emilia1.945 (1.870 Cas e Hub, 75 Sprar), Ravenna 1.482 (1.380 Cas e Hub, 102 Sprar), Rimini 1.083 (981 Cas e Hub, 102 Sprar), Forlì-Cesena 1.164 (1.083 Cas e Hub, 81 Sprar), Ferrara con 1.349 profughi (1.189 Cas e Hub, 160 Sprar) e Piacenza 1.175 (1.154 Cas e Hub, 21 Sprar).

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    La collezione di figurine di Bellini pronta a diventare un museo
    Il collezionista sanfeliciano, la cui fama è ormai internazionale, sta lavorando ad un progetto di grande prestigio e ha proposte dall'estero[...]
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Tra le imprenditrici più influenti d'Italia c'è Margherita Vizio di Mirandola
    Il suo nome emerge tra le 150 donne che il magazine dell'innovazione delle start up italiane StartupItalia ha messo in fila[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: