Occupazione femminile: Italia all’ultimo posto in Europa

di Andrea Lodi

Sebbene il tasso di occupazione femminile in Italia abbia raggiunto quota 48,8% – valore più alto dall’avvio delle serie storiche dal 1977, sottolinea l’Istat – tuttavia, secondo Eurostat, l’Italia è al penultimo posto nel confronto europeo dopo la Grecia.

Più alto, per l’appunto, del 43,3% della Grecia, ma ben lontano dal 61,6% della media dei 28 paesi europei, e ancor di più dai record di Svezia (74,6%), Norvegia (71,9%) e Germania (71,0%).

Una percentuale inferiore rispetto a quella maschile

Le donne in età lavorativa hanno sì raggiunto il record del 48,8%, ma restano ancora lontani dal 66,8% degli uomini.

Il tasso di disoccupazione scende

Il tasso di disoccupazione riferito alle donne, in Italia, è sceso al 12%, rispetto all’anno precedente, sebbene sia ancora il peggiore dopo Spagna (19%) e Grecia (26,2%).

Difficile conciliare famiglia e lavoro

A pesare sul dato dell’occupazione femminile italiana c’è anche la difficoltà nel conciliare il lavoro con la famiglia: nel 2016 – in base agli ultimi dati degli ispettorati del lavoro – 30mila donne hanno dato le dimissioni dal posto di lavoro in occasione della maternità. Molte donne non sono neanche alla ricerca di un posto di lavoro, impegnate nel ruolo di assistenti familiari.

Leggi l’articolo pubblicato il 18 ottobre 2017 dal titolo “Un paese che non forma talenti”

Disparità di trattamento pensionistico

La pensione delle donne resta mediamente più bassa del 30,5% rispetto a quella degli uomini: gli uomini rappresentano il 47% dei pensionati ma incassano il 56% del “monte pensioni”.

La presenza delle donne nelle istituzioni

In Parlamento soltanto il 20% dei deputati e dei senatori è donna, registrando una delle percentuali più basse in  Europa e nel mondo e configurando una “carenza di democrazia”

La presenza femminile nelle università

Le studentesse rappresentano il 58% dei laureati, ma le ricercatrici universitarie sono il 40%, le professoresse associate il 32%, le ordinarie solo il 14% e sono 2 le uniche donne rettore in tutta Italia. Anche la “fuga dei cervelli” si tinge prevalentemente di rosa: le donne pare non siano considerate affidabili.

Donne alla guida di un’azienda ferme al 21,8%

Le donne a capo di un’azienda sono in percentuale ancora solo il 21,8%. Un dato che non si discosta da quello dell’anno precedente. Percentuale molto distante da quelle dei paesi dove le donne manager sono la maggioranza rispetto agli omologhi maschili. La Giamaica ha il primato di avere la maggioranza dei capi o proprietari di azienda donna: sono il 59,3 per cento del totale. In Colombia, che in questa classifica è seconda, la percentuale è del 53,1 per cento. Gli Usa si trovano al quindicesimo posto della classifica con il 42,7% di donne alla guida di un’azienda.

Da anni si parla tanto di quote rosa. Giusto, se ne parla, ma al di là di un esplicito riferimento ad un colore storicamente attribuito al genere femminile, rimane il fatto che rispetto ai Paesi europei, e non solo, l’Italia, in fatto di presenza femminile nei vari ambiti dell’economia e della società, si trova troppo spesso posizionata nelle ultime posizioni.

Sul Panaro on air

    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchAttrezzature d'epoca per l'esercitazione dei pompieri

    Curiosità

    Tribologia industriale, un corso al Tecnopolo
    Tribologia industriale, un corso al Tecnopolo
    La tribologia è la disciplina che studia le interazioni fra superfici a contatto, occupandosi nello specifico dei fenomeni di usura, attrito e lubrificazione[...]
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Black Friday, ad Amazon Piacenza si sciopera
    Lo sciopero comincerà con il turno mattutino di venerdì e terminerà con l'inizio dello stesso turno di sabato[...]
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    La scrittrice col camice bianco: debutto letterario per la dottoressa Katia Durazzi
    Medico a Novi, fa parte della compagine di artisti che vede anche Doriano Novi, Giorgio Cavazza, Rino Fattori, Carlo Canevazzi, Luca Bompani[...]
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Al posto dell'ora di religione a scuola si fa zumba
    Un tempo - scherza Aimi (Fi) si diceva: "Non c'è più Religione", e non ci consola sapere che a Carpi al suo posto c'è finita la "Zumba". [...]
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    La ricostruzione dopo sisma Emilia finisce a Striscia la Notizia
    In Regione l'inviato del tg satirico di Canale 5 ha strappato un impegno a saldare il dovuto[...]
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    Operato al cervello mentre suona il clarinetto
    L'intervento, per asportare un tumore, a Ferrara. È il primo del genere in Italia[...]
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Nominati nuovi Maestri Assaggiatori per l'Aceto Balsamico Tradizione
    Il titolo viene rilasciato dopo 4 anni di degustazioni con almeno 40 assaggi all'anno. E un severo esame [...]
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Il sole splende e il clima è freddo: è Estate di San Martino
    Tradizionalmente durante questi giorni si aprono le botti per il primo assaggio del vino nuovo, che viene abbinato alle prime castagne.[...]