SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Violenza al Galilei, Giorgio Siena: “Rifare gli argini, ricostruire una società educante”

“Rifare gli argini”. È il commento su quanto accaduto in una classe prima del professionale dell’Istituto Galilei di Mirandola fatto da Giorgio Siena (nella foto a sinistra), preside dell’Istituto Luosi.

Il video (che non doveva esserci) dello studente che lancia per due volte il cestino in classe, seguito da urli e tifo da stadio, lascia sgomenti. Tuttavia un episodio così grave è un fatto isolato (per fortuna) ma il vero problema è la sempre più diffusa crisi comportamentale degli adolescenti fra i 13 e i 16 anni, cioè fra la scuola media ed i primi due anni di scuola superiore, professionali in particolare. Il danno formativo che deriva da queste situazioni è ben più grave di quanto denotano singoli episodi. 
Il dato statistico è noto, oltre il 10% d’insuccesso scolastico, dispersione e abbandoni, forme di marginalità e un peggioramento sensibile sul livello generale. E’ chiaro che la presenza degli studenti stranieri ha aumentato il problema, non sarebbe onesto nasconderlo: come giustamente mi ricordava un amico e collega in una certa epoca avevamo tutti qualcosa in comune: la religione, praticata o negata, luoghi da frequentare, l’adulto riconosciuto come figura (a prescindere), la riconoscibilità delle famiglie, l’autorità della scuola e dell’insegnante, le parrocchie, i servizi comunali; da giovani saranno i partiti, i sindacati, le associazioni …
Di tutto questo oggi non rimane nulla, tutto è da costruire. Lasciando stare le analisti politiche (destra o sinistra) quasi sempre strumentali e fatte da persone che parlano “a braccio”. 
a) Le scuole sono le sole che si occupano di questa fascia di età (a parte i servizi socio-sanitari per categorie definite dalla legge). Non basta più. Occorre costruire una vera rete funzionante fra: scuole, sevizi del comune, distretto sanitario e sociale, forze dell’ordine, associazioni di volontariato, organizzazioni economiche. Una rete operativa di intervento, che funzioni in permanenza. 
b) Gli istituti professionali, alcuni, sono prossimi al tracollo. Ma qui la risposta deve essere nazionale: il ministero ha emanato un decreto di revisione dei professionali. Bisogna che si prenda consapevolezza che le scuole professionali svolgono un compito di formazione, ma anche di socializzazione, d’integrazione. Hanno bisogno di docenti competenti e soprattutto stabili nel tempo. Oggi i professionali hanno pochissimi insegnati stabili, in prevalenza cambiano ogni anno e spesso sono insegnati alla prima esperienza che entrano in classe con il panico: vi pare possibile? Gli istituti professionali hanno bisogno di un regime specifico nei criteri per le classi, con docenti preparati e incentivati, anche economicamente.
c) Va affermata la responsabilità educativa della famiglia. Quanti genitori abbandonano i figli alla scuola! e se si presentano a qualche convocazione lo fanno per tutelare e difendere i figli, e la loro cattiva coscienza. Poi dico subito che non è sempre così, vi sono anche ottimi genitori che chiedono aiuto, se serve, e stimano la scuola. 
Attenzione alle soluzioni facili: dire che lo studente del video deve essere espulso dalla scuola è giusto, ma purtroppo anche sbagliato. Fuori dalla scuola che pensate faccia, in assenza di altre azioni? forse farà danni su cose pubbliche e private, e naturalmente qualcuno subito farà la domanda fatidica: e la scuola che fa? Perché non era a scuola?
Dobbiamo spesso scegliere il danno minore, e qui bisogna riflettere sui ragazzi deboli: coloro che si affidano alla scuola con la speranza di conquistare un futuro, che chiedono di essere aiutati e finiscono per essere soppraffatti dai contesti scolastici, dagli insegnanti di professionalità inadeguata: loro sono le vittime silenti del diritto all’istruzione negato, e sono il volto del fallimento contro cui dobbiamo lottare.
Concludo con una citazione da Cormac McCarthy dal suo romanzo di frontiera -Non è un paese per vecchi- “…. la giornalista mi ha chiesto, Sceriffo come mai ha permesso che in questa contea il crimine le sfuggisse di mano fino a questo punto? A me sembrava una domanda giusta, forse lo era. Comunque ho risposto dicendo: i guai iniziano quando si comincia a passare sopra alla maleducazione. Quando non si sente più dire Grazie e Per favore, vuol dire che la fine è vicina.”
Ecco per cominciare non facciamoci sopraffare dalla maleducazione, siamo cittadini di un territorio da salvaguardare, ricostruiamo una società educante. E qui possiamo fare qualcosa tutti.

LEGGI ANCHE

Cestino lanciato addosso all’insegnante, il video di Mirandola 
Violenza al Galilei, dopo le denunce si valuta la sospensione di 3 studenti
Denunciati tre ragazzi per violenza a scuola 
Violenza al Galilei, Platis e Aimi (FI): “La scuola è sempre più relegata a mero parcheggio”
Baby gang Mirandola, ora dovranno riparare i danni a scuola 
Sgominata la baby gang di Mirandola
Dopo il furto minacciano con il coltello, nei guai alcuni studenti del Galilei
Mirandola, “bravata” da vandali ieri al Galilei: fumogeni in bagno, scuola evacuata

 

Rubriche

Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    Alle Tatoo va in televisione su Rai 1
    E' stato ospite della trasmissione "I soliti Ignoti". E nel fine settimana a a Mediaset[...]
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    All'Università apre un nuovo Centro di ricerca... sulle Metafore
    Forte la portata interdisciplinare: riguardano linguistica, stilistica, la traduzione, la critica letteraria, la filosofia, le scienze cognitive [...]
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Gli italiani spendono all'anno per il caffé 260 euro
    Il 93% sceglie l'espresso, il resto si divide tra americano, orzo o altro[...]
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    A tutta birra per il paese con lampeggiante blu, 49enne nei guai
    L'uomo simulava inseguimenti incurante dei limiti di velocità[...]
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Un nuovo polo logistico per Ducati e Lamborghini
    Ci sono anche 40.000 pezzi in deposito tra vetture storiche, modelli attuali e ricambi del reparto Motorsport, Squadra Corse[...]
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Lavarsi le mani è importante, ricordiamocelo!
    Soprattutto in ospedale, dove è una delle misure più efficaci per proteggere dal rischio di contrarre un’infezione correlata all’assistenza[...]
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Stanze in vendita nell'albergo-condominio, ecco i Condhotel
    Abbina camere di albergo, minimo sette, con unità abitative dotate di cucina autonoma che possono essere frazionate e vendute ai privati o affittate [...]
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    Ad aprile un caldo da record: mai così negli ultimi due secoli
    E' la sintesi tracciata dagli esperti dell’Osservatorio Geofisico del DIEF - Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore. [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: