SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Benetton si riprende l’azienda

di Andrea Lodi

Erano gli anni 80. Le strade erano letteralmente invase delle straordinarie immagini partorite dal talento fotografico di Oliverio Toscani. Un artista prestato al genio imprenditoriale di Luciano Benetton. Immagini confortanti di bambini che vestivano i colori sgargianti dell’azienda, immagini provocatorie di tre cuori (intesi come muscolo cardiaco) white, black e yellow, oppure immagini del papa che bacia l’imam del Cairo, immagini di famiglie omosessuali, e cosi via. Immagini che ci hanno accompagnato per trent’anni. Un turbinio di emozioni che sgorgava come acqua da veri e propri racconti stradali. Si, perché la pubblicità del rinomato marchio trevigiano di maglieria, raccontava delle vere e proprie storie.

Quando entravi in un negozio Benetton, ritrovavi le immagini di quei racconti stradali, ritrovavi la promessa di qualcosa di diverso, qualcosa di unico. Ritrovavi i colori di Benetton.

Benetton si riprende l’azienda

La magia ha continuato fino alla seconda metà dei 2000, quando il duo Luciano/Oliviero, partoriva idee, innovazione, sogni. Poi la svolta, il cambiamento. Luciano Benetton lascia le redini dell’azienda al figlio Alessandro, il quale è più interessato a fare crescere la Holding di famiglia, che ha investito in vari settori dell’economia (autostrade, aeroporti, stazioni, ristorazione, finanza) e che produce ricavi per 12 miliardi di euro con 64 mila dipendenti in tutto il mondo. Il settore tessile, che rappresenta il 12% circa del fatturato del Gruppo, viene lasciato nelle mani di manager poco ravveduti. E così ha inizio un lento declino. Fino a novembre del 2017, quando Luciano Benetton, alla veneranda età di 82 anni, decide di riprendere in mano le redini dell’azienda.

E lo fa con la sua rinomata energia, richiamando dall’oblio la sorella Giuliana (di due anni più giovane di lui) e Oliviero Toscani. Un dream team di ex giovani, ma dalla voglia di fare.

“In poco tempo torneremo a colorare il mondo”, è il suo grido di battaglia.

La cultura del colore

Nel 2008 Luciano Benetton lasciò un’azienda con 155 milioni di euro di attivo e 9766 dipendenti. Oggi la ritrova con 81 milioni di passivo (bilancio 2016) e 7328 dipendenti.

A chi domanda in merito ai motivi di tale situazione, Benetton risponde risoluto: “hanno smesso di fabbricare maglioni. È come se avessero tolto acqua a un acquedotto – continua rimpiangendo la sua cultura del colore, di cui oggi si sono perse le tracce – “l’abbinamento dei colori divenne per me una specie di ossessione. Da solo un colore non esiste”.

Largo ai “giovani”

L’accusa all’attuale management è durissima: “la gestione è stata malavitosa, ma non in senso criminale – avverte -. Il bilancio è in rosso e gli errori sono incomprensibili. Come se chi governava l’azienda l’avesse fatto apposta” (…).

“Che non mi si parli di rottamazione – i riferimenti ad un noto giovane politico del PD son puramente casuali – qui non ha funzionato – afferma un sempre più arrabbiato Luciano Benetton –  ho lasciato prima a mio figlio Alessandro, il secondogenito, che presto ha fatto due passi indietro (ndr. si è occupato della Holding di famiglia), e l’azienda è stata affidata ai manager. Qualcuno lo abbiamo mandato via. Qualcun altro ha capito e se n’è andato. Altri capiranno”.

Il vecchio leone è tornato, ha scritto qualcuno sulle pagine di un giornale. Chissà se riuscirà a riportare in rotta la vecchia azienda di famiglia, quella da cui è partito il successo imprenditoriale dei Benetton.

“Staneremo le intelligenze dovunque si trovino, a cominciare dagli immigrati che sono una ricchezza d’energia. E in poco tempo torneremo a colorare il mondo”. Conclude un euforico Benetton. E c’è da crederci.

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: