SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Bullismo: un fenomeno arginabile?

di Andrea Lodi

Mirandola, Istituto Superiore Statale Galileo Galilei. Ragazzini che lanciano cestini contro la loro professoressa, o che si picchiano in classe, davanti ai loro insegnanti. Al punto che occorre l’intervento della polizia Municipale per sedare gli animi.

Rivara di San Felice sul Panaro, campo di calcio. Un pallone finito in rete per sbaglio scatena l’ira dei giocatori, mandandone alcuni al Pronto Soccorso. Soltanto l’intervento di ambulanza e carabinieri riesce a fermare gli esagitati “giocatori”.

Il lancio del cestino

Per il ragazzino protagonista del lancio del cestino – fatto ripreso con il telefonino da un compagno di classe e pubblicato sul web –  inizia la tanto agognata bagarre mediatica, fatta di interviste, riprese, pentimenti in diretta, dichiarazioni della madre, dichiarazioni dei dirigenti scolastici, dei professori e altri personaggi di contorno non ben identificati.

Dalle dichiarazioni si apprende che il quindicenne “lanciatore di cestini” avrebbe un curriculum già ben nutrito di esperienze che arrivano anche alla rapina ad un supermercato. La madre, ad una giornalista che le chiede se “la scuola e i servizi sociali stanno facendo un percorso rieducativo oltre che punitivo”, risponde che “dopo la sospensione di due settimane per altri episodi commessi a scuola … finora non sono stata messa al corrente di progetti mirati. Non so più cosa fare: ho bussato a tutte le porte, maresciallo compreso, per chiedere aiuto, ma finora non è cambiato nulla”.

Partita di calcio con scazzottata

Sui fatti di Rivara interviene Vincenzo Credi, presidente della Figc Modena. “C’è poco da commentare, qui c’è da mettersi le mani nei capelli … dobbiamo darci tutti una regolata, così non ha più senso …  bisogna cambiare mentalità … bisogna incidere sui più piccoli, i cui genitori a volte sono pessimi: proprio sabato sono intervenuto in un’altra partita per sedare gli animi. La violenza si è decuplicata, siamo a livelli di allarme a Modena”.

Mancanza di punti di riferimento

Dalle dichiarazioni di un genitore e di un dirigente sportivo, emergono due elementi significativi ed inquietanti: il primo è il mancato aiuto, da parte delle istituzioni, alla richiesta disperata di una madre, il secondo è il riferimento a genitori “inadeguati” (pessimi dice Credi).

Se mettiamo insieme le due cose, ne esce una miscela esplosiva molto pericolosa. E’ chiaro che qualcosa non va.

I fatti sopracitati sono soltanto due esempi di fenomeni ormai consolidati, che hanno a che fare con il disagio giovanile. Che non riguarda i cambi d’umore adolescenziali dovuti a scompensi ormonali, che da sempre sono appannaggio delle famiglie, ma di vere e proprie sofferenze psicologiche che portano molti ragazzini a scegliere strade inadeguate alla loro crescita. Comportamenti violenti, assunzione di alcool e droga, non possono che essere il prologo di un inferno dal quale non sempre è facile uscire. Per lo meno non senza conseguenze.

Ma che cosa determina tali situazioni? Una parola molto semplice, ma al tempo stesso devastante: solitudine. Se guardiamo con attenzione questi ragazzini “problematici”, ciò che si legge nei loro occhi è una terribile solitudine. Ed essere soli all’inizio del percorso di determinazione del proprio sé, non è propriamente una gran bella cosa.

Stiamo parlando di ragazzini che non hanno punti di riferimento. Vedono nemici dappertutto. Perché hanno a che fare con adulti troppo impegnati ad occuparsi di sé stessi, e che non hanno tempo da dedicare loro. E quando lo fanno, non lo fanno nel modo giusto.

Quindi la colpa è delle famiglie?

E’ un problema più generale, che riguarda gli adulti. Sia nelle difficili vesti di genitori, che in quelle di addetti alla pubblica amministrazione.

Inadeguatezza di famiglie ed istituzioni

Da un lato genitori assenti, o per lavoro o per inadeguatezza, e dall’altro “enti pubblici” che sono diventati ormai degli inutili erogatori di atti amministrativi, dei dispensatori di disagi per la comunità più che luoghi dove erogare servizi utili alla comunità.

Se facciamo un giro per la “bassa modenese” – quella del distretto industriale del biomedicale, dove si produce il 2% circa del PIL nazionale – ebbene, girando per i suoi Comuni facciamo fatica a trovare luoghi di aggregazione giovanile. Facciamo fatica a trovare programmi o progetti dedicati ai giovani, spesso abbandonati per le strade, facile preda di personaggi e situazioni poco edificanti. D’altronde i giovani non rappresentano un target per la “macchina elettorale”. Quindi, perché dedicarsi a loro?

Ricordo anni fa, in Piazza San Carlo, a Napoli, all’interno dell’ex “Reale Albergo dei poveri”, dove un gruppo di “teste dure”, fondò uno dei luoghi più famosi d’Italia per il recupero di giovani sbandati finiti nelle grinfie della camorra: il Kodokan A.s.d. Napoli. Stiamo parlando di un centro sportivo, sociale e culturale d’avanguardia e d’esempio in Italia e in Europa. Un luogo che ha trasformato dei potenziali delinquenti (in alcuni casi effettivi, con tanto di patentino), in persone perfettamente integrate nella società, ed in alcuni casi anche di persone che hanno avuto successo in campo sportivo.

Il motto del “Kodokan” è da sempre lo stesso: “dare un luogo ai meno fortunati dove poter sentirsi alla pari con gli altri”.

Se sostituiamo il termine “meno fortunati” con “bisognosi”, il gioco è fatto. D’altronde tutti i giovani hanno dei bisogni, che non devono, e non sono, per forza determinati da situazioni di disagio. Andare incontro ai bisogni delle persone, in generale, è evidente che significa evitare la formazione di situazioni problematiche. Significa prevenire.

Il bullismo è un fenomeno arginabile?

Il bullismo, quindi, è un fenomeno arginabile? Sono propenso a rispondere in modo affermativo. Se si lavora assiduamente a fianco dei nostri ragazzi (tutti, non solo i nostri figli), se sappiamo essere un punto di riferimento per loro, un porto dove poter approdare in caso di bisogno, allora si. La vera domanda, anzi le vere domande da porsi sono altre: 1. le istituzioni (tutte) sono consapevoli della gravità della situazione? 2. esiste la volontà da parte loro di affrontare il problema in modo concreto, e non limitarsi solo a spendere parole?

Conclusioni

Alle amministrazioni locali consiglierei, se mi è permesso farlo, di riprendere l’ormai antica e desueta funzione di occuparsi in modo attivo dei propri cittadini e della complessa, ma importante, questione giovanile. Le risorse ci sono (e non parlo di quelle finanziarie), vanno solo messe a sistema.

Al giovane lanciatore di cestini spero vivamente che gli venga inflitta una “pena”, se così vogliamo chiamarla, che consiste nell’obbligarlo a fare tre semplici cose: 1. praticare assiduamente un’attività sportiva. Ma che non sia il calcio, per carità. Magari una qualche arte marziale. 2. dedicare un po’ del suo tempo all’assistenza ai soggetti deboli della società. 3. L’ultima consiste nel farsi abbracciare energicamente da dieci persone ogni giorno.

Insomma, i nostri ragazzi non devono essere lasciati soli. Mai.

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: