SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Giovani a rischio di radicalizzazione, si studia la prevenzione

Giovani a rischio di radicalizzazione: un convegno internazionale a Modena presenta nuovi modelli di prevenzione. L’appuntamento, che si terrà lunedì 22 gennaio 2018, vede il coinvolgimento del Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità di Unimore e sarà l’occasione per i ricercatori coinvolti nel progetto YEIP di presentare i primi risultati del progetto.

La prevenzione e il controllo della radicalizzazione a livello europeo, fino ad oggi, sono stati gestiti prevalentemente dai governi nazionali e locali, con un limitato coinvolgimento diretto dei più giovani, di norma considerati tra le categorie a maggior rischio rispetto a questo fenomeno. Il progetto YEIP, finanziato nell’ambito del programma Erasmus+ dell’Unione Europea, realizzato da un consorzio di 18 partner pubblici e privati provenienti da 7 diversi Stati Membri, mira a colmare questa mancanza, sviluppando politiche giovanili tese a minimizzare il rischio della radicalizzazione e sostenere l’inclusione sociale tramite una maggiore partecipazione di ragazzi e ragazze.

Il progetto YEIP promuove, lunedì 22 gennaio 2018 alle ore 9.30 presso il Complesso universitario San Geminiano (via San Geminiano, 3) aModena, un convegno internazionale organizzato dai partner italiani Regione Liguria e Anziani e non solo soc. coop. soc. con la collaborazione del CRID – Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità di Unimore, diretto dal prof. Gianfrancesco Zanetti.

L’evento, che riunirà esperti, ricercatori e giovani di tutta Europa, sarà l’occasione per presentare i primi risultati del progetto europeo YEIP per condividere saperi e pratiche sulla prevenzione della radicalizzazione giovanile.

“Affrontare il tema della prevenzione della radicalizzazione nelle giovani generazioni – afferma il prof. Gianfrancesco Zanetti, Direttore del CRID -Centro di Ricerca Interdipartimentale su Discriminazioni e vulnerabilità di Unimore –  richiede un approccio multidisciplinare, capace di coniugare saperi e campi di ricerca diversi, nonché esperienze pratiche a livello internazionale, nazionale e locale. È in quest’ottica che il CRID offre il suo contributo al progetto, ossia inquadrando la problematica come un caso concreto di vulnerabilità situazionale: quella giovanile”.

Per la realizzazione del progetto, la Regione Liguria ha siglato un protocollo di partenariato con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione, con il quale la Regione si impegna a trasferire e condividere con la Direzione Generale le informazioni e i risultati raggiunti. La Direzione, da parte sua, si impegna a valorizzare tutte le informazioni e i materiali del progetto, attraverso il portale Integrazione Migranti e a diffondere i risultati raggiunti tramite la propria rete istituzionale.

La sessione mattutina, dopo un’illustrazione del progetto e della sua metodologia da parte di Theo Gavrielides, Fondatore e direttore dell’IARS International Institute di Londra e coordinatore di YEIP e di Sinclair Coward, Responsabile del Dipartimento di Servizio Sociale e Assistenza Integrata, Buckinghamshire New University, sarà focalizzata sulla prospettiva internazionale, con la presentazione dei risultati di alcuni studi condotti da importanti istituti di ricerca europei.

La sessione pomeridiana si focalizzerà sul contesto italiano e su esempi di partecipazione giovanile. Tra i relatori anche Stefano Dambruoso, Questore della Camera dei Deputati e magistrato, esperto di terrorismo internazionale primo firmatario del disegno di legge sulla prevenzione della radicalizzazione. Le conclusioni saranno affidate a Tatiana Esposito, Direttore Generale, DG dell’immigrazione e delle politiche d’integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

“La ricerca  – afferma Manuela Tagliani ricercatrice del progetto YEIP – ha messo in luce la necessità di un maggiore impegno dell’Italia in tema di prevenzione sociale della radicalizzazione, aspetto spesso messo in ombra dalle esigenze di contrasto e prevenzione penale. È emersa inoltre l’esigenza di spostare l’attenzione generale verso una concezione più ampia di radicalizzazione che permetta di includere tutte le forme di estremismo violento che possono influire negativamente sulla vita dei giovani. Il progetto YEIP potrebbe rappresentare, in questo senso, un punto di riferimento positivo per tutti coloro che, quotidianamente, sono impegnati nell’educazione e formazione delle nuove generazioni”.

Il convegno sarà anche l’occasione per lanciare il volume “Young, marginalised but not radicalised: A comparative study of positive approaches to youth radicalisation” che raccoglie i risultati di un’attività di ricerca realizzata nei diversi Paesi coinvolti: non solo l’Italia, dunque, ma anche il Regno Unito, la Romania, il Portogallo, Cipro, la Grecia e la Svezia. Il testo include capitoli dedicati a ciascun Paese e scritti nelle lingue nazionali, insieme ad un’analisi comparativa in lingua inglese. Il report sarà scaricabile gratuitamente dal sito del progetto, all’indirizzo: www.yeip.org

Per maggiori informazioni: http://yeip.org/international- conference-22-january-2018- modena-italy/

Rubriche

Glocal
Lo shutdown più lungo della storia americana
Lo shutdown americano, il più lungo della storia americana, sta avendo conseguenze negative che non riguardano soltanto il presente della più grande democrazia del pianeta, ma anche il futuro.leggi tutto
Glocal
I costi dello shutdown americano
Il Presidente americano vuole assolutamente il muro ai confini con il Messico: “farò tutto il necessario”, avrebbe dichiarato nei giorni scorsi, “il pubblico americano chiede il muro”.leggi tutto
Glocal
America in shutdown
Blocco di un quarto delle attività federali per mancanza di fondi. Trump: "Speriamo non duri a lungo". E rinuncia alle vacanze di Natale.leggi tutto
Glocal
Qualità della vita in Italia 2018
Italia Oggi, in collaborazione con l’Università “La Sapienza” di Roma, ha realizzato anche quest’anno l’indagine sulla qualità della vita in Italia. La classifica vede le province del Nord –Est fare la parte del leone, con Bolzano e Trento rispettivamente al 1° e 2° posto, seguite da alcune province del Nord-Est quali Belluno, Pordenone e Treviso rispettivamente al 3°, 5° e 9° posto.leggi tutto
Glocal
IL GOVERNO DEL CAMBIAMENTO
In conclusione abbiamo un’emergenza chiamata debito pubblico. Dobbiamo cominciare a pensare che sia il caso di smettere di spendere più soldi di quelli che abbiamo. Dobbiamo cominciare a pensare di smettere di promettere sogni che non si possono realizzare, e che occorre disinnescare l’incubo di una spirale di sfiducia nei confronti dell’Italia che manderebbe all’aria la nostra credibilità.leggi tutto
Consigli di salute
Dieta e tumori, ne parla la dottoressa Federica Felicioni
Tanti i miti da sfatare: non esite una dieta anticancro e non è vero che chi è malato debba mangiare di tutto per essere più forteleggi tutto
Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchPiantagione di marijuana, la scoperta dei Carabinieri a Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Prelievi col bancomat fatti a sua insaputa, poi la scoperta: il ladro è un suo dipendente
    Prelievi col bancomat fatti a sua insaputa, poi la scoperta: il ladro è un suo dipendente
    "Non è possibile, non posso essere stato io ad avere preso tutti questi soldi dal bancomat". E stavolta aveva ragione.[...]
    Ai domiciliari non ci vuole stare: "Meglio il carcere, almeno lì si mangia"
    Ai domiciliari non ci vuole stare: "Meglio il carcere, almeno lì si mangia"
    Con queste parole una donna di San Giovanni in Persiceto, in regime di domiciliari, si è rivolta ai Carabinieri[...]
    E a Reggiolo nasce la guida multimediale gratuita via app
    E a Reggiolo nasce la guida multimediale gratuita via app
    Si chiama "Reggiolo in cuffia" ed è il progetto realizzato da alcuni ragazzi del luogo. E chissà che non possa essere uno spunto per la nostra Bassa...[...]
    Un mirandolese fra i romanisti: "Bighina" Benatti, lo... straniero in giallorosso
    Un mirandolese fra i romanisti: "Bighina" Benatti, lo... straniero in giallorosso
    Dalla testata "Il Romanista" rispunta una curiosità calcistica che riguarda un campione d'antan nato nella Bassa[...]
    Quel filo di solidarietà tra Kathmandu e Finale Emilia - LA STORIA
    Quel filo di solidarietà tra Kathmandu e Finale Emilia - LA STORIA
    Intervista ad Antonella Diegoli, l'insegnante di Finale che è appena stata in Nepal per portare gli aiuti raccolti nella Bassa[...]
    Da San Felice Gianni Bellini fa nascere il Museo della figurina a Chiasso
    Da San Felice Gianni Bellini fa nascere il Museo della figurina a Chiasso
    Apertura prevista nella primavera 2020, su un'area di oltre duemila metri quadri[...]
    Rodolfo Ferrari, cento anni fa moriva il grande direttore d'orchestra di Staggia
    Rodolfo Ferrari, cento anni fa moriva il grande direttore d'orchestra di Staggia
    Enfant prodige salì sul podio ad appena 24 anni, dirigendo numerose opere italiane nei più importanti teatri del mondo.[...]
    La strada trasformata in una pista di ghiaccio
    La strada trasformata in una pista di ghiaccio
    Giornata difficile per il ghiaccio e la nebbia nella Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: