SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Mirandola, da marzo 2018 sei nuovi posti letto per il Polo riabilitativo

Il Polo riabilitativo dell’ospedale di Mirandola con sei nuovi posti letto sarà attivo dal mese di marzo 2018. Il progetto fa parte del piano di sviluppo dell’integrazione tra gli ospedali di Carpi e Mirandola, avviato quest’anno, che punta a garantire una maggiore attività chirurgica polispecialistica, valorizzando le vocazioni e le competenze delle due sedi ospedaliere (con un lavoro a rotazione di chirurghi, ortopedici e anestesisti e la discussione dei casi in team multidisciplinari), evitando duplicazioni e individuando le soluzioni più  adeguate a ciascun bisogno assistenziale.

E’ quanto emerso nel corso della Conferenza territoriale sociale e sanitaria della provincia di Modena che – come riferisce una nota della Provincia – si è riunita nei giorni scorsi alla presenza di Gian Carlo Muzzarelli, copresidente della Conferenza insieme al sindaco di Carpi, Alberto Bellelli, sindaci e autorità sanitarie.

Nel corso dell’incontro Massimo Annicchiarico, direttore generale dell’Azienda USL di Modena, ha illustrato lo stato di avanzamento del piano di riordino dei servizi sanitari che, come ha evidenziato Muzzarelli “è stato innescato dal processo di fusione dei due ospedali modenesi, Policlinico di Modena e Ospedale civile di Baggiovara che ha ricadute positive su tutta la rete ospedaliera”.

In base alla riorganizzazione, l’ospedale di Carpi si concentra sempre di più sulla chirurgia a media e alta complessità, la traumatologia e la protesica più complessa, mentre all’ospedale di Mirandola vengono sviluppati la chirurgia a media-bassa complessità (con degenza inferiore a cinque giorni), la day surgery e l’ortopedia protesica e la traumatologia minore.

Nello specifico della rete ortopedica, a Carpi sarà centralizzata la traumatologia del femore e la protesica per pazienti ad elevato rischio clinico, mentre a Mirandola saranno sviluppati la chirurgia protesica di anca, ginocchio e piede e il polo riabilitativo di area nord, dedicato in avvio ai pazienti ortopedici, ed esteso successivamente alla riabilitazione neurologica ed oncologica.

All’ospedale di Carpi si concentrano anche gli interventi e i trattamenti ad alta complessità con particolare riferimento alla patologia oncologica grazie al consolidamento delle relazioni di rete con il Policlinico di Modena.

Sempre a Mirandola, in collaborazione con l’Otorinolaringoiatria dell’Azienda Ospedaliera, la Pneumolgia e la Neurologia dell’ospedale di Carpi, è attivo da giugno il Centro per disturbi del sonno, punto di riferimento provinciale di una rete per il trattamento della sindrome da apnee ostruttive nel sonno alla quale partecipano anche l’Ospedale di Sassuolo e Villa Pineta di Gaiato.

Sul versante dell’emergenza, l’ospedale di Carpi ha visto il completamento del turno del triage h24 e di quello della seconda ambulanza, anch’essa h24 e 7 giorni su 7, che ha adeguato il Sistema territoriale del 118 ai più evoluti modelli di gestione dell’Emergenza-Urgenza. Da segnalare anche la stabilizzazione del personale del Pronto soccorso di Mirandola: invariato il numero di infermieri, autisti e oss del comparto.

Sul futuro del punto nascite di Mirandola, infine, Annicchiarico ha chiarito che, dopo la deroga alla chiusura concessa dal ministero, saranno garantiti gli adeguamenti richiesti per la conformità agli standard previsti. L’obiettivo è quello incrementare il trend dei parti fino a superare il limite dei 500 parti all’anno, entro i prossimi due anni, nel corso dei quali la struttura sarà monitorata dal Ministero in ordine ai risultati qualitativi e quantitativi.

Inoltre, dalla relazione di Massimo Annicchiarico, direttore generale dell’Azienda USL di Modena, sul riordino della rete chirurgica degli ospedali di Carpi e  Mirandola, è emerso anche che con il percorso avviato nei primi otto mesi del 2017 la produzione chirurgica programmata complessiva a Mirandola è aumentata del nove per cento rispetto allo stesso periodo del 2016, con un più 18 per cento della Chirurgia generale; questo grazie soprattutto ad un più efficiente ed intensivo utilizzo del comparto operatorio, e ad una vocazione più concreta all’attività programmata, resa possibile dalla maggiore collaborazione con l’Ospedale di Carpi sulle attività chirurgiche in urgenza.

La migliorata capacità produttiva è evidenziata in termini di percentuale di ore sala effettivamente utilizzate per l’attività chirurgica a Mirandola anche se, ha aggiunto Annicchiarico, “da questo punto di vista l’obiettivo è di un ulteriore miglioramento nei prossimi mesi, arrivando a saturare completamente la potenzialità produttiva”.

Rubriche

Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto
Glocal
Esondazione Secchia del 2014: una sentenza da rivedere
Alluvione 2014, per la Procura non ci sono responsabili: archiviata l’inchiesta.leggi tutto
Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Finale Emilia si riempie di cuori nei negozi
    Si ricorda così come la città abbia un cuore pulsante e una offerta che non ha nulla da invidiare ai centri commerciali e allo shopping su Internet[...]
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Cane scappa di casa e provoca incidente stradale, condannato il padrone
    Per omicidio colposo legato all'omessa custodia dell'animale[...]
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    Si ferma il viaggio di Cherif intorno al mondo: è innamorato
    "Il mio cuore ormai si è perso per lei", spiega il giovane che era stato con la Croce Rossa a San Felice a prestare aiuto durante il sisma[...]
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Fabbrica ticket falsi per non pagare il parcheggio
    Nei guai un professionista di 30 anni apparentemente insospettabile[...]
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Concordia, c'è una storia d'amore dietro la maxi rissa tra ragazzi
    Più di 40 ragazzini si erano dati appuntamento per picchiarsi[...]
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    "Il Panaro ha rotto gli argini a Nonantola" è una bufala. La sindaca minaccia denunce
    Allo stato attuale il livello del fiume è stazionario in lenta diminuzione[...]
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Paga per un appartamento a Tenerife ma è una truffa da più di mille euro
    Un pensionato carpigiano aveva visto un annuncio su internet[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: