SulPanaro Expo SulPanaro Expo

L’Ausl sulla chiusura Punto Nascita: “Mirandola non farà la fine di Pavullo”

“Il punto nascite di Mirandola al momento non chiuderà, ma dovrà adeguarsi al protocollo richiesto dal Ministero della Salute”. A dirlo è il Direttore Generale dell’Azienda Ausl, Massimo Annichiarico. La Regione aveva già chiesto una serie di deroghe per due punti nascita sotto ai 500 parti annui: Mirandola e Cento. Già la Commissione nascita regionale aveva sostenuto la deroga per i due punti nascita, sia perchè colpiti dal sisma e, per Mirandola, anche per il fatto che dai dati, tenuti in conto anche dalla Commissione nascita nazionale, emergeva che il numero dei parti nel distretto era superiore ad 800 e che dal dal 2012 al 2016 la tendenza era in crescita.

 Parla Stefano Toscani, direttore del dipartimento Emergenza-Urgenza Ausl di Modena ricostruisce i primi momenti dei soccorsi (L’articolo prosegue dopo il video)

 

“Questi elementi – spiega Annichiarico – hanno permesso di ottenere la deroga per Mirandola, ma il Ministero della Salute per continuare a tenere aperto il punto nascita chiede di adeguarsi al Protocollo Metodologico per arrivare al possesso degli standard previsti per i punti nascita, compresi quelli in deroga. Si tratta di standard relativi alla numerosità e formazione del personale, alla tecnologia e alle strutture, anche attraverso l’integrazione tra i nosocomi. L’Azienda Ausl ha intenzione di seguire questo percorso nei tempi più brevi possibili per raggiungere gli standard richiesti e tenere aperto il punto nascite mirandolese per due anni. Durante questo periodo il Ministero monitorerà la situazione per vedere se gli elementi richiesti sono rispettati”. Per tenere aperto Mirandola, quindi, oltre alla predisposizione di un Piano di adeguamento della dotazione di personale per rispettare i criteri di sicurezza, inciderà anche il fatto che le future mamme scelgano di partorire a Mirandola. Si sta lavorando, però, per un’integrazione sempre maggiore con l’ospedale Ramazzini di Carpi per avere il massimo della competenza professionale a disposizione e, in base alla selezione del rischio ostetrico, inviare la madre nel centro più idoneo a seconda del caso che si presenta. Per la Bassa questo vuol dire che, sulla base di un accordo ben precisio tra i due nosocomi, i casi di parto particolarmente problematici afferiranno a Carpi. Questo perchè solo gli ospedali più grandi riescono a garantire i livelli di sicurezza che le partorienti chiedono.

 

Massimo Annicchiarico è il direttore generale dell’Ausl di Modena (L’articolo prosegue dopo il video)

Si sta lavorando, quindi, affinché il punto nascite di Mirandola possa rimanere aperto e non faccia la fine di quello di Pavullo balzato agli onori della cronaca domenica 29 ottobre quando una partoriente pavullese, a causa di un distacco della placenta, era stata trasportata in ambulanza a Sassuolo. Il neonato però era deceduto dopo un’ora. Il caso aveva suscitato molte polemiche, polemiche sterili per Annichiarico come dimostra il fatto che il nonno e il papà del piccolo hanno capito che è stato fatto di tutto per salvarlo e che altre modalità di assistenza forse non avrebbero garantito di salvare la madre.

Le spiegazioni di Maria Cristina Galassi, direttore di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Sassuolo

LEGGI ANCHE
PUNTO NASCITA DI MIRANDOLA E LA CHIUSURA DEL 2019, LA REGIONE: AVVIATO IL PERCORSO PER EVITARLA

LEGGI ANCHE

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Mirabolanti promesse e ricchi premi e cotillons. Ecco Candidato Anonimo, per ridere a San Felice
    Negli ultimi giorni è spuntata una Pagina Facebook in cui c'è un personaggio inventato che fa campagna elettorale[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: