SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Come un gatto in tangenziale

di Andrea Lodi

Ciò che rende Paesi come il Giappone e Israele, tanto per citarne alcuni, delle vere e proprie eccellenze in fatto di riforme economiche e sociali, è una questione molto semplice: si tratta di quel tacito accordo tra politica e società nel perseguire obiettivi di crescita e benessere sociale.

La capacità di porsi dei ragionevoli limiti

Non che da quelle parti non ci siano potentati economici e politici che tendono ad arricchirsi alle spalle degli ignari cittadini, per carità. Esistono anche là, ma ciò che da secoli hanno appreso quei popoli, quelle culture, è la capacità di porsi dei ragionevoli limiti. E’ la capacità di comprendere che il benessere della comunità, il rispetto delle regole, il perseguimento di obiettivi chiari e condivisi, non possono che rappresentare un effetto moltiplicatore delle risorse appartenenti ad ogni singolo individuo. Non possono che rappresentare una sorta di garanzia in quella forma di polizza assicurativa che ogni giorno siamo costretti a sottoscrivere, che prende il nome di futuro. E per effetto moltiplicatore, intendiamo tutto ciò che tende a generare crescita, sviluppo (inteso anche come innovazione), ricchezza e quindi benessere.

Leggi l’articolo pubblicato su questa rubrica il 6/9/17 dal titolo “L’affidabilità nipponica”

In breve, è la capacità di “avere buon senso”. Mi è capitato spesso, di sentire commenti negativi nei confronti di popolazioni come quelle menzionate ad inizio articolo, nei resoconti di viaggio oltre confine, di qualche conoscente che si ritiene un fine conoscitore di popoli e culture lontane. Non parliamo poi dei popoli del nord Europa, considerati spesso, dai sopracitati conoscenti, come dei veri e propri imbecilli. Ed è questo il punto, confondere la semplicità di pensiero, la chiarezza delle idee e soprattutto la schiettezza delle intenzioni, come stupidità, è il classico sintomo di arretratezza socio-culturale. E’ quel tipico atteggiamento che tende a renderci sempre e comunque diffidenti verso tutto ciò che non rientra nel nostro piccolo e ristretto ambito di conoscenze, limitate spesso al fin troppo accessibile mondo del web, con qualche apertura, in alcuni casi, agli “esperti” del bar di fronte casa.

Come un gatto in tangenziale

E’ quel piccolo mondo che fa arrabbiare Giovanni, interpretato da Antonio Albanese, nello splendido film di Riccardo Milani, “Come un gatto in tangenziale”, che non sopporta sentire pronunciare la tipica frase “è tutto un magna, magna”, riferito ovviamente alla politica italiana. Frase pronunciata da Monica, egregiamente interpretata da Paola Cortellesi, una “borgatara” che si trova antropologicamente agli antipodi rispetto all’intellettuale Giovanni. Monica è lo stereotipo di quella parte della popolazione italiana tagliata fuori dalle scelte che la riguardano, poco considerata da un mondo, quello politico, che si ricorda di lei solo in campagna elettorale, ma che non sa nemmeno che esiste. Monica non conosce quali sono i suoi diritti. Vive in una “giungla”, dove le regole, anzi le leggi, sono quelle della strada. Monica fa parte di quella parte della popolazione, che si nutre di notizie false, perché le fanno comodo, perché colmano quel grande gap socio-culturale, che la allontana da personaggi incomprensibili come Giovanni. Monica è strenuamente convinta che il 40% della popolazione italiana sia di immigrati (la percentuale degli stranieri residenti in Italia si aggira attorno a poco più dell’8%), così come è convinta che gli Alieni sono qui tra noi (e probabilmente ha anche ragione).

L’economia italiana non migliora

Monica avrebbe serie difficoltà a comprendere le parole del finlandese Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione Europea, che ha avvertito il governo italiano che come si può vedere dai dati di bilancio “ … la situazione in Italia non migliora. L’unica cosa che posso dire a nome mio è che tutti gli italiani dovrebbero sapere qual è la vera situazione economica in Italia”. Ciò che preoccupa il vicepresidente è il crescente aumento del deficit italiano negli anni. “Si sta parlando della salute dell’economia italiana – continua Katainen – del futuro del welfare, e di conseguenze che rischiano di pesare sulla vita quotidiana dei cittadini”.

Leggi l’articolo pubblicato su questa rubrica il 4/10/17 dal titolo “L’evasione fiscale vale 110 miliardi”

Il problema vero, ciò di cui dobbiamo maggiormente preoccuparci, è che probabilmente anche l’intellettuale sinistrorso Giovanni, ha serie difficoltà a comprendere le parole di Katainen. Ha serie difficoltà a collocarle in un contesto causa-effetto, cercando di andare a scovare i problemi che attanagliano il Paese, laddove essi veramente si annidano. Non sicuramente nei salotti che frequenta lui. Ma nemmeno a casa di Monica, perché quei luoghi, quegli ambienti, quegli odori, non gli appartengono, e non li può nemmeno sopportare.

La nuova sinistra italiana

Monica ovviamente non è una donna di sinistra. Xenofobia, giustizialismo, sono storicamente di destra. Monica non è una donna di sinistra, semplicemente perché non se lo può permettere. Non si può permettere di fare parte di questa “nuova sinistra italiana” (detto in senso ironico, mi raccomando), che ad ascoltarla attentamente, dire che ha perso la “bussola”, parrebbe assolutamente pleonastico.

Perché dalla parte degli intellettuali – in particolare quelli che bazzicano gli ambienti di sinistra – non è che le cose stiano particolarmente meglio. Perché credere che la ministra Boschi abbia incontrato l’ex AD di Unicredit per tutelare i risparmi dei correntisti della Banca del padre, è roba da favole per bambini. Non della stessa opinione, infatti, sono alcuni fedelissimi renziani che, sul blog di un noto giornalista italiano, hanno argomentato a favore della ministra con interventi di alto spessore intellettuale del tipo: “ma occupatevi di cose più serie, voi giornalisti”, “adesso i mali della finanza italiana sono la Boschi”, e altre assurdità. La maggior parte dei presenti alla discussione non ha portato argomentazioni di altro genere che non fossero dei semplici rimproveri, fino all’apoteosi del complotto contro la Boschi perché “donna bella ed intelligente”. Fantastico. La cosa divertente è che leggendo i vari “post”, tanti, mi veniva in mente una tipica scena vista e rivista in alcuni film “neorealisti” degli anni cinquanta. L’immagine dell’automobilista che sfreccia alla velocità di ben centotrenta chilometri orari su una strada con il limite dei cinquanta, che fermato dalla polizia stradale, incurante, ed incosciente, d’aver commesso un grave reato, risponde al malcapitato agente: “invece di prendervela con una brava persona come me, uno che paga le tasse, andate ad arrestare i ladri”. Ecco, questa è l’Italia che ci si ripropone negli anni a venire?

In conclusione. Stiamo veramente come un gatto in tangenziale, come vorrebbe farci credere il vicepresidente della Commissione Europea, o le cose vanno molto meglio, come invece vuole farci credere qualcun altro?

Che dire: intanto, buon 2018 a tutti, poi vedremo.

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: