SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Nuove assunzioni, guardia attiva giorno e notte e più formazione: ecco come sarà salvato il Punto Nascite di Mirandola

Nuove assunzioni, guardia attiva giorno e notte e più formazione: ecco come sarà salvato il Punto Nascite di Mirandola. Non raggiungendo il numero minimo di parti ritenuto dal Ministero sufficente a garantire tutte le norme di sicurezza, dovrebbe infatti chiudere, ma la sua posizione strategica in area terremotata ha fatto guadagnare una deroga di due anni. A patto che, è stato messo in chiaro da Roma, vengano attivate una serie di misure e modifiche importanti. Proprio queste sono state illustrate dall’Ausl all’Unione Comuni Area Nord e saranno realizzate entro giugno.

La nota dell’Unione Comuni Area Nord

In occasione della presentazione del rapporto sul Punto Nascite di Mirandola, illustrato dall’Azienda Usl di Modena durante lo scorso Consiglio dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, la Giunta dell’Unione Comuni Area Nord ha espresso soddisfazione per la deroga di due anni concessa dal Ministero.
Con 425 parti nel 2016, il Punto Nascite di Mirandola si colloca infatti al di sotto della soglia minima dei 500 parti definita dal Ministero e dalla Commissione Percorso Nascita Nazionale per garantirne l’attività in sicurezza. Ciononostante, il Comitato Percorso Nascita nazionale ha concesso la deroga temporanea di due anni, a fronte dell’adeguamento dei criteri di sicurezza previsti dal “protocollo metodologico” – con particolare attenzione alla presenza h24 di guardia attiva di anestesista, ginecologo, pediatra ed ostetriche e di un monitoraggio semestrale dell’andamento nel numero dei parti.

Le condizioni della deroga ministeriale sono state esposte durante il Consiglio dell’Unione dal Direttore Generale dell’Azienda Usl di Modena Massimo Annicchiarico, dalla Direttrice dell’Ospedale di Mirandola Manuela Panico e dal Direttore del Distretto Sanitario di Mirandola Massimo Fancinelli.
Il bacino dell’Area Nord conta circa 84.000 abitanti con un potenziale di parti che oggi si colloca intorno a circa 700 all’anno, sufficiente a raggiungere la soglia minima richiesta. L’Azienda di Modena dovrà predisporre un progetto finalizzato ad aumentare l’indice di fidelizzazione delle donne al Punto Nascite di Mirandola, così da garantire il superamento della quota minima di 500 parti all’anno. Il livello operativo dovrà essere quello di “Punto Nascite di I livello” secondo gli standard assistenziali previsti dall’accordo Stato/Regioni del 2010.

Entro giugno 2018 sarà dunque incrementato il personale della Pediatria grazie all’assunzione di quattro unità necessarie per la guardia attiva h24. Nel frattempo la copertura dei turni sarà garantita dal personale di Pediatria dell’Area Nord e dell’ospedale di Sassuolo. Il personale di Anestesia e di Ostetricia e Ginecologia di Carpi-Mirandola sarà adeguato alle esigenze di turnazione con incrementi entro marzo 2018. Già attivo da lunedì 8 gennaio infine il doppio turno ostetrico di 24 ore, tutti i giorni della settimana.
Per quanto riguarda la struttura, tra il 2016 ed il 2017 il reparto è stato potenziato e sono stati acquisiti nuovi strumenti tecnologici. Nel corso del prossimo biennio si punterà a innovare ulteriormente l’area pediatrica ed il nido, mentre per i primi mesi del 2018 sono già stati pianificati percorsi formativi per il personale e la valutazione trimestrale degli esiti dell’attività del reparto.
Sull’attività di promozione del PN di Mirandola l’Azienda Usl di Modena, in collaborazione con i Comuni dell’UCMAN e le Associazioni di volontariato del territorio, ha investito in modo rilevante: proseguiranno sia la diffusione di materiali informativi su molteplici canali (il blog “Nascere a Mirandola”, il periodico del Comune di Mirandola, video illustrativi), sia gl’incontri sul territorio per far conoscere il Punto Nascite ed il percorso nascita attivo per tutte le future mamme.

Rubriche

Glocal
L’intelligenza artificiale creerà nuovi posti di lavoro?
L’intelligenza artificiale migliorerà la produttività di molti posti di lavoro, eliminando milioni di posizioni di medio e basso livello, ma anche creando milioni di nuove posizioni di alta qualifica.leggi tutto
Glocal
Il difficile rapporto tra l'Italia e le start-up
Secondo i dati del Ministero dello sviluppo economico (con la collaborazione di Infocamere e Unioncamere), il numero delle società innovative in Italia ha raggiunto la quota di quasi 9.000 imprese.leggi tutto
Glocal
Ocse: "Italia terza per disoccupazione, scendono i salari reali"
LʼOcse segnala un alto livello di insicurezza per quanto riguarda il mercato del lavoro in Italia, la cui situazione è "migliorata negli ultimi anni, ma più lentamente che in altri Paesi"leggi tutto
Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • Watch"Il meteorite è caduto qui", tra Mirandola e San Felice
    • WatchL'arrivo del Papa a San Giacomo Roncole con la musica dei Rulli Frulli
    • WatchBomporto, presentate le barriere antinondazione

    Curiosità

    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Si rompe la sedia mentre gioca a carte al bar, risarcimento da 10 mila euro
    Dovranno pagare i gestori. L'assicurazione del bar, invece, non è stata ritenuta responsabile dell'accaduto. [...]
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    Lancia il sacco di spazzatura dall'auto, il sindaco gliela riporta a casa
    "Sono venuto a restituirle quello che ha perso per strada", le ha detto[...]
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    49 anni dopo i ragazzi della 1B del Luosi del 1969 si ritrovano a cena
    Rinnovata l'antica amicizia, con abbracci calorosi è arrivata la promessa di rivedersi l'anno prossimo per le nozze d'oro. [...]
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    Auto lasciata sulle scale a San Felice
    L'immagine fa pensare a qualche parcheggio selvaggio, di quelli che si vedono a volte nelle grandi città dove proprio posto non se ne trova [...]
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    "Clamoroso al Cibali", addio al calciatore finalese Mario Castellazzi
    Fu autore dello spettacolare gol che il cronista Sandro Ciotti marchiò per sempre con la celebre espressione durante un Catania-Inter d'antan[...]
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Due cagnolini abbandonati e quel latte che sa di miracolo - LA STORIA
    Vengono allattati da una cagnolina sterillizzata che anni fa venne anch'essa trovata per strada[...]
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Perchè suona la sirena a San Felice
    Molti ne riconoscono il suono[...]
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    San Prospero Fantasy, da 8 anni la magia delle fiabe nel cuore della Bassa
    "Il teatro era la loro passione, la fantasia il loro obiettivo. Portare un pizzico di magia, fantasia, storie per affascinare i bambini, trame per intrigare gli adulti"[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: