SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Provincia, fine lavori al Galilei e interventi sulla Canaletto nel bilancio di previsione

Il 2018 sarà l’anno del completamento dei lavori sull’istituto Galilei di Mirandola e della sua inaugurazione, mentre per quanto riguarda la situazione della Canaletto l’obiettivo è quello di sollecitare Anas per ottenere risposte sugli interventi necessari da realizzare, a partire dalla tangenziale di Mirandola: per quanto riguarda la Bassa, sono questi i punti sensibili del bilancio di previsione 2018 della Provincia di Modena, presentato oggi, venerdì 16 febbraio nel corso del Consiglio provinciale da Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia. L’approvazione è prevista per il 16 marzo.

Ecco, nella loro interezza, i comunicati stampa sul bilancio di previsione:

Allo Stato 27 milioni di euro

La Provincia presenta il bilancio di previsione 2018, programma risorse e investimenti su base triennale ed evita la paralisi dell’amministrazione provvisoria, come avvenuto negli ultimi tre anni, a causa dei prelievi dello Stato; prelievo che rimane anche quest’anno, ma scende a 27 milioni di euro contro i 37 milioni versati nel 2017.
Sono queste le novità principali del bilancio 2018 che è stato presentato venerdì 16 febbraio (l’approvazione definitiva è prevista il 19 marzo) nel corso del Consiglio provinciale da Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia.
«Grazie alle novità contenute nella recente legge di Stabilità – ha affermato Muzzarelli – scongiuriamo il blocco delle attività e riprendiamo una programmazione pluriennale degli investimenti, parziale ma fondamentale per avere una strategia almeno di medio periodo. Tuttavia permangono le incognite sul futuro dell’ente e la mancanza di risorse sufficienti per garantire strade e scuole superiori all’altezza di un territorio impegnato nella sfida della competizione globale, senza trascurare le incertezze sul futuro dell’ente ancora non risolte, dopo l’esito del referendum».
Nel corso della discussione Maria Costi, consigliere con delega al Bilancio, ha parlato di «bilancio virtuoso grazie a una gestione attenta, particolarmente complicata in questa fase di transizione», mentre il consigliere Roberto Benatti, dopo aver sottolineato «la positività di un bilancio finalmente pluriennale e lo sblocco delle assunzioni» ha criticato «una riforma sciagurata delle Province che ha lasciato l’ente senza prospettive».
Il bilancio 2018 è stato chiuso grazie anche alla sospensione della rata dei mutui, circa tre milioni di euro, con la Cassa depositi e prestiti, prevista per i territori colpiti dal sisma.
La Provincia, tuttavia, anche quest’anno, non riesce a stanziare risorse proprie per gli investimenti, a parte quelle provenienti dalle alienazioni e dall’utilizzo di una quota dall’avanzo di amministrazione, affidandosi ai contributi e fondi da altri enti per realizzare un piano di opere pubbliche su strade e scuole che ammonta a oltre 66 milioni di euro.
A bilancio anche le risorse messe a disposizione dalla recente legge di Stabilità per far fronte alle manutenzioni straordinarie sulla rete di oltre mille chilometri di strade provinciali pari a un milione e 300 mila euro nel 2018 che diventeranno tre milioni nel 2019 e nel 2020; previste anche le risorse provenienti da alienazioni del patrimonio dell’ente come la vendita del Centro selvaggina di Castelvetro pari a un milione e 400 mila euro e quelle dell’avanzo di amministrazione, per quasi due milioni di euro, destinate a scuole e strade.
E sempre grazie alla legge di Stabilità da quest’anno la Provincia può riprendere ad assumere personale per le attività legate a strade e scuole dopo sette anni di blocco.

Manovra da quasi 80 milioni di euro: dopo sette anni assunzioni per strade e scuole

La Provincia complessivamente presenta un bilancio 2018 che prevede entrate  e uscite pari a quasi 80 milioni di euro a cui si aggiungono le risorse per gli investimenti, pari a 66 milioni di euro messi a disposizione in gran parte da altri enti.
Le entrate tributarie risultano pari a 58 milioni di euro, provenienti soprattutto dall’Ipt sui passaggi di proprietà delle automobili e dalla quota di Rcauto (confermando i buoni risultati del 2017 dovuti alle ripresa del mercato dell’auto), a cui si  sommano le entrate extratributarie, tra cui i dividendi della partecipazione alla società Autobrennero pari a 1,4 milioni di euro.
Le spese correnti, in costante calo  da alcuni anni, arrivano nel 2018 a 61 milioni, di queste 11,8 sono relative alle spese per il personale dei 262 dipendenti che scenderanno ancora per effetto del definitivo passaggio alla Regione dei 41 addetti dei Centri per l’impiego previsto quest’anno.
Il blocco totale delle assunzioni di questi ultimi sette anni è stato attenuato in parte dalla legge di Stabilità che consente alle Province di riprendere ad assumere dal 2018, con priorità al personale impegnato su strade e scuole, compatibilmente con la situazione di bilancio e per far fronte in parte al personale cessato.
Una opportunità che la Provincia di Modena, in vista di diversi pensionamenti, intende utilizzare prevedendo di assumere nel 2018 dieci dipendenti: per far fronte alle esigenze della Polizia provinciale, ma soprattutto geometri, architetti e operai addetti alla viabilità al fine di migliorare la capacità progettuale dell’ente per strade e scuole, accelerando  la conclusione degli investimenti, e garantire l’operatività delle squadre di pronto intervento e manutenzione sulla rete di oltre mille chilometri di strade provinciali.

“Sollecitare l’Anas per gli interventi sulla Ss 12”

Partire entro il 2018 con i lavori per il prolungamento della nuova Pedemontana nel tratto da S.Eusebio alla sp 17. E’ uno degli obiettivi sulla viabilità contenuti nel Piano triennale delle opere pubbliche dove sono previsti anche i lavori per l’ampliamento di un tratto della sp 413 per snellire i collegamenti tra Modena e Carpi, poi la rotatoria a Campogalliano tra la sp 413 via Fornace e l’adeguamento della provinciale 468 tra Carpi e Correggio.
Gli investimenti complessivi ammontano a circa 45 milioni di euro, finanziati in gran parte con risorse provenienti da altri enti e con una quota proveniente dall’avanzo e dalle vendite patrimoniali.
Nell’elenco delle opere figurano anche il completamento della Pedemontana e la tangenziale di S.Cesario, oltre ai lavori sulla strada provinciale 623 Vignolese tra il casello di Modena sud e Spilamberto, i lavori sulla sp 23 a Gombola di Polinago, sulla sp 4 Fondovalle Panaro a Pavullo e diversi tratti della viabilità dell’Appennino, oltre alla manutenzione straordinaria della rete viaria per circa un milione e 300 mila euro.
Tuttavia, in base alle stime dei tecnici provinciali, per mantenere in efficienza la rete servirebbero oltre nove milioni all’anno, mentre il completo ripristino dei tratti degradati ha un costo di quasi 60 milioni.
Nel corso del Consiglio provinciale, inoltre il presidente della Provincia Gian Carlo Muzzarelli ha sottolineato che «scuola e viabilità sono fondamentali per la competitività del territorio, per questo prosegue il nostro impegno politico insieme alla Regione per sollecitare Anas al fine di ottenere risposte sugli interventi da realizzare sulla statale 12 a partire dalla tangenziale di Mirandola».
Infine tra i lavori che partiranno in primavera, già finanziati con risorse precedenti, spiccano quelli per riaprire la provinciale 26 del Malandrone a Serramazzoni, tuttora chiusa la traffico per il degrado del fondo stradale.

Edilizia scolastica, nel 2018 la conclusione dei lavori al Galilei

Per l’edilizia scolastica superiore modenese la Provincia mette in campo risorse per oltre 21 milioni euro che provengono soprattutto da Stato e Regione.
Tra gli interventi programmati spiccano l’ampliamento del polo scolastico Levi-Paradisi a Vignola e del polo Selmi-Corni di Modena, per far fronte all’aumento degli iscritti, i lavori al Corni in largo Aldo Moro, al Barozzi, al Cattaneo e al Venturi in via Belle arti a Modena, allo Spallanzani e alle ex Messieri a Castelfranco Emilia, al Baggi di Sassuolo e l’ampliamento della palestra del Cavazzi-Sorbelli a Pavullo e diverse manutenzioni.
Quest’anno la Provincia ha in programma la conclusione di due interventi sull’edilizia scolastica: l’inaugurazione del nuovo Galilei a Mirandola e la riapertura della sede di via dei Servi, in centro storico a Modena, dell’istituto d’arte Venturi.
La Provincia gestisce la manutenzione di 58 edifici scolastici superiori, 24 palestre quasi 1400 aule e oltre 500 laboratori.

Rubriche

Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Va a rapinare la farmacia vestito da cowboy
    Si tratta di un pregiudicato 50enne vecchia conoscenza dei Carabinieri[...]
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    I successi dell'Emilia-Romagna raccontati dai francobolli del mondo
    Presentata la nuova pubblicazione “Emilia-Romagna. Una Regione fra i dentelli europei”[...]
    Da Mirandola ecco Raffy che ci porta a ballare Al Chiringuito
    Da Mirandola ecco Raffy che ci porta a ballare Al Chiringuito
    La giovane, al secolo Raffaella Maria Senese, è già nella Top 10 della classifica radio Airplay con il brano "Tortellini in Lamborghini".[...]
    È di Soliera il campione italiano di scacchi under 10
    È di Soliera il campione italiano di scacchi under 10
    Dall'1 all'11 agosto sarà con la Nazionale agli Europei di Bratislava[...]
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Per questo motivo nell’area sotto al ponte è vietata la sosta fino a lunedì 22 luglio[...]
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    il titolare del wine shop Lambruscheria ha deciso di accettare in pagamento le monete virtuali[...]
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Grandi macchie di sostanza bianca erano comparse a pelo d'acqua nei giorni scorsi[...]
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Tra i partecipanti i politici forzisti della Bassa, da Giorgio Cavazzoli (consigliere comunale a Finale Emilia) a Marian Lugli (consigliere comunale a Mirandola)[...]
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Un cedro a Medolla, un pioppo a Cavezzo e una quercia a Soliera sono gli alberi più grandi della Bassa[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: