SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

A Finale Emilia maggioranza e sindaco abbandonano il Consiglio Comunale

Ad andare via sbattendo la porta, in politica, è di solito la minoranza che protesta per gli abusi della maggioranza.

A Finale Emilia però evidentemente non funziona così, e la sera di martedì 7 novembre è andato in scena l’esatto contrario. Ad abbandonare l’aula dove si stava svolgendo il Consiglio comunale, infatti, è stata la maggioranza, sindaco compreso.

I banchi della maggioranza a Finale Emilia vuoti dopo l’uscita del consiglieri

Causa del plateale gesto di protesta del centrodestra al governo, però, non è stato il comportamento dell’opposizione la quale anzi – come spesso accade nelle sedute del Consiglio di Finale – si trovava a colmare le lacune delle assenze dei consiglieri di maggioranza per permettere all’assemblea di avere il numero legale e riunirsi.

Era andata così anche martedì sera. Il Consiglio Comunale era cominciato senza che il centrodestra avesse un numero sufficiente di consiglieri.
Presenti della minoranza: Terzi, Salino, Ratti, Pavani e Lugli
Presenti per la maggioranza: Saletti, Meletti, Paganelli, Cestari e Zaghi. Perchè un consiglio sia valido in prima convocazione servono nove consiglieri e stavolta del centrodestra erano in sette. Solo la presenza dei consiglieri di minoranza garantiva il numero legale.

Era comunque stata dichiarata seduta valida. Poi però, qualcosa è andato storto in casa centrodestra. 

“La maggioranza abbandona il consiglio – ricostruiscono dal Movimento 5 Stelle – Una cosa mai vista. Una sfuriata del presidente del consiglio Maurizio Boetti contro i consiglieri assenteisti di maggioranza. Un oggetto importantissimo legato ai debiti fuori bilancio che la maggioranza non vuole discutere ed approvare.
Alla fine, eccetto le minoranze, scappano tutti compreso il Sindaco.
La sala rimane cosi. In bocca al lupo Finale Emilia”.

L’aula rimane con la sola minoranza e gli assessori

“Colpo di scena in Consiglio Comunale – raccontano dalla lista civica per Finale Emilia–  Il sindaco e la maggioranza escono incapaci di garantire l’approvazione di una importante variazione di bilancio facendo saltare il consiglio comunale. La mancanza di responsabilità e le divergenze politiche interne non gli consentono di amministrare Finale.
Si poteva almeno approvare la convenzione col Carc per l’utilizzo dei locali destinati ai ragazzi delle scuole medie.Siamo solo sfascio”.

 Il commento di Stefano Lugli, Sinistra civica: “Ciò che è successo nel consiglio comunale di Finale Emilia del 7 novembre ha dell’incredibile. Il sindaco e la maggioranza, già presenti in formazione ridotta, hanno abbandonato l’aula e fatto mancare il numero legale per impedire il regolare funzionamento dell’assemblea. Obiettivo dell’insolito ammutinamento al contrario la necessità di guadagnare tempo e non discutere il riconoscimento di un debito fuori bilancio iscritto, da loro stessi, in approvazione. 
 
La giunta non ha spiegato quali erano i problemi tecnici e politici alla base della clamorosa decisione di abbandonare l’aula. Quello che è certo è che quel debito fuori bilancio, che aveva il visto di regolarità dei revisori dei conti, ha mandato in tilt la compagine di governo, che probabilmente sarebbe stata sfiduciata dalla sua stessa maggioranza.
 
Le conseguenze non sono indolori, perché facendo saltare il consiglio comunale non è stata discussa la convenzione con il CARC per l’utilizzo degli spazi dell’associazione per i laboratori della scuola media e non è stata approvata una importante variazione di bilancio per un valore di oltre 2 milioni di € che stanziava risorse per diverse opere pubbliche, fra cui gli interventi al ponte vecchio e al centro sportivo di Massa Finalese. Oltre alla mancata discussione di diverse interrogazioni e mozioni presentate dalle opposizioni. Tutto rimandato al prossimo consiglio comunale, già convocato per giovedì 9 quando, in seconda convocazione, non si dovrà raggiungere il numero legale. Un atteggiamento irresponsabile e irrispettoso innanzitutto nei confronti dei cittadini.
 
Fin dall’inizio della legislatura lo svolgimento del consiglio comunale è stato garantito in diverse occasioni dalle opposizioni, perché numerosi consiglieri di maggioranza non partecipano alle sedute. Ora, con l’abbandono dell’aula da parte della maggioranza, sindaco compreso, si è toccato il fondo.
 
La responsabilità delle opposizioni nel garantire lo svolgimento delle sedute consiliari e il regolare funzionamento dell’ente non può supplire all’infinito alle carenze della maggioranza, a maggior ragione se è essa stessa ad abbandonare l’aula. Il sindaco deve spiegare ai finalesi se i suoi consiglieri hanno voglia di venire in consiglio comunale e se ha ancora una maggioranza in grado di amministrare Finale Emilia. Questa città ha molti problemi da affrontare e non può permettersi amministratori svogliati e litigiosi”

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: