SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

A Finale Emilia maggioranza e sindaco abbandonano il Consiglio Comunale

Ad andare via sbattendo la porta, in politica, è di solito la minoranza che protesta per gli abusi della maggioranza.

A Finale Emilia però evidentemente non funziona così, e la sera di martedì 7 novembre è andato in scena l’esatto contrario. Ad abbandonare l’aula dove si stava svolgendo il Consiglio comunale, infatti, è stata la maggioranza, sindaco compreso.

I banchi della maggioranza a Finale Emilia vuoti dopo l’uscita del consiglieri

Causa del plateale gesto di protesta del centrodestra al governo, però, non è stato il comportamento dell’opposizione la quale anzi – come spesso accade nelle sedute del Consiglio di Finale – si trovava a colmare le lacune delle assenze dei consiglieri di maggioranza per permettere all’assemblea di avere il numero legale e riunirsi.

Era andata così anche martedì sera. Il Consiglio Comunale era cominciato senza che il centrodestra avesse un numero sufficiente di consiglieri.
Presenti della minoranza: Terzi, Salino, Ratti, Pavani e Lugli
Presenti per la maggioranza: Saletti, Meletti, Paganelli, Cestari e Zaghi. Perchè un consiglio sia valido in prima convocazione servono nove consiglieri e stavolta del centrodestra erano in sette. Solo la presenza dei consiglieri di minoranza garantiva il numero legale.

Era comunque stata dichiarata seduta valida. Poi però, qualcosa è andato storto in casa centrodestra. 

“La maggioranza abbandona il consiglio – ricostruiscono dal Movimento 5 Stelle – Una cosa mai vista. Una sfuriata del presidente del consiglio Maurizio Boetti contro i consiglieri assenteisti di maggioranza. Un oggetto importantissimo legato ai debiti fuori bilancio che la maggioranza non vuole discutere ed approvare.
Alla fine, eccetto le minoranze, scappano tutti compreso il Sindaco.
La sala rimane cosi. In bocca al lupo Finale Emilia”.

L’aula rimane con la sola minoranza e gli assessori

“Colpo di scena in Consiglio Comunale – raccontano dalla lista civica per Finale Emilia–  Il sindaco e la maggioranza escono incapaci di garantire l’approvazione di una importante variazione di bilancio facendo saltare il consiglio comunale. La mancanza di responsabilità e le divergenze politiche interne non gli consentono di amministrare Finale.
Si poteva almeno approvare la convenzione col Carc per l’utilizzo dei locali destinati ai ragazzi delle scuole medie.Siamo solo sfascio”.

 Il commento di Stefano Lugli, Sinistra civica: “Ciò che è successo nel consiglio comunale di Finale Emilia del 7 novembre ha dell’incredibile. Il sindaco e la maggioranza, già presenti in formazione ridotta, hanno abbandonato l’aula e fatto mancare il numero legale per impedire il regolare funzionamento dell’assemblea. Obiettivo dell’insolito ammutinamento al contrario la necessità di guadagnare tempo e non discutere il riconoscimento di un debito fuori bilancio iscritto, da loro stessi, in approvazione. 
 
La giunta non ha spiegato quali erano i problemi tecnici e politici alla base della clamorosa decisione di abbandonare l’aula. Quello che è certo è che quel debito fuori bilancio, che aveva il visto di regolarità dei revisori dei conti, ha mandato in tilt la compagine di governo, che probabilmente sarebbe stata sfiduciata dalla sua stessa maggioranza.
 
Le conseguenze non sono indolori, perché facendo saltare il consiglio comunale non è stata discussa la convenzione con il CARC per l’utilizzo degli spazi dell’associazione per i laboratori della scuola media e non è stata approvata una importante variazione di bilancio per un valore di oltre 2 milioni di € che stanziava risorse per diverse opere pubbliche, fra cui gli interventi al ponte vecchio e al centro sportivo di Massa Finalese. Oltre alla mancata discussione di diverse interrogazioni e mozioni presentate dalle opposizioni. Tutto rimandato al prossimo consiglio comunale, già convocato per giovedì 9 quando, in seconda convocazione, non si dovrà raggiungere il numero legale. Un atteggiamento irresponsabile e irrispettoso innanzitutto nei confronti dei cittadini.
 
Fin dall’inizio della legislatura lo svolgimento del consiglio comunale è stato garantito in diverse occasioni dalle opposizioni, perché numerosi consiglieri di maggioranza non partecipano alle sedute. Ora, con l’abbandono dell’aula da parte della maggioranza, sindaco compreso, si è toccato il fondo.
 
La responsabilità delle opposizioni nel garantire lo svolgimento delle sedute consiliari e il regolare funzionamento dell’ente non può supplire all’infinito alle carenze della maggioranza, a maggior ragione se è essa stessa ad abbandonare l’aula. Il sindaco deve spiegare ai finalesi se i suoi consiglieri hanno voglia di venire in consiglio comunale e se ha ancora una maggioranza in grado di amministrare Finale Emilia. Questa città ha molti problemi da affrontare e non può permettersi amministratori svogliati e litigiosi”

Rubriche

Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa
    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice

    Curiosità

    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    Più si diventa vecchi più aumentano le paure, uno studio dell'Università
    La paura è collegata alla memoria: uno stimolo associato a un evento negativo del passato può attivare una reazione di allarme.[...]
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    Tartaruga scappa di casa e la trovano a passeggio in via San Clemente
    L'ha trovata un bastigliese, attorno all'ora di pranzo di lunedì[...]
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Pinnacolo, che passione: 138 coppie sisono sfidate a Ponte Alto - LE FOTO
    Premiate anche la coppia più giovane e quella più matura e anche a quella col punteggio più basso[...]
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    I modenesi mettono in tavola un etto di carne al giorno
    Confesercenti: “Consumi moderati, ma comunicazione errata e troppo allarmismo. Serve informare sui benefici”[...]
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    C'è chi perde un cappello e c'è chi perde... un drone
    Più di 500 gli oggetti smarriti in un solo mese in città[...]
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    Esulta dopo l’etilometro negativo. Ma è positivo alla marijuana
    E' accaduto la scorsa notte a Carpi: protagonista un 32enne[...]
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    Da San Possidonio a Gemonio con lo gnocco fritto
    La tradizione arriva dagli anni della solidarietà post terremoto 2012 e ormai è consolidata[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: