SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Occupazione femminile: Italia all’ultimo posto in Europa

di Andrea Lodi

Sebbene il tasso di occupazione femminile in Italia abbia raggiunto quota 48,8% – valore più alto dall’avvio delle serie storiche dal 1977, sottolinea l’Istat – tuttavia, secondo Eurostat, l’Italia è al penultimo posto nel confronto europeo dopo la Grecia.

Più alto, per l’appunto, del 43,3% della Grecia, ma ben lontano dal 61,6% della media dei 28 paesi europei, e ancor di più dai record di Svezia (74,6%), Norvegia (71,9%) e Germania (71,0%).

Una percentuale inferiore rispetto a quella maschile

Le donne in età lavorativa hanno sì raggiunto il record del 48,8%, ma restano ancora lontani dal 66,8% degli uomini.

Il tasso di disoccupazione scende

Il tasso di disoccupazione riferito alle donne, in Italia, è sceso al 12%, rispetto all’anno precedente, sebbene sia ancora il peggiore dopo Spagna (19%) e Grecia (26,2%).

Difficile conciliare famiglia e lavoro

A pesare sul dato dell’occupazione femminile italiana c’è anche la difficoltà nel conciliare il lavoro con la famiglia: nel 2016 – in base agli ultimi dati degli ispettorati del lavoro – 30mila donne hanno dato le dimissioni dal posto di lavoro in occasione della maternità. Molte donne non sono neanche alla ricerca di un posto di lavoro, impegnate nel ruolo di assistenti familiari.

Leggi l’articolo pubblicato il 18 ottobre 2017 dal titolo “Un paese che non forma talenti”

Disparità di trattamento pensionistico

La pensione delle donne resta mediamente più bassa del 30,5% rispetto a quella degli uomini: gli uomini rappresentano il 47% dei pensionati ma incassano il 56% del “monte pensioni”.

La presenza delle donne nelle istituzioni

In Parlamento soltanto il 20% dei deputati e dei senatori è donna, registrando una delle percentuali più basse in  Europa e nel mondo e configurando una “carenza di democrazia”

La presenza femminile nelle università

Le studentesse rappresentano il 58% dei laureati, ma le ricercatrici universitarie sono il 40%, le professoresse associate il 32%, le ordinarie solo il 14% e sono 2 le uniche donne rettore in tutta Italia. Anche la “fuga dei cervelli” si tinge prevalentemente di rosa: le donne pare non siano considerate affidabili.

Donne alla guida di un’azienda ferme al 21,8%

Le donne a capo di un’azienda sono in percentuale ancora solo il 21,8%. Un dato che non si discosta da quello dell’anno precedente. Percentuale molto distante da quelle dei paesi dove le donne manager sono la maggioranza rispetto agli omologhi maschili. La Giamaica ha il primato di avere la maggioranza dei capi o proprietari di azienda donna: sono il 59,3 per cento del totale. In Colombia, che in questa classifica è seconda, la percentuale è del 53,1 per cento. Gli Usa si trovano al quindicesimo posto della classifica con il 42,7% di donne alla guida di un’azienda.

Da anni si parla tanto di quote rosa. Giusto, se ne parla, ma al di là di un esplicito riferimento ad un colore storicamente attribuito al genere femminile, rimane il fatto che rispetto ai Paesi europei, e non solo, l’Italia, in fatto di presenza femminile nei vari ambiti dell’economia e della società, si trova troppo spesso posizionata nelle ultime posizioni.

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    Fiocco azzurro in redazione: benvenuto Orlando
    E' nato il figlio della nostra direttrice[...]
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Carpi e quella scritta "stazione" da bocciatura elementare
    Lettere capovolte nella nuova scritta sulla facciata della stazione ferroviaria. Un grande capolavoro di approssimazione[...]
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    Anni: 6. Idee: chiare. "Da grande voglio entrare nell'Arma dei Carabinieri"
    La piccola Avery si è presentata alla caserma di Carpi per conoscere i suoi eroi[...]
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    Alessia Vescovini, 18 anni da Mirandola: è tra le più brave d'Italia con l'inglese
    La studentessa del Liceo Pico va a Urbino per disputare le semifinali del Campionato nazonale delle Lingue[...]
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    La Bassa? E' anche... una birra. Ma di un'altra Bassa
    Etichetta rosa e un nome a noi caro per una birra lager che riporta al ciclismo e a Pantani. Ma si tratta di una Bassa... diversa[...]
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Da Correggio a Guercino, in mostra i capolavori della collezione dei Duchi d'Este
    Dal 17 febbraio al 13 maggio alla Galleria Estense di Modena [...]
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Valentina Bianchini da Mirandola nel consiglio direttivo di Assofranching
    Nuovo importante incarico per l'imprenditrice di 37 anni[...]
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    Con Vasco Rossi il Comune di Modena ha violato la par condicio, sanzionato dal Garante
    A finire nei guai con l'Autorità per le comunicazioni fu anche il Comune di Mirandola, richiamato per l'uso non corretto de L'Indicatore Mirandolese.[...]
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Loris Tromba da Cavezzo sul podio dei mondiali di karate
    Un successo importante che valorizza tutto lo sport della scuola della Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: